Log in
A+ A A-

Assomusica

Website URL:

ASSOMUSICA: “BENE PROVVEDIMENTI AGCOM SU SECONDARY TICKETING”

ASSOMUSICA: “BENE PROVVEDIMENTI AGCOM SU SECONDARY TICKETING”

“Siamo da sempre contro il bagarinaggio e chiediamo di far rispettare la legge esistente, ma va ripensato il biglietto nominale obbligatorio, introdotto dall’ 1 luglio scorso”

Finalmente l'intervento dell' Autorità Garante per le Comunicazioni è una risposta concreta ai nostri esposti e ai nostri appelli per sconfiggere il secondary ticketing”. Lo afferma Vincenzo Sperapresidente diAssomusica, commentando i recenti provvedimenti dell’Agcom nei confronti di alcuni siti di secondary ticketing. “Esiste una legge in vigore dall’1 gennaio 2017– prosegue Spera – che punisce chi mette in vendita, su web e social network, biglietti per concerti ed eventi senza essere titolari dei sistemi per la loro emissione e a prezzi fortemente maggiorati rispetto a quelli ufficiali.”. 

Chiediamo con forzache questa legge venga fatta applicare a tutela dei consumatori e del nostro lavoro di imprenditori del mondo dei concerti di musica live,  conclude il Presidente dell'Associazione degli Organizzatori e Produttori di spettacoli di musica dal vivo, alla quale aderiscono oltre 120 imprese

 

Siamo da sempre contro il bagarinaggio ma non vogliamo che un settore in crescita e che crea economia nei territori venga messo in difficoltà da provvedimenti insensati come il biglietto nominale obbligatorio introdotto dall’ 1 luglio scorso. Ci auguriamo si possa pensare a una soluzione alternativa prima di ritrovarsi tutti di fronte a un caos ingestibile”.

 

Comunicazione Assomusica:

 

Sec Spa
via F. Aporti, 8 – 20125 Milano - t. 02 624999.1 
Angelo Vitale – vitale@secrp.com– 338 6907474
Elena Castellini – castellini@secrp.com– 335 6271787

Daniele Mignardi Promopressagency  
Via Giovanni Nicotera, 29 - Roma
info@danielemignardi.it- Tel. 06.32651758
Ref. Desirée Corradetti – desiree@danielemignardi.it

BIGLIETTO NOMINALE PER CONCERTI MUSICA: RINCARI MEDI DA 8-10 EURO E CODE PIU’ LUNGHE AI CANCELLI

BIGLIETTO NOMINALE PER CONCERTI MUSICA: RINCARI MEDI DA 8-10 EURO E CODE PIU’ LUNGHE AI CANCELLI

Gli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, riuniti in Assomusica, denunciano le contraddizioni, i disagi per pubblico e per il settore con l’entrata in vigore della norma dal 1 luglio mentre l’Italia resta l’unico Paese dove resiste il secondary ticketing

Gli otto milioni di italiani che lo scorso anno hanno assistito a concerti di musica dal vivo potrebbero subire a breve un aumento medio dei biglietti di 8-10 euro e un raddoppio dei tempi di attesa ai cancelli d’ingresso. E’ l'effetto dell’introduzione dal 1 luglio del biglietto nominale obbligatorio che viene denunciato da Assomusica, l'associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, alla quale aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l'80% dei concerti in Italia. 

Nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato gli organizzatori dei più importanti spettacoli di musica dal vivo che si svolgono nel nostro Paese sono stati illustrati i disagi per il pubblico e i promoter e le contraddizioni della normativa voluta dal Governo, primo firmatario Sergio Battelli, deputato del M5S. Il biglietto nominale si applica soltanto ai concerti che si svolgono in luoghi con capienza superiore a 5000 persone.

BIGLIETTI PIU’ CARI E CODE ESTENUANTI AI CANCELLI. Per fare i controlli identificativi di ogni singolo spettatore gli organizzatori dovranno aprire i cancelli molto tempo prima, impegnando più personale su più turni. Da qui l’aumento dei costi per gli spettatori che saranno costretti a code molto più lunghe, specie in occasione di grandi manifestazioni.

PROCEDURA COMPLICATA PER CAMBIARE BIGLIETTO. I consumatori non potranno più regalare un biglietto a un familiare, amico o parente. Le aziende, i fan club e i grandi gruppi organizzati, in genere, non compreranno più biglietti. Non sarà semplice nemmeno emettere i biglietti omaggio. Le procedure per il cambio del nominativo passeranno attraverso l’Agenzia delle Entrate, non saranno semplici e immediate e potranno comportare ulteriori costi. In questo scenario – secondo Assomusica – si perderanno migliaia di biglietti.

BIGLIETTO NOMINALE DIMINUIRA’ RICAVI SETTORE. “Il settore della musica live – spiega Vincenzo Spera - rappresenta una filiera di circa 1000 imprese che dà lavoro a oltre 36.000 persone, impiegate direttamente nel settore. L’anno scorso il comparto ha avvicinato al mondo degli spettacoli e della cultura popolare quasi 10 milioni di spettatori, specialmente giovani. Gli spettacoli di musica dal vivo creano valore a livello locale e costituiscono una cinghia di trasmissione per lo sviluppo del Made in Italy (turismo, enogastronomia, cultura ecc.). Da una ricerca di Cerved si evince come i concerti di musica popolare contemporanea siano uno stimolo per l’economia del territorio: la ricaduta minima sulle città è di 1,20 € aggiuntivi per ogni euro speso sul biglietto - pertanto, pur nella comprensione dell'obiettivo della proposta, riteniamo ingiustificato colpire un settore florido dell'industria culturale.” 

CONTRADDIZIONI DELLA NORMA. Sono escluse dal biglietto nominale “le manifestazioni sportive e gli spettacoli di attività lirica, sinfonica e cameristica, prosa, jazz, balletto, danza e circo contemporaneo”. Un confine che – secondo Assomusica – lascia spazio a molti fraintendimenti: tanti artisti, ad esempio, oltre alla musica pop fanno anche jazz o lirica. 

