A+ A A-

Segreteria Assomusica

Circo Massimo in Music

The confirmation that the Circo Massimo will return to host the great gatherings of the music people yesterday came via social with the posts of the mayor Raggi and with the meeting with promoters and institutions at the Palazzo delle Esposizioni. The task of re-igniting the great music, two years after Springsteen's live - hits a rockstar of the caliber of Roger Waters, historical bishop of Pink Floyd, bassist, guitarist, multi-instrumentalist, songwriter, singer. The deputy mayor Luca Bergamo explaned that "the great events will not be missing in Rome, but they will never be fireworks end in themselves, rather appointments able to bring positive effects of all kinds in the capital".

ASSOMUSICA: "Da Genova, capitale dei cantautori, a Sanremo, patria del Festival"

 

"Da Genova, capitale dei cantautori, a Sanremo, patria del Festival”

 

La tratta ferroviaria scelta dal segretario del Partito democratico e già Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, per incontrare Assomusica ed illustrare la nuova legge sulla musica dal vivo è stata tutt'altro che casuale: "Da Genova, capitale dei cantautori, a Sanremo, patria del Festival”.

L’incontro è avvenuto proprio nel giorno in cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato la legge, che, nei prossimi giorni, sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

E l'"esperienza d'ascolto" di Renzi sul treno è diventata una carrellata sui problemi principali del comparto, con una serie di interlocutori ad illustrargli le proprie idee, i propri problemi e suggerimenti per rendere ancora più proficuo il lavoro del governo e del Parlamento sul segmento di mercato.

Dal canto suo, il leader del Pd ha invitato Anna Ascani, responsabile cultura del partito, e Roberto Rampi, il deputato che ha seguito l’iter della legge, a vigilare perchè siano emessi quanto prima i decreti attuativi - confermando il bonus per i diciottenni; l'importanza dell'alternanza scuola-lavoro, anche in questo settore; l'impegno per creare strutture per concerti, soprattutto al Sud; la ricerca di una soluzione per il “secondary ticketing” e l'attenzione al valore della cultura e della sua divulgazione, anche in campagna elettorale".

Durante il viaggio in treno, Renzi ha preso nota di tutte le osservazioni dei vari interlocutori, a cominciare da quelle del presidente di Assomusica Vincenzo Spera, che ha ripercorso il successo dell'approvazione della legge, insieme a tutti i rappresentanti della filiera presenti (dai montatori dei palchi ai direttori di produzione, dagli imprenditori musicali ai direttori di teatro ai tecnici delle luci, fino al Sovrintendente del “Teatro Carlo Felice” Maurizio Roi).

Spera ha tenuto a far presente l’enorme lavoro svolto sul campo tra Assomusica e i Parlamentari che si sono occupati della legge, ribadendo che ora resta ancora molto lavoro da fare attraverso i decreti attuativi, che si augura possano viaggiare con altrettanta velocità.

Vittorio De Scalzi ed Edmondo Romano hanno fatto presente le esigenze degli artisti, relativamente alla gestione della Siae e alle difficoltà per chi comincia a suonare musica dal vivo nei locali, mentre il direttore del “Teatro della Tosse”, Amedeo Romeo, ha posto l'accento sul coinvolgimento dei giovani, con una promozione del teatro che non lo faccia più passare per un mondo paludato e da anziani.

A tirare le fila dell'incontro ci ha pensato lo stesso Renzi, che, ringraziando Spera per l'impegno decisivo di Assomusica nell'approvare una legge che è un modello anche per altri Paesi, ha sottolineato l'importanza del settore: "Questo non è un giocattolo per addetti ai lavori, ma un pezzo vero dell'economia del nostro Paese. Qui ci sono imprenditori che rischiano del loro, che pagano gli stipendi e che danno lavoro ed è giusto aiutarli. Lorenzo Jovanotti, l'altra sera, mi raccontava che, su sessanta date del suo tour, la stragrande maggioranza saranno al Centro-Nord e solo otto al Sud, per mancanza di spazi adeguati. Ci daremo da fare anche per questo, sempre con lo slogan che è stato il faro della nostra politica: un euro in sicurezza, un euro in cultura".

Per quanto riguarda la musica, grazie alla legge fortemente voluta da Assomusica, possiamo dire che il treno è giunto a destinazione.

