Log in
A+ A A-

Assomusica

Website URL:

ELMA ATTENDS MUSIC MOVES EUROPE MEETING IN BRUSSELS

ELMA partners attends the Music Moves Europe meeting organized by the EU Commission on February 14th in Brussels.

Music Moves Europe is a fundamental moment for the definition of a renewed policy for the whole music sector, and ELMA partners will participate with a contribution that moves from the ELMA Initiative findings to drive a longer term path with the EC and the different organizations involved in its networking activities, in a common and shared view and strategy.

ELMA Initiative: a common voice to support EC and Music, to Move Europe!

In January 2015, the European Live Music Association (ELMA) launched a European initiative to promote the development of a European network of associations and enterprises representing the live music events producers and organizers at European level.

Since then, ELMA partners have attended annually ILMC, MedimexMidemLinecheck, Nouvelle Prague, Reeperbahn and other key international music conferences and showcases, to meet with different institutions and organizations involved in the process, and start a debate on the main challenges that European Live music sector professionals face in their daily work.

Stepping on the Music Moves Europe momentum (Brussels, February 14th, 2018), ELMA Initiative is the first occasion for different but complementary partners collaborating with the Association, to formally address the EU, in order to enhance the debate on the main challenges of the Live music sector professionals, and the common needs of event promoters and producers for the internationalization of their careers.

The main objective of the ELMA Initiative has been to assess a white paper draft on issues of the Live Music Sector, to be addressed to the EU institutions.

More than 30 partners representing major national Associations, Foundations, Organizations and Companies from 13 EU member and candidate countries have participated to the initiative and delivered a first strategic document to be considered a starting point for further activities development.

A very promising indicator for future joint activities, and a vibrant message to the commission!

See more

 

ELMA attends annual assembly of Spanish Music Promoters Association (APM)

Following encounter between ELMA and APM representatives during the Linecheck Festival events in November 2017, ELMA partners attends the annual assembly of the Spanish Music Promoters Association / Asociación de Promotores Musicales (APM) to present the objectives of the association and enlarge its network.

APM already supported the #ELMAinitiative that was launched together with the #MusicMovesEurope Preparatory action during the kickoff event of the project, at the European Commission on February the 14th in Brussels.

APM Annual Assembly:

The Asociación de Promotores Musicales (APM) has chosen Benidorm to hold its annual assembly, and from February 28 to March 2, the city will gather about 300 event entrepreneurs, responsible for some of the main festivals and tours  of the country, owners of concert halls and theaters, as well as international bookers of the sector.

APM represents the more than fifty leading Spanish companies promoting concerts and is responsible for more than 80% of private companies. Among them, are Live Nation, Doctor Music, Universal GTS and RLM ; as well as the main music festivals, such as the Low Festival, Primavera Sound, Mad Cool and BBK .

More about APM

Asociación de Promotores Musicales (APM) joins the European Live Music Association (ELMA)

 

ELMA members and partners are proud to announce that the Music Promoters Association of Spain (Asociación de Promotores Musicales APM) will join the European Live Music Association (Elma), a decision that Albert Salmeron (President) and Tito Ramoneda (Vice-President) announced following the 18th General Assembly of the Association during which members voted for the adhesion of APM to ELMA.

Publication of APM Press Release:

The Music Promoters  Association of Spain (APM),  which represents more than 80% of music producers & promoters of the live music sector in the country, joins the European Live Music Association (Elma), as decided in majority this Thursday in the framework of the XVIII Assembly of the entity, held in Benidorm.

Vincenzo Spera, president of Elma and Assomusica (association of Italian promoters) and Georges Perot, co-founder and member of the board of directors of Elma and NPO MESO events (Hellenic Music Day Organisers Network), have presented aims and goals, as well as projects.

Promoters not only create culture and socialization but they support economy” Spera assured. “We are the heart of the live music sector and, however, until now we had no voice in the European Union” added Perot.

For this reason, they have argued, Elma was born in 2015 as an international non-profit association, aiming to operate as a European umbrella of associations, companies and professionals, to support the sustainable development of the live music industry even in countries where musical promoters are not yet associated, to support European Institutions and to lobby.