 

BIGLIETTO NOMINALE NON RISOLVE SECONDARY TICKETING.“Quest’emendamento approvato nell’ultima legge di bilancio del Governo come strumento di contrasto al fenomeno del secondary ticketing – sostiene Spera - rischia di generare soltanto un grande caos. Assomusica è da sempre sensibile al tema della legalità e si è già adoperata per limitare il fenomeno del “bagarinaggio online”. Ha presentato di recente un esposto denuncia all'autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) e all’Antitrust (AGCM) per chiedere di sanzionare i siti di secondary ticketing. Si possono chiudere tutti i siti di rivendita dei biglietti o si possono utilizzare delle app che consentono di tracciare l’eventuale passaggio di mano dei biglietti già emessi. Si possono anche legalizzare questi siti facendoli passare per l’Agenzia delle Entrate e stabilire un tetto percentuale massimo per la rivendita. In Germania, ad esempio, l’Alta Corte ha stabilito il 20% massimo rispetto al prezzo di vendita. L’Italia resta di fatto l’unico Paese europeo dove sopravvive ancora il bagarinaggio, perfino nel calcio dove pure è stato introdotto da tempo, per esigenze di sicurezza, il biglietto nominativo.

LA PROCEDURA DI REGISTRAZIONE PER L’ACQUISTO. Per evitare che i robot (bot) possano comprare indisturbati decine di biglietti, la legge prevede l’identificazione dell’acquirente sul sistema on line attraverso registrazione di nome, cognome, data di nascita, indirizzo di posta elettronica e numero di telefono cellulare, uno per ciascun utente che sarà riscontrato ai fini della conferma nella fase di registrazione. In alternativa, chi deve comprare il biglietto può essere identificato sul sistema on line tramite la propria identità Spid.

 

Comunicazione Assomusica:

Sec Spa

via F. Aporti, 8 – 20125 Milano - t. 02 624999.1 

Angelo Vitale – vitale@secrp.com – 338 6907474

Elena Castellini – castellini@secrp.com – 335 6271787

Daniele Mignardi Promopressagency  

Via Giovanni Nicotera, 29 - Roma

info@danielemignardi.it - Tel. 06.32651758

Ref. Desirée Corradetti - desiree@danielemignardi.it

AGIS - ASSOMUSICA: "COMBATTIAMO IL SECONDARY TICKETING IN ALTRO MODO"

Il biglietto nominale rischia di essere un danno per spettatori ed organizzatori degli eventi

 

27 giugno 2019 - Il secondary ticketing è un fenomeno nei confronti del quale ribadiamo la nostra ferma condanna e la piena disponibilità ad individuare tutti gli strumenti utili a combatterlo. Con la norma introdotta nell’ultima legge di bilancio, che impone l’accesso ad alcuni spettacoli attraverso il biglietto nominale, però, si rischia, come si suol dire, di gettare il bambino insieme all’acqua sporca.

 

Per combattere, giustamente e doverosamente, questi meccanismi fraudolenti, non si possono e non si devono creare difficoltà agli organizzatori degli eventi o ai numerosissimi spettatori, in particolare giovani, che dovrebbero, al contrario, essere incentivati ad avvicinarsi a tutte le espressioni culturali e di spettacolo.

 

A causa dell’introduzione di questa norma, infatti, diventano particolarmente difficoltosi i controlli per l’accesso e per cambiare il nominativo sul biglietto bisogna espletare una procedura farraginosa. Per non parlare, poi, del rincaro che, ovviamente, subiscono i biglietti a causa dei maggiori costi imposti agli organizzatori.

 

Questi sono solo alcuni esempi degli effetti di una norma, nata con il giusto obiettivo di colpire chi sbaglia ma che, nella sua applicazione, ha finito col danneggiare chi non c’entra nulla o chi opera nella correttezza e nella legalità. Chiediamo, quindi, ai rappresentanti istituzionali di intervenire nel più breve tempo possibile, correggendo questa stortura ed individuando delle norme più efficaci per il contrasto al secondary ticketing”.

 

E’ quanto dichiarano congiuntamente in una nota Carlo Fontana, Presidente dell’Associazione generale italiana dello Spettacolo (AGIS), e Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica.

Ticket nominali: “Costi più alti e rischio caos”

Obbligo per i concerti con più di 5000 persone. Gli organizzatori dei live: “Bastoni fra le ruote”

 

La rivoluzione del biglietto nominale è alle porte: da lunedì prossimo, primo luglio, per entrare ai concerti rock e pop con una platea di più di 5 mila spettatori bisognerà possedere un biglietto con sopra stampato il proprio nome e mostrare un documento per far accertare la propria identità all’ingresso. Se il nome non coincide, il biglietto è carta straccia. È quanto stabilisce un provvedimento dell’Agenzia delle entrate che recepisce una norma approvata nell’ultima legge di Bilancio. Fino all’inizio del concerto si potrà effettuare il cambio del nome per cedere il biglietto ad altri ma questa operazione potrà essere fatta solo da chi ha acquistato il biglietto. Sergio Battelli, il deputato del M5S primo firmatario dell’emendamento sui biglietti nominali, parla di «una vera norma 5 stelle, che punta a tutelare gli utenti contro il secondary ticketing, cioè la rivendita del biglietto a prezzo maggiorato che da oggi diventa illegale sotto ogni profilo e da chiunque venga realizzata».

Alla soddisfazione di Battelli fa da contraltare la perplessità se non proprio l’irritazione degli organizzatori dei concerti, a stragrande maggioranza contrari al biglietto nominale a cominciare dal presidente di Assomusica, Vincenzo Spera, che riunisce 120 imprese, l’80 per cento dei concerti in Italia: «Siamo contrari a ogni forma di bagarinaggio ma i consumatori devono sapere che con l’introduzione del biglietto nominativo i costi dei ticket aumenteranno, cambiare il nome non sarà una procedura veloce e si creeranno code agli ingressi per i controlli».

Battelli difende la scelta: «Le pressioni da parte degli operatori e delle piattaforme di vendita online sono comprensibili perché questo è un cambio culturale: biglietto e documento, come per prendere un aereo, per cercare di dare un colpo forte al bagarinaggio, sia online sia fisico. Presto la battaglia si sposterà, come ci chiedono anche gli operatori, sull’oscuramento delle piattaforme tipo Viagogo e Stubhub. Perché di fatto con la nostra norma vendere un biglietto sovrapprezzo diventa illegale. Ora bisogna lavorare insieme a Agcom e Antitrust».