                                                                             

Comunicazione Assomusica

“Daniele Mignardi Promopressagency”

(Tel. 06.32651758 info@danielemignardi.it)

IQ MAGAZINE: ILMC 2018 PROMISES CLOSE ENCOUNTERS OF THE 30TH KIND

The organisers of the International Live Music Conference (ILMC) today launched the event’s ‘Close Encounters of the 30th Kind’ anniversary edition, which will bring together more than 1,000 key decision-makers to London next March for four days of panels, talks and workshops dissecting the business of live music.

A raft of the industry’s top companies have already lined up to support the conference’s 30th year – the second in its new midweek format – set to kick off with a UFO-themed opening party on Tuesday 6 March, with many from the wider music industry also invited.

“With its ongoing mission to maintain peace and harmony among the live music worlds, ILMC 30 will feature more meetings, events, networking and out-of-body experiences than ever,” says conference head Greg Parmley.

ILMC – described by Ticketmaster International president Mark Yovich as “the leading conference for live entertainment” – has sold out in advance for more than a decade, with delegates including booking agents, promoters, festival organisers, venue operators and related professionals.

Within the schedule, the Arthur Awards – the live music industry’s equivalent of the Oscars – will be presented during a Gala Dinner at 8Northumberland on Thursday 8 March.

ILMC 30 will take place from 6–9 March 2018. The new website, which calls on “otherworldly inhabitants of the live music universe to congregate at the top secret Royal Garden HQ space base in Kensington”, is live at 30.ilmc.com.

see more

UK MUSIC CALLS FOR REVIEW OF “DAMAGING” BUSINESS RATES

Michael Dugher has asked chancellor Philip Hammond to scrap his planned 4% rates increase, warning the rise could prove "catastrophic" for already under-pressure venues

UK Music chief executive Michael Dugher has written to the chancellor of the exchequer, Philip Hammond, to ask for an urgent review of his plans to raise business rates, which the industry group says will disproportionately affect the music business and could leave many venues “fighting to survive”.

In the letter, Dugher warns that the planned 4% rise in business rates – the tax levied on non-residential property in the UK – coupled with the ‘revaluation’ announced in February, which has sent the rateable value of many music venues and recording studios to “catastrophic” and “woefully unjust” levels, risks harming Britain’s music business, “the jewel in the UK’s cultural crown”.

As evidence, Dugher attaches to the letter a table showing how the business rates revaluation, introduced in April, has sent taxes paid by both large and small venues skyrocketing: The O2, for instance, has seen its ‘rateable value’, which is used to calculate rates, increase 141%, while Manchester Arena’s has grown 80% and Leeds’ First Direct Arena 84%.

On the other end of the scale, the 200-capacity Lexington in London has seen an increase in 118%, with London’s 350-cap. Jazz Café (+73%) and 350-cap. 100 Club (+52%) and Norwich’s 260-cap. Arts Centre (+40%) hit similarly hard.

see more

IQ MAGAZINE: STRICTER IMMIGRATION AND RISING VISA FEES ‘COULD HARM TOURING’

Last week’s announcement by the British government it is to enshrine the date of Britain’s exit from the EU – 29 March 2019 – in law has once again thrust into the spotlight the issue of freedom of movement after Brexit, with leading visa experts warning of the impact a ‘no-deal’ Brexit could have on international touring.

“If the current customs regulations are made more time-consuming [post-Brexit] that will impact live tours, putting tight time schedules at risk,” Steve Richard of UK-based T&S Immigration Services tells IQ.

While the unwelcome return of visas for artists and carnets for equipment – both for British passport holders in Europe and EU artists playing the UK – is by no means a certainty, Oleg Gaidar of Artist and Entertainer Visas Global says he has already received enquiries from managers about the possibility of attaining European passports for the UK clients with European parents or grandparents. “That shows us the concern of people who are trying to look ahead and at least2 secure the principle to play shows in Europe without needing work permits,” he comments.

One potential solution, backed by UK Music and at least one prominent pro-Brexit MP, is a temporary ‘touring passport’ for British artists playing EU countries, although the proposal has yet to find support from the British government, which is currently negotiating with EU authorities over trade and Britain’s supposed exit bill.

The UK’s uncertain future aside, visa experts across the world are already grappling with an increasingly complex international touring market – not least in the US, where the surprise election of Donald Trump and stricter immigration rules caught out a number of acts this year, including at least ten artists heading to South by Southwest 2017.