For this reason, they have argued, Elma was born in 2015 as an international non-profit association, aiming to operate as a European umbrella of associations, companies and professionals, to support the sustainable development of the live music industry even in countries where musical promoters are not yet associated, to support European Institutions define road map for current and future needs and to join forces to lobby at National and EU level.

Among its objectives, Elma aims to measure the live music business in Europe through the data generated by its partners and to issue credible proposals for short and long term solutions, to present to the European institutions.

Thus, Elma aims to identify the common problems and needs of the European music sector, support a system that helps and promote new talent and provide innovative models within the framework of the European Union: promoting mobility, exchanges and business opportunities.

“The main objectives of the association are to lobby and influence European legislative policies”, Perot continued, who has maintained that the association acts in three complementary topics: harmonization of national and European policies, support of educational, entrepreneurial and training activities and finally research and mapping initiatives, both at regional and national level.

 

APM si unisce alla European Live Music Association (ELMA)

L'Associazione dei Promotori Musicali (APM), che rappresenta oltre l'80% dei promotori privati ​​del settore live in Spagna, si unisce alla European Live Music Association (Elma), come deciso a maggioranza giovedì 1 marzo, in occasione della XVIII Assemblea annuale, tenutasi a Benidorm.

 

Vincenzo Spera, presidente di Elma e Assomusica (associazione dei promotori e produttori italiani) e Georges Perot, fondatore e membro del consiglio di Elma, hanno partecipato in rappresentanza dei partner Elma, per illustrare il progetto.

 

"I promotori creano economia, non solo cultura e socializzazione", ha affermato Spera. "Siamo il cuore del settore della musica dal vivo e, tuttavia, fino ad ora non avevamo voce nell'Unione europea", ha aggiunto Perot.

 

Per questo motivo, hanno sostenuto, è nata Elma, nel 2015, come associazione internazionale senza scopo di lucro, soggetto europeo che possa riunire le associazioni, aziende e professionisti per sostenere lo sviluppo dell'industria della musica dal vivo, e per fare lobby anche in paesi in cui i promotori musicali non sono ancora associati.

 

Tra i suoi obiettivi, Elma si propone di analizzare il business della musica dal vivo in tutta Europa attraverso i dati generati dai partner stessi e di presentare in modo coerente proposte credibili per soluzioni a breve e lungo termine, da sottoporre alle istituzioni europee.

 

Elma mira a identificare le problematiche e le esigenze comuni del settore musicale europeo, sostenere un sistema che aiuti a promuovere nuovi talenti e fornire modelli innovativi nel quadro dell'Unione europea favorendo la mobilità, gli scambi e le opportunità di business.

 

"L'obiettivo dell'associazione è di spingere ed influenzare le politiche legislative europee", ha continuato Perot, che ha sostenuto che l'associazione deve agire su tre livelli: a livello politico, con la sua presenza a Bruxelles, attraverso lo sviluppo di iniziative, a livello di comunità e locale.

 


see more

 

Assomusica and ELMA express satisfation for the unanimous approval of Creative Europe Programm

ASSOMUSICA AND ELMA EXPRESS SATISFACTION 
FOR THE UNANIMOUS APPROVAL OF CREATIVE EUROPE PROGRAMME
EU PARLIAMENT DOUBLES FUNDS FOR CULTURAL SECTOR


Assomusica
, Italian Association of Organisers and Producers of Live Music Shows, and ELMA, European Live Music Association, express their satisfaction for the unanimous approval by the Culture Committee of the European Parliament of the Creative Europe 2021-2027 Programme, which doubled EU funds from 1,4 bln (2014-2020) to 2,8 bln for the cultural sector, including support for live music and concerts.


President of Assomusica Vincenzo Spera
 declared “Finally live music has been recognised as an important asset for the European cultural and creative sector, after beign ignored for too long. MEP Silvia Costa and the shadow rapporteurs carried out a very fruitful work, as did the committee, which in a very short timeframe managed to express a position on such important text for culture, creativity and distribution of artworks.


Also thanks to the committment of Assomusica, the music sector will have new dedicated financing instruments and support for live shows will not have to compete with other forms of art. This will result in easier mobility for european artists within the Union, favoring young talents and cultural diversity.