Tra gli organizzatori contrari c’è Roberto De Luca, l’ad di Live Nation Italia che ha organizzato una sorta di prova generale per la legge, i due concerti di Ed Sheeran della scorsa settimana a Roma e Milano, più o meno 60 mila spettatori per data, con biglietto nominale perché espressamente richiesto dall’artista impegnato da sempre contro il secondary ticketing. «La musica dal vivo sta funzionando molto bene e non ha sovvenzioni pubbliche (la spesa al botteghino per anno è di circa 200 milioni di euro, ndr), crea lavoro e indotto, dovrebbe essere protetta come le Dolomiti invece così gli si mettono i bastoni tra le ruote», osserva De Luca. «Dopo il concerto di Roma ho ricevuto tremila mail di lamentele da parte del pubblico. Nonostante fosse poi estremamente giovane e dunque più libero di arrivare in anticipo per sottoporsi ai controlli o risolvere il problema di chi ha perso il documento, la delega o la prova d’acquisto.

Cosa succederà con i concerti nei giorni feriali e con un pubblico pù adulto che arriva all’ultimo istante?». De Luca sottolinea il tema dei costi: «Pagare cento persone per un’ora di controlli in più sono soldi veri. E poi devo velocizzare la costruzione del palco, perché per evitare le code devo aprire le porte, quindi avrò costi superiori anche per quello. Non so cosa farò, questa settimana ci sarà una riunione per capirlo anche perché finora abbiamo cercato sul sito dell’Agenzia delle entrate i decreti attuativi e non li abbiamo trovati».

Pronti invece a partire con i biglietti nominali i siti come TicketOne: «Navighiamo a vista, mancano ancora indicazioni precise ma inizieremo» dice l’ad Stefano Lionetti. «Per il momento i dati di chi acquista non verranno traferiti all’AGCM e agli altri enti preposti ai controlli ma il meccanismo inizierà ad attivarsi. E comunque il nominativo non combatte il bagarinaggio, è dimostrato dai fatti: per i concerti di Phil Collins ed Ed Sheeran c’erano i biglietti nominativi sul mercato secondario, tant’è che mi risulta che gli organizzatori abbiano fatto altri esposti contro Viagogo».

Fonte: Repubblica

Shape your future: LINECHECK MUSIC MEETING AND FESTIVAL 19 – 24 novembre 2019 - Milano

LINECHECK MUSICMEETINGAND FESTIVAL

19 –24 novembre2019

Milano

Shapeyourfuture.Sounds likediversity.

ANNUNCIATIIPRIMIARTISTI,ITEMIPORTANTI DEIPANELEILGUEST COUNTRYDEL2019:IL CANADA

LinecheckMusicMeetingandFestival,il main content partner della MilanoMusicWeek, annuncia i primi artisti, panel, partner ed il guest country 2019, il Canada, in arrivo a BASE Milano dal 19 al 24 novembre.

headquarter BASEMilano

viaBergognone34

+location varie

www.linecheck.it

Dal 19 al 24 novembre 2019 si svolge a Milano la quinta edizione di Linecheck Music Meeting and Festival, la principale conferenza italiana dedicata alla musica, progetto di Music Innovation Hub.

Sei giorni di programmazione suddivisa in incontri, workshop, panel dislocati nell’headquarter di Base Milano, all’interno dei nuovi spazi Music Innovation Hub, nella parte diurna del Meeting, e live e showcase serali per la sezione Festival, in un circuito di locali per la musica dal vivo e club cittadini

Mentre la conferenza si svolge nei giorni 21 - 23, la neonata Linecheck Academy avrà luogo il 19-20 novembre con workshop a numero chiuso e durante il weekend 23-24 con una masterclass in partnership con SAE Institute.

 

La quinta edizione mette in programma oltre 70 panel, workshop e networking sessions, non solo come punto di riferimento per la music industry italiana, ma anche come ponte con il resto del mondo e con altre industrie creative come moda, design, sport, advertising.
Linecheck è però soprattutto un momento di aggregazione, scambio, aggiornamento e riflessione sociale. Per questo, le buzzwords del 2019 sono “diversità” ed “inclusione” in tutte loro sfumature, portando avanti e ridefinendo così il focus tematico sulla gender-balance del 2018 che ha portato Linecheck a volersi inserire nel programma Keychange (con l’obiettivo di raggiungere una gender equality per artisti, conference, speakers e board entro il 2022): “Sounds Like Diversity” è il claim di questa edizione 2019, che si ritroverà nell’ampio programma della conferenza.


Import-export con un’attenzione particolare ai paesi dall’UK all’Europa centrale al medio-oriente, il mercato dei festival e dei club, la produzione della musica, sincronizzazione ed exploitation di diritti in ogni possibile modo, management, streaming e value gap, diritto d’autore sono solo alcuni temi cari a Linecheck; dallo sviluppo urbano e nazionale, dal sud al nord, alle leggi nazionali ed internazionali, alla politica culturale, dal trap all’italo pop, al progressive world, al clubbing all’heavy metal un’insieme variegato, unito da percorsi logici, da concetti storici, di innovazione e di ispirazione al miglioramento: “Shape Your Future”.

Una vera novità di quest’anno è la presenza di un “guest country”: per la prima volta Linecheck instaura una collaborazione con un altro paese a cui dedica vari momenti durante il meeting e diversi slot nella line up del festival.
Ad inaugurare questo format è il Canada: insieme all’Ambasciata del Canada, alla Delegazione del Québec e FACTOR (Foundation Assisting Canadian Talent On Recordings), un’ampia delegazione di professionisti canadesi popolerà Linecheck, i panel e le networking sessions, le receptions. Tra i primi nomi confermati in line up figurano inoltre diversi artisti canadesi tra cui Orville Peck, Hubert Lenoir, respectfulchild e Booty EP. La collaborazione canadese, già iniziata nel 2017, arriva così al suo culmine.

 

A completare la line up ad oggi sono gli inglesi Sherelle DJ e Arlo Parks (alla sua prima apparizione italiana), il fisarmonicista Yegor Zabelov, più Blu Samu, Ginevra ed Eugenia Post Meridiem, in un’ottica di divisione 50 e 50 tra artiste femminile e maschili che accomuna Linecheck e il sopracitato programma Keychange.


Linecheck è main content partner della Milano Music Week, la settimana interamente dedicata al mondo musicale che quest’anno, dal 18 al 24 novembre 2019, vedrà tutta la città di Milano sintonizzarsi ancora una volta sulle frequenze più diverse della musica, spaziando da concerti, djset, showcase fino a incontri, workshop di formazione, mostre ed eventi speciali.