“The goalposts are always changing, and very often people aren’t on the same page,” says Michelle Rubio of LA-based Creative Mind Access Visas & Passport Services.

see more

I dati della musica dal vivo in Italia per il 2017

Durante la Milano Music Week, manifestazione dedicata alla musica conclusasi ieri, Assomusica (tra gli organizzatori dell’evento) ha diffuso i dati sulla musica dal vivo in Italia, elaborati grazie all'indagine "TOP 20 LIVE MUSIC MARKETS" realizzata da "International Ticketing Yearbook 2017", l'autorevole guida annuale sul business nella musica live. L’Italia si piazza al sesto posto tra i mercati della musica dal vivo a livello mondiale, preceduta da Usa, Germania, Inghilterra, Giappone e Francia, con un ricavo nel 2017 pari a 721 milioni di dollari e una previsione di crescita per il 2021 di circa 832 milioni. 

A farla da padrone nel nostro Paese è sempre la musica pop-rock, che nel 2016 ha prodotto 347,9 milioni di euro in vendite di biglietti e altri ricavi, sebbene il pubblico sia diminuito dell'1,35% (rispetto all'anno precedente) e la spesa del biglietto dell'1,68%. I live italiani e internazionali attraggono il pubblico nella stessa misura mentre i djset hanno accresciuto la propria popolarità negli ultimi anni. Ovviamente il modello di tour differisce secondo il tipo di artista: i più grandi artisti italiani realizzano più di 50 date in un anno, gli artisti internazionali generalmente vendono di più ma suonano meno - a volte solo una volta nel nostro Paese. Per quanto riguarda i biglietti, si continua a preferire il cartaceo, acquistato tramite edicole, bar e banche, anche se il “print-at-home” sta crescendo rapidamente, e in aumento sono anche le prenotazioni, con oltre il 50% del totale dei biglietti emessi in Italia venduti attraverso le reti di prevendita.

Nella giornata inaugurale della MMW, a Palazzo Reale si è tenuto un convegno su “Il nuovo codice dello spettacolo e l’industria musicale italiana: rinnovamento legislativo e valorizzazione internazionale”, al quale hanno partecipato tra gli altri il Ministro di Beni e Attività Culturali e Turismo Dario Franceschini e il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera, il quale ha sottolineato che “Questo è un momento fondamentale per chi si occupa di musica: dopo tanti anni abbiamo finalmente i risultati tangibili. L’evoluzione digitale ci sta portando verso la sostituzione del lavoro umano con il lavoro dell’androide, infatti molti settori non avranno bisogno di professionisti. La tecnologia porterà alla perdita del 42% dei posti di lavoro a livello mondiale. Il settore della musica, invece, ha sempre bisogno dell’aspetto umano, perchè le macchine non potranno trasmettere le emozioni di un concerto allo stadio, con l’artista, tante persone che lavorano dietro le quinte, e migliaia di spettatori che vengono ad assistere all’evento. L’economia del futuro è nelle nostre mani. Per questo motivo è indispensabile una legge che funzioni in tutta Europa: Assomusica ha già dato il via ai lavori per il progetto ELMA (European Live Music Association). Se noi abbiamo la capacità di alimentare la nostra creatività”, ha concluso, “avremo futuro e avremo la possibilità di dare e offrire il lavoro. Abbiamo in mano una forza che è la cultura.

Fonte: Rockit.it

Vincenzo Spera commenta la legge sulla musica dal vivo: 'Benefici anche per gli artisti, specie se giovani'

"Però, adesso, la politica non ci dimentichi": il presidente di Assomusica Vincenzo Spera non ha avuto problemi a rivolgersi così al Ministro Dario Franceschini, intervenuto lo scorso lunedì 20 novembre all'apertura della Milano Music Week per celebrare, con gli operatori del settore, l'approvazione della legge sullo spettacolo dal vivo approvata dal governo Gentiloni. Perché un conto è la legge, un conto sono i decreti attuativi e le ratifiche che la mettono in pratica, rendendola operativa.

"Da parte nostra la sorveglianza è estrema, perché questa legge propone principi che ancora non sono stati codificati", spiega Spera a Rockol: "Occorrono ancora indicazioni specifiche su diversi aspetti, come - ad esempio - la definizione professionale dell'organizzatore di eventi live, o la gestione della sicurezza ai concerti. L'ultimo incremento delle misure è stato inserito in una circolare del capo della polizia, forse emanata anche per dare un segnale di attenzione istantaneo su una questione molto sentita dall'opinione pubblica, ma non si può non immaginare di attuare un lavoro più sistematico e radicale: infatti stiamo già collaborando col Ministero dell'Interno [che, sempre nel 2017, già intervenne riguardo al tema, ndr] per riscrivere la legge sui locali di pubblico spettacolo, che - così com'è - è molto datata".