The sectorial focus on music follows the great results of the pilot project Music Moves Europe, launched in 2018 by the Commission upon request of market stakeholders including Assomusica. The Parliament has confirmed for the future European budget a dedicated line funding and annual calls for projects dedicated to the music sector. Investments in the cultural sector represent a great opportunity for European young talents and SMEs. In Italy live music is constantly growing: between 2012 and 2017 grew an average of 10% year-on-year.


The music industry is very dynamic at european level: it generates a 25 bln turnover and employs 1.2 billion people. The new programme foresees actions dedicated to support a network of university radios which will be communicating Europe to young people.                                                                                                                                                                                                                           


“ We hope that the Parliament can swiftly confirm this outstanding achievement” said Assomusic President “and that national Governments will not hesitate to seize the opportunities granted by the new Programme”.




Assomusica press offices :
Daniele Mignardi Promopressagency:  info@danielemignardi.it- Tel. 06.32651758
SEC SpA: Angelo Vitale (338/6907474 – vitale@secrp.com) – Elena Castellini (335/6271787 – castellini@secrp.com)

PARLAMENTO EU: VIA LIBERA AL PROGRAMMA EUROPA CREATIVA

ASSOMUSICA ED ELMA
"Un importante risultato verso la valorizzazione della musica dal vivo"


Giovedì 28 marzo - 
Il Parlamento Europeo ha votato per raddoppiare il bilancio 2021-2027 del programma Europa Creativa, per una migliore circolazione internazionale delle opere e mobilità degli artisti. Il testo è stato approvato oggi in plenaria con 501 voti a favore, 51 contrari e 42 astensioni.


Assomusica
, l’Associazione Italiana degli Organizzatori e Produttori di Spettacoli di Musica dal Vivo, ed ELMA, European Live Music Association, esprimono soddisfazione e compiacimento per questo primo e importante risultato nel percorso verso la valorizzazione del settore della musica dal vivo.

“Finalmente – dichiara Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica – la musica dal vivo è stata riconosciuta come un asset importante dell’industria culturale e creativa europea”.


Grazie anche all’impegno di Assomusica, saranno messi a disposizione nuovi strumenti di finanziamento e supporto per gli spettacoli live. Secondo la relazione del Parlamento “la musica, in tutte le sue forme ed espressioni, e in particolare la musica contemporanea e dal vivo, è una componente essenziale del patrimonio culturale, artistico ed economico dell'Unione. È un elemento di coesione sociale, integrazione multiculturale e socializzazione giovanile e funge da strumento essenziale per valorizzare la cultura, compreso il turismo culturale. Il settore musicale dovrebbe pertanto costituire un punto focale (...) in termini di distribuzione finanziaria e di azioni mirate. Inviti e strumenti su misura dovrebbero contribuire a stimolare la competitività del settore musicale e ad affrontare alcune delle sfide specifiche che lo riguardano.”


Tra gli obiettivi specifici del nuovo programma, il Parlamento Europeo include il “sostegno al settore della musica: promozione della diversità, della creatività e dell'innovazione nel settore della musica, in particolare nel settore della musica dal vivo, anche attraverso la creazione di reti, della distribuzione e della promozione di un repertorio e di opere musicali (...), della formazione, della partecipazione e dell'accesso alla musica, dell'allargamento e della diversificazione del pubblico, della visibilità e del riconoscimento dei creatori, dei promotori e degli artisti, in particolare giovani ed emergenti”. 


“Auspichiamo
 - continua il Presidente di Assomusica - che i Governi nazionali non esitino nel cogliere le opportunità garantite dal nuovo Programma”.


Comunicazione “Assomusica”: Daniele Mignardi Promopressagency
info@danielemignardi.it- Tel. 06.32651758

EUROPEAN PARLIAMENT GREENLIGHTS CREATIVE EUROPE PROGRAMME

Assomusica, Italian association of organisers and producers of live shows, and ELMA, European Live Music Association, express satisfaction for approval with a vast majority by the European Parliament of the Creative Europe Programme, which will double the funds to support the cultural sector, including live music shows. The adoption by the plenary of the European Parliament represents a major milestone in the path towards valorization of live music.