Promossa per la terza volta da Comune di Milano - Assessorato alla Cultura, SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), ASSOMUSICA (Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal Vivo) e NUOVOIMAIE (Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti o Esecutori), con il patrocinio del MiBAC Ministero per i beni e le Attività Culturali, e in collaborazione con Linecheck per il coinvolgimento degli operatori di settore, Milano Music week vuole essere un racconto a 360° dell’industria musicale, attraverso l’intera filiera e suoi protagonisti, con un lavoro collettivo che si sviluppa nel corso dell’anno fino ad arrivare alla settimana della musica per eccellenza.

 

Oltre alla presenza canadese, Fimi e Assomusica si riconfermano tra i primi partner di Linecheck 2019, insieme a PMI, Nuovo Imaie, shesaid.so, British Council e SAE Institute.

 

Due importanti collaborazioni confermano il valore di Linecheck nel panorama europeo della music industry. A Milano si concluderà infatti il progetto JUMP, European Music Market Accelerator, il nuovo acceleratore europeo per il mercato musicale nato per garantire al settore la possibilità di adattarsi alle recenti trasformazioni, favorendo la condivisione di pratiche a livello transnazionale, arricchendo l’industria musicale con nuove proposte imprenditoriali. Per il terzo anno Linecheck si conferma inoltre parte di ETEP, European Talent Exchange Program, la piattaforma di circuitazione di artisti più importante in Europa, che porta al Festival tre band selezionate in occasione di Eurosonic.

 

Tra le novità del 2019 c’è inoltre lo sviluppo del programma serale che di anno in anno coinvolgerà un diverso distretto della città, con l’obiettivo di valorizzare i tanti club e le organizzazioni che rappresentano l’ossatura di Milano capitale della musica in Italia.

In questa edizione Linecheck Music Festival offre una programmazione nel distretto dei Navigli: un percorso attraverso i club e i luoghi della musica dal vivo della zona, il cuore pulsante della città di Milano, a pochi passi dall’headquarter di BASE Milano, per imbattersi in numerosi showcase, concerti e party, caratterizzati da linguaggi trasversali e musicali diversi.

 

LINECHECK WARMUP

 

Ogni giovedì, per tutta l’estate, LINECHECK WARM UP nel cortile di BASE Milano. Un live-magazine su alcune delle più interessanti etichette della scena musicale italiana e non solo, a cura di Linecheck. Ogni sera un nuovo racconto sonoro introduce agli artisti della label, con live e dj set, interviste.

 

Il primo appuntamento sarà la sera di giovedì 28 giugno con Woodworm / Locusta e i concerti di EDDA + EGO, durante la due giorni di ArtLab, piattaforma indipendente italiana dedicata all’innovazione delle politiche, dei programmi e delle pratiche culturali.

All'interno del palinsesto di Artlab, Music Innovation Hub organizzerà un panel sui trends di innovazione nella music industry, coinvolgendo esperti internazionali (Turo Pekari, TEOSTO e Oriol Pastor, Mira Festival) e presentando le 4 startups vincitrici della "Call for Music Innovation" di Music Innovation Hub e Cariplo Factory, all’interno del progetto "Linecheck FastForward".

[ingresso gratuito su registrazione]

--

Linecheck -Music Meeting and Festival

The ItalianMusic Conference

Milano

19 -24 novembre2019

BASE Milano, via Bergognone 34 +location varie

https://www.linecheck.it/

Linecheck Music Meeting and Festival è un progetto di Music Innovation Hub

Prodotto da POGO Productions da un’idea di elita

in partnership con BASE Milano

main content partner di Milano Music Week

parte dei progetti

JUMP European Music Market Accelerator

ETEP European Talent Exchange Program

--

#Linecheck19 #ShapeYourFuture#SoundsLikeDiversity #milanomusicweek# MMW19

#MusicCityMilano

facebook.com/linecheckfestival

 

instagram​

 

.com/linecheck_official/​

 

--

FULLPASS( Meeting+Festival) 1strelease/80 euro:

https://www.linecheck.it/

 

Per ulteriori informazioni

Chiara  Tocco-chiara.tocco@mi-h.orgIl GiovanniPesceqiovanni.pesce@mi-h.org

Parte dall’aeroporto di Malpensa il viaggio verso la Milano Music Week 2019

In occasione della Festa Internazionale della Musica,

parte dall’aeroporto di Malpensa il viaggio verso la

 

Milano Music Week 2019

con una performance speciale di 

Levante

tra protagonisti della prossima edizione in programma 

dal 18 al 24 novembre 

Al via da oggi la possibilità di inviare le proposte di eventi da inserire nel cartellone 

Milano, 21 giugno– Nel giorno della Festa Internazionale della Musica, prende il volo da Malpensa con una performance speciale di Levanteil viaggio verso la terza edizione della Milano Music Week, la settimana interamente dedicata al mondo musicale che quest’anno, dal 18 al 24 novembre 2019, vedrà tutta la città di Milano sintonizzarsi ancora una volta sulle frequenze più diverse della musica, spaziando da concerti, dj set, show casefino aincontri, workshop di formazione, mostreed eventi speciali

Promossa da Comune di Milano - Assessorato alla Cultura,SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), FIMI(Federazione Industria Musicale Italiana), ASSOMUSICA (Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal Vivo) e NUOVOIMAIE(Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti o Esecutori), con il patrocinio del MiBAC Ministero per i beni e le Attività Culturali,Milano Music week vuole essere un racconto a 360° dell’industria musicale, attraverso l’intera filiera e suoi protagonisti, con un lavoro collettivo che si sviluppa nel corso dell’anno fino ad arrivare alla settimana della musica per eccellenza. 

 

Sulla scia del successo della scorsa edizione - che ha coinvoltooltre 200 artisti da ogni continente, 70 location, 135 live, 64 djset, 72 incontri e workshop di formazione, più di 100 partner produttori di contenuti, anche quest’anno si punta ad un palinsesto ricchissimo di novità e di appuntamenti, dal profilo sempre più internazionale e rappresentativo di una città, Milano, ormai considerata fra le più importanti Music Cities mondiali.