Prossimo a siglare, con Assomusica, un protocollo d'intesa con l'ordine forense per la creazione di un'interfaccia che faciliti le comunicazione tra l'associazione di categoria dei promoter e le istituzioni, Spera sa bene che i frutti della nuova legge non saranno percepiti - almeno, non nell'immediato - dai fan che affollano locali, palazzetti e stadi: "Del resto il ruolo di organizzatore di concerti lo vedo più come quello di un 'facilitatore d'incontro' tra pubblico e artista: più l'evento è confortevole, più la gente è felice, è più è facile che si crei quella magia che rende un concerto indimenticabile. Dei benefici di questa legge, poi, non ce ne accorgeremo solo noi organizzatori, ma anche gli artisti: il mio auspicio è che si crei un circolo virtuoso di crescita della creatività, che permetta al pubblico di partecipare non solo alla celebrazione delle star già affermate ma anche - e soprattutto - alla crescita dal vivo dei giovani artisti".

E non solo in Italia: Assomusica è parte di ELMA (European Live Music Association), associazione di categoria internazionale che ha ricevuto da Bruxelles un finanziamento pari a 1,7 milioni di euro per studiare i punti chiave di un futuro live music act che crei un omologo in chiave europea del recente provvedimento italiano. "In questo frangente la speranza è che l'esempio del nostro Paese possa fare scuola", si augura Spera, tra oggi - giovedì 23 novembre - e domani, venerdì 24, impegnato in una serie di panel organizzati da Assomusica a Casa Linecheck, via Tortona 31, Milano, nell'ambito della MMW, "Del resto, come ha spiegato il ministro, quella sullo spettacolo dal vivo è una delle pochissime leggi passate praticamente all'unanimità, e votata anche da chi - di solito - fa opposizione su tutto. Merito delle Commissioni parlamentari, che hanno lavorato di concerto quasi fossero un'orchestra. Una bella orchestra, in questo particolare caso".

Qualche nota stonata, però, c'è: del decreto attuativo che renda finalmente esecutivo l'emendamento Franceschini sul secondary ticketing al DEF 2016 ancora non c'è traccia. "Sinceramente non riesco a fare previsioni sulle tempistiche di una eventuale attuazione: so che ci sono stati ritardi perché la commissione parlamentare ha voluto sentire anche l'Agcom, ma non saprei. Ipotizzo che sul tema non ci sia piena condivisione, e questo può aver complicato le cose. Però preferirei non parlarne: è stato un tema molto violento, per come l'ho vissuto".

L'esplosione del fenomeno - ricorderete - portò Live Nation Italia (coinvolta nella persona del suo ad Roberto De Luca nell'inchiesta condotta da Matteo Viviani per Le Iene) all'espulsione da Assomusica: oggi la filiale italiana del colosso guidato da Michael Rapino sta assistendo al debutto della consociata Ticketmaster sul mercato tricolore, e - sul versante dei competitor - allo shopping di CTS Eventim, la casa madre di Ticketone che ha già acquisito la maggioranza di due importanti player sul mercato italiano del live entertainment, Vertigo e - soprattutto - F&P Group. Che scenario si sta delineando, secondo Spera, con la caduta dello steccato che separava live promoting da biglietteria? "Stiamo parlando di business, e io ho una certa idiosincrasia al riguardo. Oltre alla fusione dei due comparti in corso - seppure sotto traccia - c'è la corsa al controllo delle venue, e non ho idea se questo faccia bene alla crescita del nostro settore. E' uno scenario che avevo previsto, anche prima che - circa un anno fa - tutti, approfittando della contingenza, iniziassero a tirare cazzotti a destra e a manca in attesa di riposizionarsi. Quello che so è che i soldi li ha in mano la biglietteria, e poter impiegare direttamente questa liquidità nell'organizzazione di eventi cambierà la condizione del mercato".

fonte: Rockol.it

Il Presidente Vincenzo Spera incontra il Ministro Franceschini e prende parte a tre importanti appuntamenti sulla musica live

ASSOMUSICA PRESENTA I DATI SULLA MUSICA DAL VIVO IN ITALIA

 

Il Presidente Vincenzo Spera incontra il Ministro Franceschini

e prende parte a tre importanti appuntamenti sulla musica live

                               

Milano, 24 novembre 2017 - Nella settimana della Milano Music Week - che ASSOMUSICA promuove insieme al Comune di Milano, SIAE, FIMI e NUOVOIMAIE - l’Associazione di Organizzatori e Produttori Italiani di Spettacoli Musicali dal Vivo ha diffuso i dati sullo "stato di salute" dei concerti e degli spettacoli in Italia, elaborati grazie all'indagine "TOP 20 LIVE MUSIC MARKETS" realizzata da "International Ticketing Yearbook 2017", l'autorevole guida annuale sul business nella musica live.