President of Assomusica Vincenzo Spera declared: “Finally live music has been recognised as an asset for the European cultural and creative sectors.”

Thanks to the engagement of Assomusica new funding instruments will be made available for live music shows. According to the Parliament’s report “Music, in all its forms and expressions, and in particular contemporary and live music, is an important component of the cultural, artistic and economic heritage of the Union. It is an element of social cohesion, multicultural integration and youth socialisation and it serves as a key instrument to enhance culture, including cultural tourism. The music sector should therefore be a particular focus of the specific actions (…) in terms of financial distribution and targeted actions. Tailor-made calls and instruments should help boost the competitiveness of the music sector and address some of the specific challenges it faces.”

Among the objectives of the programme the Parliament specified the “support to the music sector: promoting diversity, creativity and innovation in the field of music, in particular live music sector, also through networking, the distribution and promotion of a diverse European musical works (…), training, participation in and access to, music, audience development, the visibility and recognition of creators, promoters and artists, in particular young and emerging ones”. Therefore, the European Commission cannot fail to issue calls for projects related to this objective.

President Vincenzo Spera concluded: “It is our hope that Member States Government will not miss the opportunities granted by the new Programme”

LINECHECK MUSIC MEETING AND FESTIVAL

main content partner of

LINECHECK MUSIC MEETING AND FESTIVAL

5a EDIZIONE - DAL 19 AL 24 NOVEMBRE 2019 - MILANO

LE NOVITÀ DI QUEST’ANNO: CONCERTI E SHOWCASE DIFFUSI NEL DISTRETTO NAVIGLI. GUEST COUNTRY: CANADA. TEMA PORTANTE DEGLI INCONTRI:

#SoundsLikeDiversity.

TRA GLI HEADLINER: DALLA NIGERIA SEUN KUTI, FIGLIO DI FELA, CON “LA PIÙ INFERNALE MACCHINA RITMICA DELL’AFRICA TROPICALE”, GLI EGYPT 80.

 

Roma, 13 settembre 2019 - Annunciati durante KeepOn Fest nuovi dettagli del programma di Linecheck 2019, main content partner di Milano Music Week: sei giorni di incontri e workshop di livello internazionale sui temi caldi dell’industria musicale. Alla sua quinta edizione, Linecheck è il punto di riferimento per music manager, promoter, etichette, agenti di booking, policy maker culturali, art director e professionisti della comunicazione, producer. Attesi oltre 2000 delegati, 40% internazionali, per oltre 70 eventi tra panel, networking session, masterclass. Guest country di quest’anno: il Canada. E alla sera dopo il Meeting, il Festival, uno showcase diffuso su 10 locali, con oltre 50 live, progetti inediti e formazioni internazionali alla prima volta in Italia.

 

Il Meeting diurno avviene negli spazi ex-industriali di BASE Milano, centro per l’innovazione nelle industrie creative, nel distretto della moda e del design di zona Tortona, all’interno del quale sono da poco attive le musicROOMS, spazio multifunzionale dedicato ai professionisti della musica, con un proprio mini anfiteatro interno e la speciale CAPSULA, un box con pareti trasparenti e suono immersivo 3D. La sera, i live e gli showcase per la sezione Festival avvengono sui due palchi di BASE, nella CAPSULA e in forma diffusa nella vicina zona Navigli, in un circuito di circa 10 club e locali per la musica dal vivo. La conferenza vera e propria si svolge nei giorni 21 - 23 novembre, mentre la neonata Linecheck Academy avrà luogo il 19 e il
20 con una masterclass in partnership con SAE Institute e altri workshop a numero chiuso.

I temi del Meeting.



Tra i principali temi trattati, il music export, con guide pratiche e networking session per creare connessioni e capire come muoversi su specifici mercati: Canada, Russia, Medio Oriente, UK e Francia. Molti i contenuti legati a industrie contigue alla musica su cui la città di Milano ha una spiccata vocazione produttiva: fashion, design, branding, social media e pr, art direction, pubblicità. Altri temi caldi trattati: il diritto d’autore e la sua evoluzione attuale, sync, publishing e tech, concentrati in prevalenza nelle giornate di giovedì e venerdì, mentre il sabato sarà orientato per lo più al mondo festival e live, tendenze di passato e futuro, musica e dinamiche urbane. Linecheck è anche un momento di riflessione sociale. Le parole chiave del 2019 sono diversità e inclusione:

#soundslikediversity, tema connesso con il guest country, il Canada, nazione portabandiera del multiculturalismo.