Non a caso, il racconto di Milano Music Week 2019 parte proprio da uno dei luoghi che meglio simboleggia l’internazionalità, l’aeroporto di Milano Malpensa. Qui, grazie alla preziosa collaborazione di SEA Milan Airports eMETATRON,nella giornata dedicata alla Festa Internazionale della Musicaun’esibizione inedita di Levante al Terminal 1 ha sorpreso i viaggiatori in partenza e in arrivo da tutto il mondo, lanciando la prossima edizione della manifestazione. Proprio Levante- la cantautrice già considerata un’icona pop – sarà infatti fra i principali protagonisti della settimana della musica con un concerto di punta in programma sabato 23 novembre al Forum di Assago. Insieme a lei, professionisti e realtà del settore – fra artisti, autori, case discografiche, centri di formazione, promoter, associazioni musicali - ma anche tantissimi appassionati, si daranno appuntamento a Milano per vivere una settimana all’insegna della musica in tutte le sue diverse sfaccettature. In questo contesto Milano Music Week, grazie alla sua atmosfera sempre più internazionale, si propone come volano di attenzione sulla città, per aprirsi ad un pubblico ancora più nuovo e allargato,consolidando ulteriormente il ruolo di Milano quale capitale dell’industria musicale in crescita ed evoluzione.

"Lo snodo internazionale di Malpensa è il giusto palcoscenico dal quale annunciare la prossima edizione, la terza, della Milano Music Week - dichiara l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno-. Il modello, vincente, resta lo stesso delle precedenti edizioni, ma l'impetuosa crescita dell'iniziativa registrata nei due anni precedenti richiede un salto di qualità dal punto di vista della governance del progetto, affinché possa consolidarsi come piattaforma ideale per dare vita a un vero e proprio masterplan di Milano come città protagonista del circuito internazionale delle music cities"

La terza edizione di Milano Music Week parte da un aeroporto, luogo simbolico di scambio culturale, che rappresenta l’idea di viaggio, traversata, esplorazione, apertura di confini. Quest’anno la settimana della musica nasce nel segno dell’internazionalizzazione, di Milano come hub artistico in cui si arriva dal resto d’Italia e dall’estero per produrre musica. Sarà una settimana in cui si celebrano la pluralità e la convivenza di diverse culture unite dalla musica. Inviteremo i milanesi e coloro che arriveranno in città per la Milano Music Week a partire con noi per un giro del mondo in sette giorni, dove ogni musica, ogni artista, ogni cultura merita rispetto e attenzione” afferma Luca De Gennaro, curatore della Milano Music Week e Vice Presidente Talent & Music di Viacom International Media Networks.

Anche per questa edizione, Viacom International Media Networks Italia, azienda guidata dall’A.D. Andrea Castellari, si conferma main partnerdella Milano Music Week, con i brand VH1 MTV. La registrazione di un nuovo episodio di “VH1 Storytellers”, lunedì 18 novembre, sarà come di consueto la serata inaugurale della Milano Music Week, artista e location verranno comunicati più avanti. Viacom Italia realizzerà anche un evento a brand MTV ancora in via di definizione.

Dedicato al mondo B2B sarà Linecheck Music Meeting & Festivalmain content partnerdella Milano Music Week per il terzo anno consecutivo. Organizzato da Music Innovation Hub, Linecheck ospita a BASE Milano più di 1500 delegati del settore, 150 speaker, 70 panel, workshops, receptions e networking sessions. Obiettivo di Linecheck è creare ponti tra industrie creative diverse ma confinanti, tra il business italiano e il resto del mondo. Per la prima volta Linecheck annuncia un guest country: Il Canada, con contenuti speciali, concerti e un’ampia delegazione che arriverà a Milano per l’occasione. Con il motto “Shape Your Future”, ogni anno Linecheck dà appuntamento all’industria musicale italiana per affrontarne i temi caldi, dalle tendenze artistiche, alle strategie commerciali e distributive, non dimenticando una particolare attenzione al valore sociale della musica: sotto il claim “Sounds Like Diversity”, l’edizione 2019 pone particolare attenzione ad inclusione e diversità. Linecheck festival proporrà 50 showcase sulle nuove tendenze, di giorno per delegati della conference, di sera nei club di zona Navigli-Tortona.

Tante anche le partnershipdi rilievo che accompagneranno la MMW2019. Fra i content partnerritroveremo sicuramente Accordo per Music Show Milano, la fiera di strumenti moderni nata per valorizzare e sostenere la cultura e la musica suonata in Italia e RTL 102.5, che seguirà la manifestazione con interviste e collegamenti.

L’invito aperto a tutti è quindi quello di inviare alla mail proposte@milanomusicweek.itgli eventiche la curatela potrà valutare ed inserire nel programma della Milano Music Week 2019.

MILANO MUSIC WEEK 2019 | 18 – 24 novembre 2019

www.milanomusicweek.it

FB MilanoMusicWeek | IG milano_music_week | TW milanomusicweek

#MMW18 #MilanoMusicWeek #MusicCityMilan

 

Ufficio stampa Milano Music Week 2019

ddl studio | T +39 02 8905.2365

mmw@ddlstudio.net
Alessandra de Antonellis | alessandra.deantonellis@ddlstudio.net| 339 3637.388

Ilaria Bolognesi | ilaria.bolognesi@ddlstudio.net| 339 1287.840

Ufficio stampa Comune di Milano

Elena Conenna | elenamaria.conenna@comune.milano.it

Premio Assomusica a Vasco per la dedizione ai testi e ai significati delle sue canzoni e per la spettacolarità dei suoi concerti live

«Dovessi tornare indietro rifarei tutto, stessi errori, stesse passioni e stesse stesse delusioni». Vasco Rossi ha parlato così dopo aver ricevuto il Premio Assomusica per la dedizione ai testi e ai significati delle sue canzoni e per la spettacolarità dei suoi concerti live. «Vasco Rossi è un artista che ha saputo trasmettere Inclusione, ribellione, indipendenza morale mai asservita a nessun potere, un punto di riferimento per le giovani generazioni soprattutto in un momento così difficile per il nostro Paese - ha affermato Vincenzo Spera, presidente di Assomusica durante la consegna – Riconoscere il valore di Vasco è un regalo che facciamo a tutti noi. Perché con lui ci si sente meno soli. E pieni ancora di speranza. Ancora a lungo insieme alle nostre emozioni, ai nostri sentimenti che lui riesce ad interpretare e a trasmetterci con i suoi live».

Guarda il video:

SI CONCLUDE IL SANREMO ROCK&TREND FESTIVAL, IL PREMIO ASSOMUSICA AI BANGCOCK

I Piqued Jacks da Buggiano (PT) per la categoria Rock e Marco Viccaro Bucalone da Pistoia per la categoria Trend. Sono loro i vincitori del 32°Sanremo Rock & Trend Festival.


Il verdetto è arrivato al termine di due ore di passione ed emozione, fra rock, alternative, hard rock, cantautorato e spruzzi di swing, hip hop, funk, elettronica, presentate daLaura Ghislandi di RTL 102.5 e Gigi Zini, voce della Nazionale Italiana Cantanti, insieme a Gigio D’Ambriosiodi RTL 102.5.