L'Italia è al sesto posto al mondo, tra i più grandi mercati per la musica dal vivo - con ricavi nel 2017 quantificati in circa 721 milioni di dollari americani, con una previsione di crescita per il 2021 di circa 832 milioni di dollari Usa - preceduta, in ordine, da Usa, Germania, Inghilterra, Giappone e Francia.

E' la musica pop-rock a primeggiare, come sempre: nel 2016 ha prodotto 347,9 milioni di euro in vendite di biglietti e altri ricavi, sebbene il pubblico sia diminuito dell'1,35% (rispetto all'anno precedente) e la spesa del biglietto dell'1,68%.

I biglietti cartacei continuano ad essere i preferiti dal pubblico dei concerti, che li acquista prevalentemente

tramite bar, edicole e banche - anche se la rete fisica è ora più diversificata e il "print-at-home", mobile e "e-ticket", sta crescendo rapidamente. La prenotazione è aumentata, con oltre il 50% del totale dei biglietti emessi in Italia venduti attraverso le reti di prevendita.

I live italiani e internazionali attraggono, in egual misura, il pubblico mentre i DJ-set hanno accresciuto la propria popolarità negli ultimi anni. Il modello di tour differisce secondo il tipo di artista: i più grandi artisti italiani realizzano più di 50 date in un anno, gli artisti internazionali generalmente vendono di più ma suonano meno - a volte solo una volta nel nostro Paese.

Durante la giornata inaugurale della Milano Music Week si è svolto un convegno a Palazzo Reale, a cui hanno partecipato, tra gli altri promotori della MMW, il Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini e il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera. Moderatore, l'On. Roberto Rampi. Tema dell’incontro: “Il nuovo codice dello spettacolo e l’industria musicale italiana: rinnovamento legislativo e valorizzazione internazionale”. In merito alla nuova legge, il Presidente Spera ha sottolineato che “questo è un momento fondamentale per chi si occupa di musica: dopo tanti anni abbiamo finalmente i risultati tangibili. L’evoluzione digitale ci sta portando verso la sostituzione del lavoro umano con il lavoro dell’androide, infatti molti settori non avranno bisogno di professionisti. La tecnologia porterà alla perdita del 42% dei posti di lavoro a livello mondiale. Il settore della musica, invece, ha sempre bisogno dell’aspetto umano, perchè le macchine non potranno trasmettere le emozioni di un concerto allo stadio, con l’artista, tante persone che lavorano dietro le quinte, e migliaia di spettatori che vengono ad assistere all’evento. L’economia del futuro è nelle nostre mani. Per questo motivo è indispensabile una legge che funzioni in tutta Europa: Assomusica ha già dato il via ai lavori per il progetto ELMA (European Live Music Association). Se noi abbiamo la capacità di alimentare la nostra creatività – ha concluso - avremo futuro e avremo la possibilità di dare e offrire il lavoro. Abbiamo in mano una forza che è la cultura.”

 

Tra ieri ed oggi, venerdi 24 novembre, il Presidente Spera ha approfondito gli argomenti discussi in una serie di interessanti panel sulla musica dal vivo organizzati proprio da Assomusica, ossia incontri nell’ambito del Linecheck Music Meeting and Festival dedicati a diverse tematiche di rilevanza per il settore.