 

Alla #diversity Linecheck dedica la mattinata d’inaugurazione di giovedì 21 novembre con un panel che mette a dialogo soggetti italiani e internazionali che lavorano sul tema della musica come strumento di attivismo politico e sociale: In Place of War, Attitude is Everything, Stregoni, IndiePride, la manager di Toronto Meg Symsyk (Entertainment One) attiva per Woman in Music Canada e Alan Greyeyes, portavoce della nuova cultura indigena canadese.

Novità di quest’anno è la presenza di un guest country. Inaugura il Canada: insieme all’Ambasciata del Canada, alla Delegazione del Québec e FACTOR (Foundation Assisting Canadian Talent On Recordings), un’ampia delegazione di professionisti canadesi popolerà Linecheck, i panel e le networking session.

Tra gli altri panel già in programma: “A&Ring today:

Turbohype vs Longseller, Numbers vs Taste”, “Technology & Artistic Direction - New ways of Festival and Venue booking” e un appuntamento su una delle ex-sottoculture meno incluse nelle riflessioni del business musicale: “Metal 2020: Where the hell’s the innovation?”


Per Linecheck Academy, Paola Zukar, manager di rapper italiani come Fabri Fibra, Marracash, Clementino e autrice del libro Rap - Una storia italiana (2017), terrà una masterclass martedì 19 dalle 10 alle 18, sulla figura del manager artistico nel rap e lo sviluppo della carriera di un artista sul medio-lungo periodo.

 

 

 

 

La line-up del Festival

La line-up del festival propone una serie di esplorazioni sonore e geografiche, con molti talenti internazionali alla prima volta in Italia, e progetti inediti ancora da scoprire. Con alcune eccezioni: tra gli headliner dei concerti serali, Seun Kuti, figlio di Fela, il leggendario musicista e attivista pioniere dell’afrobeat. Cantante, sassofonista, autore e militante, la sua presenza è legata al tema portante #soundslikediversity. Con lui la storica formazione degli Egypt 80: dopo la morte prematura del padre nel 1997, Seun ha assunto a soli 15 anni il ruolo di cantante della band, “la più infernale macchina ritmica dell’Africa tropicale”, assumendone anche l’impegno politico e sociale.

Headliner italiano del festival è Giorgio Poi (Bomba Dischi): golden boy dell’itop, paroliere, polistrumentista e produttore, porterà sul palco di BASE Milano i pezzi del suo “primo secondo album” Smog e il resto della suo repertorio. Nato a Novara, romano d’adozione, cresciuto tra Londra, Berlino e ora Bologna, Giorgio Poi è l’artista di riferimento per tutta quella corrente di musica italiana di successo e qualità, vantando collaborazioni di successo con artisti come Calcutta, Frah Quintale e Carl Brave. Giorgio Poi è inoltre recentemente stato chiamato dai Phoenix ad aprire varie tappe del loro tour (Milano, Parigi, New York, Los Angeles).

Per il Canada: da Toronto i Doomsquad (Bella Union), trio di art-dance ed elettronica psichedelica che porteranno a Linecheck un progetto speciale con i milanesi NAVA (Nettwerk); Hubert Lenoir, artista queer glam pop, “le David Bowie québecois”, candidato per il Polaris Music Prize 2018; respectfulchild, progetto strumentale che esplora i limiti sonori del violino usando pedali looper e altri accessori; Booty EP, duo elettropop che cura personalmente le riprese, il montaggio e la postproduzione di tutti i visual che accompagnano i brani.
Tra gli altri artisti: il duo tedesco Olmo Mathilda; il prog-post-math rock dei The Pier; SHERELLE, con le sue footwork, juke e jungle; l’R’n’B di Arlo Parks, diciannovenne inglese di origini nigeriane alla sua prima apparizione italiana; il fisarmonicista bielorusso Yegor Zabelov; Blu Samu, tra poetessa e urban samurai, con una controversa unione di soul, jazz, funk e rap; i suoi suoni intimisti di Ginevra; gli arrangiamenti soul, indie e folk di Eugenia Post Meridiem; la psichedelia degli Al Doum & The Faryds e il rap del giovane ghanese Mannie Mims.