Grazie alle 16 band finaliste, tutte le anime del rock sono confluite ieri sera sul palco del Teatro Ariston – Sala Ritz.


Il compito di stilare la classifica è stato affidato a due giurie di qualità. Per la categoria trend,erano presenti il musicista, produttore e fondatore dei New Trolls Vittorio De Scalzi, il produttore Fausto Cogliati(J-Ax, Fedez, Fragola, Michelin, Urban Strangers, Ultimoe altri), la cantante del Teatro alla Scala di Milano e vocal coachSilvia Chiminelli(Alexia, Caselli, Arisa, Violante Placido e altri),il consigliere di Assomusica Giampaolo Grotta,il manager di Eko Music GroupGiovanni Matarazzo,il discografico e chitarrista fondatore della “notte delle Chitarre”Ettore Diliberto eil giornalista Mario Luzzatto Fegizin qualità di presidente di giuria.


Nella giuria dellacategoria Rock erano invece presenti il chitarrista degli ABC, produttore e autore Matt Backer(Elton John, Joe Cocker, Paul Young, Sinead O’Connor,Julian Lennon), il tastierista dei Litfiba, musicista e produttore FabrizioSimoncioni (Ligabue, Nannini, Negrita, Consoli, Fabi, Silvestri, Bennato e altri),Andy Fluon(Andrea Fumagalli) dei Bluvertigo,Gigio D’Ambriosio, l’amministratore delegato della multinazionale Eko Music GroupStevio Lorenzetti,il segretario generale PMILuca Baronee il Presidente di AssomusicaVincenzoSperanel ruolo di presidente di giuria.


Le altre band giunte alla serata finale dopo i 3 giorni di selezioni– dal 4, 5 e 6 giugno – che hanno visto sfidarsi sul palco della Sala Ritz del Teatro Ariston 130 gruppi provenienti da tutta Italia, sono Nestor’s Hound, Twenty Questions, Wox, Mildred, Do It Yourself, Statale 107bis, Helen Burnsper la categoria Rock eX Giove, Andrea Belfiori, Horus Black, I Marrano, Mario Marco Farinato, Lost in Paradise, Bangcock per la categoria Trend.


Ai due vincitori, oltre al premio del 32° Sanremo Rock, è andata una chitarra Eko. Astralmusic, in collaborazione conSIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, ha assegnato il premio Parole Rock al migliore autore under 35 aiBangcock. Il premio diAssomusicaper la migliore esibizione live è andata sempre ai Bangcock, così come il premioPMIper la band più originale.


Di seguito tutti i premi assegnati:

Primo classificato categoria ROCK: PIQUED JACKS

Primo classificato categoria TREND: MARCO VICCARO BUCALONE

Secondo classificato: HORUS BLACK

Terzo classificato: X GIOVE

Premio Astralmusic SIAE “Parole Rock” per il migliore autore Under 35 BANGCOCK

Premio Assomusica: migliore esibizione live BANGCOCK

Premio F.I.P.I.: apertura Festa europea della Musica (Monza, 21 giugno 2019) per 2 band: WOX e ANDREA BELFIORI

Premio PMI: band più originale BANGCOCK

Premio EKO: ai 2 vincitori Rock e Trend 1 chitarra “Mia 4” top gamma e una “One ST“ ed ai finalisti Astuccio gadget

Premio MRI (Music Records Italy), SPC Sound e Sonopoli: Apertura canale VEVO, produzione, distribuzione digitale in tutto il mondo ed inserimento in air play a BANGCOK, ARIA51 e MARTE

Premio DI.GI.FE. Web Solution: GABRIELE UCCELLI

Premio Oscar Serio, realizzazione videoclip: SKURCI

Premio Produzioni Music Aly: una giornata di studio di registrazione per un singolo a MARIO MARCO FARINATO e INDAKO

Premio ET: inserimento nella compilation Emersione DOROTEA LI CAUSI, SKRUCI, AMNÈSYA, MARCO FARINATO, BLUGRANA, DESHEDUS, CRISTIAN MELIS, BONNIK (LAURA BONOMI), FABIO MIAMI E KIMAIRA, PROCIONEY ROCK BAND, JOKE ADDICTION, HEATSTROKES, NIKK & THE BAD BOYS, NINO TARZIA, O – VIOLENTI IDEALI ROCK, MARTE, MAURIZIO CARISTO, VIOLET BLEND, ANDREA BELFIORI

Premio Monferrato Onstage: open act Notte delle chitarre HORUS BLACK, MARCO VICCARO BUCALONE e ANDREA BELFIORI

Premio Red & Blue: booking & management ai MARRANO

Premio Bandit Bikers: opening act concerto internazionale Motoraduno Parma agosto 2019 alle WOX

Premio MT Music: contratto di promozione e ufficio stampa a XGIOVE

Premio AVI (Associazione Vinile Italiana): DESHEDUS

Premio MMLine Production Records: produzione/ distribuzione/promozione agli AMNÈSYA

PJ Record: produzione fonografica di un brano a SKRUCI


Tutti i 16 finalisti hanno ricevuto un vinile – picture disc Sanremo Rock – appositamente realizzato dal Vinilificio di Bologna, un Astuccio gadget di Eko Music e avranno un servizio giornalistico su Music & The City. Inoltre i 16 finalisti saranno inseriti nella compilation del Festival (Universal Music).


Per tutte le informazioni sulla manifestazione:www.sanremorock.it,pagina Facebook ufficiale “Sanremo Rock”,info@sanremorock.it, 327 423 7725.


Sono partner istituzionali del 32° Sanremo Rock& Trend Festival:Assomusica(Associazione italiana degli organizzatori e dei produttori di spettacoli di musica dal vivo),F.I.P.I. Italia(Federazione Internazionale Proprietà Intellettuale),NUOVOIMAIE (Nuovo Istituto Mutualistico per la tutela dei diritti degli Artisti Interpreti Esecutori) ePMI(Produttori Musicali Indipendenti).

Trionfo per il “Calabria Fest – Tutta Italiana” - Tra i premi anche quello Assomusica "Per la Migliore Esibizione Live"

LA BAND “REGIONE TRUCCO” DI IVREA VINCE IL “CALABRIA FEST – TUTTA ITALIANA”, FESTIVAL DELLA NUOVA MUSICA ITALIANA, IN DIRETTA RAI PLAY E RAI RADIO TUTTA ITALIANA.