Dai "Luoghi della cultura che si aprono alla musica live" - con la presentazione di una ricerca realizzata presso l'Università di Derby (UK), sulle opportunità e i vincoli relativi all'utilizzo di siti archeologici per eventi musicali dal vivo, con l'obiettivo di individuare le linee guida per lo sviluppo del turismo musicale nelle location storiche che permetterebbe, da un lato, di superare la scarsità in Italia di spazi per la musica live e, dall'altro, di aprire nuove strade per finanziare la conservazione e il restauro degli stessi garantendone una maggiore promozione - a "18 App: perchè aiutare i giovani", un'approfondita analisi sui benefici del bonus 18enni, strumento utile per arricchire, anche attraverso la musica, il percorso formativo ed umano delle giovani generazioni, fino al workshop, promosso da ELMA (European Live Music Association), il network nato per promuovere l'integrazione tra i diversi soggetti operanti nel settore della musica live in Europa, che ha come obiettivo di favorire il processo di omogeneizzazione a livello comunitario delle normative e stabilire delle comuni strategie di azione.

Assomusica Communication: “Daniele Mignardi Promopressagency”

(Tel. +39 06.32651758 - info@danielemignardi.it)

 

Assomusica Associazione

info@assomusica.org tel. +39 010.5221441

IQ: TICKETMASTER LAUNCHES IN ITALY

Ticketmaster has confirmed to IQ its long-rumoured expansion into Italy, with the world’s largest ticketing company today launching in the sixth-biggest live music market.

The launch of Ticketmaster Italia (ticketmaster.it), headquartered in Milan, follows the end of the exclusive long-term online partnership in Italy between Ticketmaster’s parent company, Live Nation, and CTS Eventim-owned TicketOne, which wrapped up this year and was replaced by an ongoing agreement.

According to the International Ticketing Yearbook 2017, Live Nation had already registered the new entity with the Italian chamber of commerce, with an official launch rumoured for this month.

Ticketmaster’s primary-market debut in Italy – it already has a presence in the secondary market with a local version of Seatwave – represents its third new venture in Europe in 2017 alone, following launches in Switzerland (with Tixtec) in August and the Czech Republic (via Ticketpro) in February.

“We look forward to providing the best ticketing experience for clients, artists and fans across Italy – undoubtedly one of the world’s most vibrant and popular destinations for live entertainment and cultural events,” says Ticketmaster International president Mark Yovich.

“This was an organic move for the business. This is an exciting moment for fans of live music, theatre, sport and cultural events, not just in Italy, but across all our global markets as we continue our strategic expansion.”

In Live Nation Italy festival news, meanwhile, Firenze Rocks today announced Iron Maiden, Foo Fighters, Ozzy Osbourne and Guns N’ Roses as its 2018 headliners. Tickets for each show are on sale on 15, 16, 17 and 18 November, respectively, from ticketmaster.it.

Leggi l'articolo su IQ Magazine

IQ: CTS ACQUIRES MAJORITY STAKE IN FRIENDS AND PARTNERS

The acquisition of Ferdinando Salzano’s rebranded F&P Group follows that of Vertigo, as CTS Eventim bolsters its presence in Italy

CTS Eventim is to acquire a 60% stake in Ferdinando Salzano’s Friends and Partners, further strengthening its position in the Italian market.

The German live entertainment giant has had a presence in Italy since 2007, when it bought a share of ticketing market leader TicketOne, and in September acquired Italian promoter Vertigo.

Friends and Partners, formed in 2001 as F&P Group, represents more than 40 Italian artists, organising tours by stars including Il Volo, Claudio Baglioni, Ligabue, Nek and Laura Pausini, formerly in partnership with Warner Music. The company also produces concert films and music TV formats for all major Italian TV stations.

By joining CTS Eventim, Friends and Partners will be able to take advantage of Eventim’s global reach, says CEO Klaus-Peter Schulenberg.

“There are many artists that have long been addressing an international audience and who plan their live performances without paying heed to national borders,” comments Schulenberg. “Our aim is to offer them Europe-wide touring opportunities and efficient ticketing services under the CTS Eventim umbrella. For that reason, we are constantly reviewing options for expanding our portfolio.

“I am delighted that with this transaction we further strengthen our market position in Italy.”

Friends and Partners founder Salzano, who will continue to manage the company from its offices in Milan, adds: “I am looking forward very much to the various opportunities that the partnership with a global player like CTS Eventim will provide us and I thank Klaus-Peter Schulenberg and his team for the confidence they place in us. Our joint aim is to project the Friends & Partners success story into the future.

“At the same time, my colleagues and I will remain true to our mission, which is to offer artists, managers and producers a home that helps them realise their creative ambitions. I also extend my thanks at this point to my companions at Warner Music, who have passionately supported and advised my team and myself for almost a decade. I am certain that our paths will cross on various projects in the future.”

Leggi l'articolo su IQ Magazine

Subscribe to this RSS feed