 

Navigli nuovo distretto della musica live, per la Milano Music Week.

Tra le novità del 2019, il programma di concerti serali diffuso su 10 diversi locali di un nuovo distretto della musica live che sta prendendo forma: i Navigli, a pochi passi dai quartier generali di BASE Milano. Venue confermate: ElitaBAR, Ex-Fornace, nonostantemarras, Ostello Bello, RAL, Rocket, ZOG Navigli.

 

 

 

Linecheck è main content partner della Milano Music Week, che dal 18 al 24 novembre 2019, vedrà tutta la città di Milano sintonizzarsi sulle frequenze più diverse della musica. Promossa per la terza volta da Comune di Milano - Assessorato alla Cultura, SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), Assomusica (Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal Vivo) e NUOVOIMAIE (Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti o Esecutori), con il patrocinio del MiBAC Ministero per i beni e le Attività Culturali, e in collaborazione con Linecheck per il coinvolgimento degli operatori di settore, Milano Music week vuole essere un racconto a 360° dell’industria musicale, attraverso l’intera filiera e suoi protagonisti, con un lavoro collettivo che si sviluppa nel corso dell’anno fino ad arrivare alla settimana della musica per eccellenza.

I partner, le collaborazioni.

 

Oltre alla presenza canadese, Assomusica, FIMI e l’Ufficio SIAE Italia Music Export si riconfermano tra i primi partner di Linecheck 2019, insieme a British Council, NUOVOIMAIE PMI - Produttori Musicali Indipendenti, SAE Institute e shesaid.so.
Sul fronte dell'internazionalizzazione della musica italiana, Linecheck collabora con l’Ufficio SIAE Italia Music Export, che ha curato alcuni dei panel e workshop sul tema e ha facilitato la partecipazione di professionisti stranieri all'evento.

 


Quattro importanti collaborazioni consolidano l’inserimento di Linecheck nel network della music industry europea. A Milano si concluderà il progetto JUMP, European Music Market Accelerator, il nuovo acceleratore europeo per neo-imprese musicali. Dopo un tour europeo che è partito da Manchester e ha toccato Lisbona, Atene, Inverness, Berlino, Parigi, Praga, i giovani imprenditori/innovatori selezionati, presenteranno a Milano i loro prototipi di innovazione nell’ambito distributivo, artistico, tecnologico.


Per il terzo anno Linecheck si conferma inoltre parte di ETEP, European Talent Exchange Program, la piattaforma di circuitazione di artisti più importante in Europa, che porta al Festival alcune delle band selezionate in occasione di Eurosonic. Dal 2018 Linecheck fa parte del network europeo INES-Innovation Network of European Showcases, che rappresenterà proponendo 2 progetti musicali dalla call for artists diffusa dalla piattaforma gigmit. Linecheck entra ufficialmente a far parte del primo programma per l’eguaglianza di genere nell’industria musicale, supportato dall’Unione Europea: Keychange. Promosso dalla PRS Foundation a livello internazionale e dal Music Innovation Hub di Milano in Italia, si tratta di un impegno formale da parte degli operatori del settore musicale per raggiungere entro il 2021 un bilanciamento 50-50% all’interno del proprio staff e management. Linecheck ospiterà una presentazione del progetto. E allo stesso tempo garantirà un’adeguata presenza femminile sia all’interno del Meeting che sui palchi del festival

Linecheck Music Meeting and Festival è una produzione del neonato Music Innovation Hub, fondato nel 2018. Think tank, società di produzione e di consulenza per le professioni musicali e le istituzioni culturali, MIH è un incubatore di nuovi talenti artistici, con focus speciale sui suoni orientati all’esportazione. MIH sviluppa programmi di formazione professionale, incoraggia opportunità di networking a livello internazionale e promuove progetti innovativi nell’ambito della produzione, del consumo e della distribuzione musicale. Sono partner di MIH: Fondazione Giordano dell’Amore, Music Management Club e la stessa

BASE Milano, acceleratore per le industrie creative, luogo per la sperimentazione nella produzione culturale, localizzato nel distretto del design e della moda di zona Tortona.