DELIRIO FINALE PER CLEMENTINO CHE INFIAMMA LAMEZIA TERME 

Autentico trionfo per il “Calabria Fest – Tutta Italiana”, il Festival della Nuova Musica Italiana,  che si è svolto per tre giorni nello splendido e accogliente centro storico di Nicastro a Lamezia Terme, organizzato dall’Associazione Culturale Art-Music&Co, con la direzione artistica e organizzativa di Ruggero Pegna, insieme a Rai Radio Tutta Italiana diretta da Gianmaurizio Foderaro, impeccabile conduttore e anchorman delle tre serate, e all’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria

Il “Calabria Fest Music Award” come Migliore Nuova Proposta dell’anno di Rai Radio Tutta Italiana, rete ufficiale del Festival, consegnato dall’assessore regionale alla Cultura Maria Francesca Corigliano e da Giusy Leone, presidente di Art-Music&Co, è stato vinto dalla band Regione Trucco di Ivrea che, nella finalissima di ieri sera, ha superato al fotofinish le Sorelle Prestigiacomo di Trapani, classificate al secondo posto. Ex equo al terzo posto Camilla Miconi arrivata con la sua band da Macerata e il duo Enrico Cuomo & Chiara Vescio di Lamezia. Alle semifinali delle due serate precedenti erano arrivati anche Zarat di Napoli, Pika DFM di Altomonte, Angelo Frontera di Como e Mava di Lecce. 

A quest’ultimo è andato il Premio Siae per il Miglior Testo scelto dalla Direzione Nazionale della Società Italiani degli Autori ed Editori, consegnato dalla dottoressa Angela Nicolazzo. Il Premio Assomusica (associazione italiana organizzatori e produttori di spettacoli di musica dl vivo) per la “Miglior Performance Live” è stato assegnato ancora ai Regione Trucco e consegnato dal promoter associato Gianluigi Fabiano e dallo stesso Ruggero Pegna, tra i fondatori dell’Associazione. 

Il Premio Social Web di Radio Tutta Italiana “per la comunicazione social” è stato attribuito al duo Enrico Cuomo e Chiara Vescio, più votati sulle piattaforme social. Infine, il Premio dello sponsor  Paradiso Group è stata consegnato da Ferruccio Paradiso a Pika DFM.

Come è noto, alla finalissima del  Calabria Fest  sono arrivati gli otto vincitori delle selezioni nazionali per artisti e band iniziate lo scorso marzo, tra centinaia di proposte pervenute a Rai Rai Radio Tutta Italiana e ad Art-Music&Co.

In attesa del verdetto della giuria, capitanata dal noto scrittore, critico musicale e conduttore Rai Dario Salvatori, sul palco è salita la prima super ospite Chiara Galiazzo, tra i più radiodiffusi del momento con il nuovo brano inciso insieme a J-Ax. Con la sua bravura e la sua eleganza ha incantato tutti, strappando lunghi applausi.  

Dopo le premiazioni con i riconoscimenti creati per il Calabria Fest dal celebre maestro orafo Gerardo Sacco, anch’egli presente a Lamezia, il rapper Clementino ha chiuso col botto l’intero festival, mandando letteralmente in delirio le migliaia di giovani che hanno gremito all’inverosimile il maestoso Corso Numistrano. Con la sua energia, saltando da una parte all’altra e perfino fin sotto il palcoscenico, ha infiammato la notte lametina, regalando un live davvero spettacolare e un’atmosfera entusiasmante e magica. 

Perfetta l’organizzazione dell’evento e straordinario il successo, sia dal vivo, sia grazie ai numeri record registrati dalla diretta Rai attraverso le sue rete digitali e social, in particolare Rai Play Rai Radio Tutta Italiana, curata dal responsabile web delle reti digitali Rai Flavio Bianchi e dal suo staff a Lamezia Davide Lonardi e Angelo Terracciano, con la regia video di Enrico Pulice

Di grande impatto l’allestimento, con l’imponente struttura scenica voluta da Pegna, che si è avvalsa della scenografia di Francesca Ferraiuolodella Entopan e da un eccezionale gioco di luci ed effetti ad alta tecnologia realizzati dalla ChecK Sound di Antonio e Tommaso Paparo, con il coordinamento tecnico di Giacinto Lucchino

 “E’ stato un grande Festival, con una cornice eccezionale di pubblico! Una soddisfazione immensa dopo mesi di lavoro e la cura meticolosa di ogni dettaglio”, sottolineano Ruggero Pegna, Gianmaurizio Foderaro e Giusy Leone, che hanno ringraziato l’Assessorato alla Cultura della Regione per aver inserito il progetto tra i Grandi Festival Storicizzati, la Direzione delle Concessionarie Paradiso Group per il prezioso supporto, gli Uffici Comunali.

Un grazie sincero  – dice Pegna – anche al Comando dei Vigili Urbani e al Commissariato di Polizia, in particolare al dottor Francesco Morelli, per la preziosa collaborazione che ha consentito la perfetta riuscita della prima serata.


Nel Villaggio Musicale sono stati presenti per tre giorni anche i volontari dell’Associazione Lamezia Rifiuti Zero che si occupano dei punti di raccolta differenziata dei rifiuti nell’ambito della loro campagna per la sensibilizzazione ambientale. Dopo il grande successo, l’appuntamento col Calabria Fest, vero grande evento, è d’obbligo alla prossima edizione.


Video del live di CLEMENTINO

https://www.facebook.com/RaiRadioTuttaItaliana/videos/403978616995468/UzpfSTEwMDAwMDc4ODkzMjA0NToyMTc3MjAzMTcyMzE1OTU5/

32° SANREMO ROCK & TREND FESTIVAL

32° SANREMO ROCK & TREND FESTIVAL

40 ore di musica live, 130 finalisti da tutta Italia e numeri record

PER 4 GIORNI IL ROCK INVADE SANREMO 

4-5-6-7 giugno finali del concorso per rocker emergenti 

In giuria Luzzatto FegizBackerDe ScalziSimoncioni,Cogliati, D’Ambrosio, Ghislandi, Chiminelli, Andy, Chiurazzi e altri. E il 7 giugno arrivano anche i bikers

 

Dopo il grande successo dello scorso anno, si avvicina il momento clou delSanremo Rock & Trend Festival, edizione numero 32.La storica manifestazione dedicata ai nuovi talenti del rock italiano torna al Teatro Ariston di Sanremo - Sala Ritzper la chiusura nazionale: dal 4 al 6 giugno si svolgeranno le selezioni finalimentre nella serata di venerdì 7 giugno, sullo stesso palco, si terrà la Finalissima 2019. 