 

Confermati in LINE UP

Seun Kuti (NG) Giorgio Poi (IT)

 

Al Doum & The Faryds (IT)
Arlo Parks (UK) Booty EP (CA) Blu Samu (BE)
Doomsquad (CA) + NAVA (IT) Eugenia Post Meridiem (IT) Ginevra (IT)
Hubert Lenoir (CA) Mannie Mims (GH) Olmo Mathilda (DE) respectfulchild (CA) SHERELLE (UK) The Pier (IT)
Yegor Zabelov (BY)
and more TBA

Linecheck - Music Meeting and Festival

The Italian Music Conference


Milano, 19 - 24 novembre 2019

BASE Milano, via Bergognone 34 + location varie
https://www.linecheck.it/

#Linecheck19 #ShapeYourFuture

#SoundsLikeDiversity

#milanomusicweek

#MMW19 #MusicCityMilano


facebook.com/linecheckfestival

instagram.com/linecheck_official/
FULL PASS (Meeting + Festival) 1st release / 80 euro: https://www.diyticket.it/taWSwG MEETING PASS (3 day pass from 10:00 am to 7:00 pm) 1st release / 50 euro
FESTIVAL PASS (3 day pass from 7:00 pm) 1st release / 30 euro

Credits:

Linecheck Music Meeting and Festival è un progetto di Music Innovation Hub

Prodotto da POGO Productions da un’idea di elita

in partnership con BASE Milano

main content partner di Milano Music Week

Partner dei progetti:

JUMP European Music Market Accelerator ETEP European Talent Exchange Program INES Innovation Network Of European Showcases

Keychange

Scarica i Press Kit degli artisti che suoneranno a Linecheck e le foto delle edizioni passate.

Press Office Libellula Music - press@linecheck.it

Maria Grazia Marsico - mariagrazia@libellulamusic.it - 349 695 8300

6 of 6

BIGLIETTO NOMINALE PER CONCERTI MUSICA: RINCARI MEDI DA 8-10 EURO E CODE PIU’ LUNGHE AI CANCELLI

BIGLIETTO NOMINALE PER CONCERTI MUSICA: RINCARI MEDI DA 8-10 EURO E CODE PIU’ LUNGHE AI CANCELLI

Gli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, riuniti in Assomusica, denunciano le contraddizioni, i disagi per pubblico e per il settore con l’entrata in vigore della norma dal 1 luglio mentre l’Italia resta l’unico Paese dove resiste il secondary ticketing

Gli otto milioni di italiani che lo scorso anno hanno assistito a concerti di musica dal vivo potrebbero subire a breve un aumento medio dei biglietti di 8-10 euro e un raddoppio dei tempi di attesa ai cancelli d’ingresso. E’ l'effetto dell’introduzione dal 1 luglio del biglietto nominale obbligatorio che viene denunciato da Assomusica, l'associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, alla quale aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l'80% dei concerti in Italia. 

Nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato gli organizzatori dei più importanti spettacoli di musica dal vivo che si svolgono nel nostro Paese sono stati illustrati i disagi per il pubblico e i promoter e le contraddizioni della normativa voluta dal Governo, primo firmatario Sergio Battelli, deputato del M5S. Il biglietto nominale si applica soltanto ai concerti che si svolgono in luoghi con capienza superiore a 5000 persone.

BIGLIETTI PIU’ CARI E CODE ESTENUANTI AI CANCELLI. Per fare i controlli identificativi di ogni singolo spettatore gli organizzatori dovranno aprire i cancelli molto tempo prima, impegnando più personale su più turni. Da qui l’aumento dei costi per gli spettatori che saranno costretti a code molto più lunghe, specie in occasione di grandi manifestazioni.

PROCEDURA COMPLICATA PER CAMBIARE BIGLIETTO. I consumatori non potranno più regalare un biglietto a un familiare, amico o parente. Le aziende, i fan club e i grandi gruppi organizzati, in genere, non compreranno più biglietti. Non sarà semplice nemmeno emettere i biglietti omaggio. Le procedure per il cambio del nominativo passeranno attraverso l’Agenzia delle Entrate, non saranno semplici e immediate e potranno comportare ulteriori costi. In questo scenario – secondo Assomusica – si perderanno migliaia di biglietti.

BIGLIETTO NOMINALE DIMINUIRA’ RICAVI SETTORE. “Il settore della musica live – spiega Vincenzo Spera - rappresenta una filiera di circa 1000 imprese che dà lavoro a oltre 36.000 persone, impiegate direttamente nel settore. L’anno scorso il comparto ha avvicinato al mondo degli spettacoli e della cultura popolare quasi 10 milioni di spettatori, specialmente giovani. Gli spettacoli di musica dal vivo creano valore a livello locale e costituiscono una cinghia di trasmissione per lo sviluppo del Made in Italy (turismo, enogastronomia, cultura ecc.). Da una ricerca di Cerved si evince come i concerti di musica popolare contemporanea siano uno stimolo per l’economia del territorio: la ricaduta minima sulle città è di 1,20 € aggiuntivi per ogni euro speso sul biglietto - pertanto, pur nella comprensione dell'obiettivo della proposta, riteniamo ingiustificato colpire un settore florido dell'industria culturale.” 

CONTRADDIZIONI DELLA NORMA. Sono escluse dal biglietto nominale “le manifestazioni sportive e gli spettacoli di attività lirica, sinfonica e cameristica, prosa, jazz, balletto, danza e circo contemporaneo”. Un confine che – secondo Assomusica – lascia spazio a molti fraintendimenti: tanti artisti, ad esempio, oltre alla musica pop fanno anche jazz o lirica. 

 

BIGLIETTO NOMINALE NON RISOLVE SECONDARY TICKETING.“Quest’emendamento approvato nell’ultima legge di bilancio del Governo come strumento di contrasto al fenomeno del secondary ticketing – sostiene Spera - rischia di generare soltanto un grande caos. Assomusica è da sempre sensibile al tema della legalità e si è già adoperata per limitare il fenomeno del “bagarinaggio online”. Ha presentato di recente un esposto denuncia all'autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) e all’Antitrust (AGCM) per chiedere di sanzionare i siti di secondary ticketing. Si possono chiudere tutti i siti di rivendita dei biglietti o si possono utilizzare delle app che consentono di tracciare l’eventuale passaggio di mano dei biglietti già emessi. Si possono anche legalizzare questi siti facendoli passare per l’Agenzia delle Entrate e stabilire un tetto percentuale massimo per la rivendita. In Germania, ad esempio, l’Alta Corte ha stabilito il 20% massimo rispetto al prezzo di vendita. L’Italia resta di fatto l’unico Paese europeo dove sopravvive ancora il bagarinaggio, perfino nel calcio dove pure è stato introdotto da tempo, per esigenze di sicurezza, il biglietto nominativo.

LA PROCEDURA DI REGISTRAZIONE PER L’ACQUISTO. Per evitare che i robot (bot) possano comprare indisturbati decine di biglietti, la legge prevede l’identificazione dell’acquirente sul sistema on line attraverso registrazione di nome, cognome, data di nascita, indirizzo di posta elettronica e numero di telefono cellulare, uno per ciascun utente che sarà riscontrato ai fini della conferma nella fase di registrazione. In alternativa, chi deve comprare il biglietto può essere identificato sul sistema on line tramite la propria identità Spid.

 

Comunicazione Assomusica:

Sec Spa

via F. Aporti, 8 – 20125 Milano - t. 02 624999.1 

Angelo Vitale – vitale@secrp.com – 338 6907474

Elena Castellini – castellini@secrp.com – 335 6271787

Daniele Mignardi Promopressagency  

Via Giovanni Nicotera, 29 - Roma

info@danielemignardi.it - Tel. 06.32651758

Ref. Desirée Corradetti - desiree@danielemignardi.it

Subscribe to this RSS feed