Il concorso, dal 2016 gestito dalla società Nove Eventi, segna quest’anno un nuovo record in tutti i suoi numeri, confermando una crescita esponenziale che lo ha reso ormai il premio più prestigiososul territorio italiano. Al tempo stesso la città diSanremosi conferma capitale della musica italiana, in tutte le sue “declinazioni”, dal pop al rock. 

FINALI E FINALISSIMA

 

Dopo 1052 verifichepreliminari di idoneità (tante sono state le band/artisti che hanno contattato quest’anno al 32° Sanremo Rock), per 10 mesisi sono svolte in tutta Italia le selezioni live nei club più prestigiosi. Le 45 tappehanno portato all’individuazione delle 130 band finaliste. Queste ultime, nelle giornate di martedì 4, mercoledì 5 e giovedì 6 giugno, si esibiranno dal vivo sul palco dell’Ariston – Sala Ritz, con 2 brani ciascuna, per conquistare uno dei 16 posti in palio per la Finalissima di venerdì 7 giugno. Nel corso della serata finale 8 saranno i superfinalisti che si sfideranno per la vittoria nella categoria rock(rock, indie, alternative, metal, hard rock, prog, ecc) e 8 nella categoria trend(pop, hip hop, blues, funk, folk, ecc). I due vincitori, oltre al premio del 32° Sanremo Rock, andrà una chitarra Eko, ma anche le altre band potranno sperare in un riconoscimento. Astralmusic, in collaborazione con SIAE - Società Italiana degli Autori ed Editori, assegnerà infatti il premio Parole Rockal migliore autore under 35, Assomusicapremieràla migliore esibizione live, mentre grazie a sponsor e partner verranno assegnati contratti discografici, realizzazioni di videoclip professionali, date live fra cui open act per artisti nazionali e internazionali, apertura canali Vevo, servizi fotografici, la promozione radio e tv. I 16 finalisti, inoltre, saranno inseriti nella compilation del Festival (Universal Music).

IN GIURIA I PIÙ IMPORTANTI PRODUTTORI, MUSICISTI E ADDETTI DEL SETTORE

 

A valutare i “concorrenti” arriveranno a Sanremo alcuni dei nomi più importanti della scena musicale, fra produttori, discografici, musicisti e professionisti del settore. Nei 4 giorni del Festival saranno presenti personalità come il giornalista Mario Luzzatto Fegiz, il chitarrista, produttore e arrangiatoreMatt Backer(Elton John, Joe Cocker, Paul Young, Sinead O’ConnorJulian Lennon), il Presidente di Assomusica VincenzoSpera, il tastierista dei Litfiba, musicista e produttore FabrizioSimoncioni(Ligabue, Nannini, Negrita, Consoli, Fabi, Silvestri, Bennato e altri), il musicista, produttore e fondatore dei New Trolls Vittorio De Scalzi, il produttore Fausto Cogliati(J-Ax, Fedez, Fragola, Michelin, Urban Strangers, Ultimo e altri), la cantante del Teatro alla Scala di Milano e vocal coach Silvia Chiminelli(Alexia, Caselli, Arisa, Violante Placido e altri), Andy Fluon(Andrea Fumagalli) dei Bluvertigo, l’amministratore delegato della multinazionale Eko Music Group Stevio LorenzettiDavide Chiurazzi diRadio Rai, ildiscografico e chitarrista fondatore della “notte delle Chitarre” Ettore Diliberto, ildiscografico e voce della band O.R.O. Valerio Zellie tanti altri.

Nel doppio ruolo di giurati e presentatori avremo inoltre Gigio D’Ambriosiodi RTL 102.5 (già selezionatore per i giovani del Festival di Sanremo e per X Factor) e Laura Ghislandi, anche lei da RTL 102.5. Ad affiancarli nella presentazione delle serate sarà presente Gigi Zini, voce della Nazionale Italiana Cantanti.

 

 

OLTRE LA GARA: ARRIVA IL “ROMBO” ROCK

 

Musica del pentagramma e musica… dei motori. Evento collaterale delle finali del 32° Sanremo Rock & Trend Festival sarà infatti la motoparata dei bikers, che per venerdì 7 giugno si daranno appuntamento davanti al Teatro Ariston e “gareggeranno” per eleggere la “moto più rock”. Gomovie riprenderà l’evento, così come i concorrenti del Festival, dall’alto con i droni. 

E dopo il successo degli scorsi anni, torna anche per le finali 2019 il DopofestivalRockal Rolling Stone Cafè: lunedì 3, martedì 4, mercoledì 5 e giovedì 6 giugno ospiti e “concorrenti” del Festival si daranno appuntamento in riva al mare per commenti, interviste e jam session fino all’alba. 

Per tutte le informazioni sulla manifestazione:  www.sanremorock.it pagina Facebook ufficiale “Sanremo Rock”, info@sanremorock.it, 327 423 7725.

Sono partner istituzionali del 32° Sanremo Rock& Trend Festival: Assomusica(Associazione italiana degli organizzatori e dei produttori di spettacoli di musica dal vivo), F.I.P.I. Italia(Federazione Internazionale Proprietà Intellettuale), NUOVOIMAIE (Nuovo Istituto Mutualistico per la tutela dei diritti degli Artisti Interpreti Esecutori) e PMI(Produttori Musicali Indipendenti). 

 

 

* * * * *

 

Sanremo Rock & Trend Festivalè il più ambito e longevo contest nazionale per artisti singoli, duo o gruppi italiani emergenti della scena rock, indie, alternative, pop rock, hard rock e tutte le possibili “declinazioni” trasversali ai generi. Nato negli Anni ’80, Sanremo Rock è un brand storico che ha portato al successo moltissimi Big di oggi. Dal suo palco sono passati, fra i tanti, i Litfiba,Denovo di Mario VenutiLigabue,Tazenda,Bluvertigodi Morgane gli Avion Travel, solo per citarne alcuni. La manifestazione rappresenta un grande momento di incontro musicale, di confronto, di sana competizione e soprattutto offre precise indicazioni sul movimento rock italiano, sul suo stato di salute, le tendenze, le preferenze.

 

_______________________

Ufficio stampa: Silvana Maiorano    ufficiostampa@lungomare-srl.com   +39 338 5886972

Subscribe to this RSS feed