facebook   Ita FlagUK flags
A+ A A-

Segreteria Assomusica

SALMO, ASSOMUSICA CONDANNA EPISODI DEL GENERE E RIBADISCE NECESSITA' DI UN CONFRONTO IMMEDIATO PER TORNARE AL PIU' PRESTO A CONCERTI CON PIENA CAPIENZA

  


A seguito delle nuove disposizioni in materia di partecipazione agli spettacoli dal vivo, entrate in vigore il 6 agosto scorso, stiamo assistendo ad interpretazioni e applicazione delle disposizioni in maniera del tutto arbitraria. Le incertezze prodotte da questa situazione - sia da parte di chi autorizza che, soprattutto, da chi inventa le modalità più "performanti" ai propri interessi e non certo per il bene del settore del live, completamente fermo e privo di adeguati strumenti e risorse - non può che arrecare ulteriori danni alla già profonda crisi di questi ultimi due anni.

Esempio eclatante è stata l'esibizione-concerto di Salmo sotto una ruota panoramica ad Olbia. Molto rumore ha fatto sui social ed anche tra gli artisti: per le modalità con cui è stata prevista la partecipazione del pubblico; perché sembra palese che non fosse stato autorizzato dalle autorità, e fosse stata resa nota solo poche ore prima, quasi fosse un rave. ASSOMUSICA, Associazione che rappresenta la maggior parte degli organizzatori e produttori di musica in Italia, non può che condannare episodi del genere, che danneggiano soprattutto gli organizzatori di concerti che lavorano con serietà, rispettano le regole sulla sicurezza e a tutela della salute del pubblico, ma anche e - forse ancor di più - l’immagine degli artisti stessi.

"Riteniamo, quindi, che sia doveroso attenersi a quanto disposto dalla normativa, in base ai più recenti D.L., e ribadiamo la necessità che il Governo e le Istituzioni preposte ascoltino e prendano in seria considerazione quanto contenuto nei nostri documenti fin dallo scorso anno. Non possiamo continuare a lavorare a capienze ridotte e crediamo che, stante l’attuale situazione vaccinale e le attuali modalità di accesso con le previste “certificazioni green”, si possa arrivare con ponderata certezza al ritorno alle piene capienze già nel prossimo autunno", cosi il presidente Assomusica, Vincenzo Spera, che conclude sottolineando che è "necessario, inoltre, anche  un immediato confronto, subito dopo la pausa estiva, dando la nostra più ampia disponibilità a collaborare affinché il pubblico possa partecipare con la massima semplicità e tranquillità, con le necessarie autorizzazioni “green”, per tornare a vivere le emozioni che solo la musica dal vivo riesce a dare. Come già sta accadendo in altre nazioni Europee, ad esempio in Gran Bretagna, Olanda, Polonia, dove i concerti si tengono con la piena capienza della venue".

 

Assomusica Associazione
info@assomusica.org - Tel. +39 06 99585235 / +39 010 5221441
www.assomusica.org 

Comunicazione Assomusica: Daniele Mignardi Promopressagency
Tel. + 39 06 32651758 r.a.- info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

 

RIAPERTURE CONCERTI L’Associazione chiede alle Istituzioni riposte in tempi brevi e più certezze su tutto il territorio nazionale per poter programmare le attività

RIAPERTURE CONCERTI
L’Associazione chiede alle Istituzioni riposte in tempi brevi
e più certezze su tutto il territorio nazionale
per poter programmare le attività
 

IL PRESIDENTE VINCENZO SPERA
“Di questo passo la filiera della musica dal vivo
rischia il collasso”

 

Dall’inizio della pandemia, Assomusica, l’Associazione degli Organizzatori e Produttori di Spettacoli di Musica dal Vivo, ha portato avanti un costante confronto con le Istituzioni, condividendo le principali esigenze del settore della musica dal vivo sul tema delle capienze degli eventi e sull’assoluta necessità di avere meno deroghe e più certezze regolatorie su tutto il territorio nazionale. Certezze, tuttavia, che tardano ad arrivare, come sottolinea la stessa Associazione.

«In queste ultime settimane stiamo assistendo alle riaperture totali delle attività: di fatto non esistono regole, non ci sono disposizioni controllabili ed applicabili nel rispetto delle norme in vigore o dei DPCM. Gli unici che sono soggetti ad autorizzazioni specifiche per ciascun evento sono proprio gli operatori del settore della musica dal vivo. Questa situazione sta provocando delle gravi conseguenze» dichiara Vincenzo Spera.

«In ogni Regione, in ogni Comune, vengono adottati provvedimenti completamente diversi che rendono assolutamente problematico poter lavorare. A questo si aggiungono le difficili condizioni in cui ci siamo trovati ad operare fino ad oggi, a causa dei limiti di capienza, che consentono a stento di riuscire a sostenere i costi, costringendoci, purtroppo, anche a ridurre il più possibile la forza lavoro che può contribuire alla realizzazione degli spettacoli» denuncia il Presidente di Assomusica.

«In alcuni contesti, nelle piazze o addirittura nell’ambito di manifestazioni gratuite promosse dagli Enti Pubblici, si festeggia senza restrizioni, mentre chi fa impresa e rischia in prima persona, è costretto, probabilmente, a fermarsi di nuovo. Un tale stato di anarchia generale non può di fatto consentire l’effettuazione di tournée, provocando, inoltre, un completo senso di disorientamento nel pubblico che confuso dalle diverse modalità di partecipazione stenta ad acquistare i biglietti. Infine, non si comprende perché nelle zone gialle può esserci una deroga, e quindi un aumento di capienza, mentre nelle zone bianche, che dovrebbero essere più sicure, c’è un limite imposto che non prevede né provvedimenti né richieste in deroga, secondo molte Regioni.

Già da oltre un anno abbiamo sottoposto dei protocolli, adottati anche con successo la scorsa estate, ma purtroppo, per questa stagione, non abbiamo trovato risposte dalle istituzioni e dalle pubbliche autorità, la nostra voce è rimasta inascoltata, determinando pertanto l'attuale difficile e confusa situazione generale.

La discussione di una norma che tuteli il welfare dei lavoratori intermittenti, privi di tutele, non può essere l’unica soluzione prevista dallo Stato per risolvere le problematiche del mondo dello spettacolo dal vivo: bisogna anche pensare a chi pagherà di fatto questo welfare se le aziende che impiegano questi lavoratori non hanno i soldi per poter assumere il personale o non possono pagarlo o non hanno modo di farlo lavorare. Il rischio è di arrivare a un collasso totale della filiera.

Non dimentichiamo che dall’1 febbraio fino a questi giorni siamo stati costretti ad una chiusura totale, come pochi, ma nessuna misura di “risarcimento” è stata ancora annunciata.

Riteniamo opportuno che il prima possibile si proceda ad una programmazione delle nostre attività anche in previsione della stagione autunnale e che, come sta avvenendo in molti paesi europei, venga messo a disposizione del settore un fondo di garanzia per eventuali perdite economiche in caso in cui le attività legate ai concerti vengano improvvisamente sospese/annullate e a coprire i costi sostenuti a causa della limitazione capienze » conclude Spera. «Il nostro settore non è finanziato dalla Stato e, proprio per questo motivo, abbiamo bisogno di una risposta in tempi brevi da parte delle istituzioni».

 

Assomusica Associazione
info@assomusica.org - Tel. +39 06 99585235 / +39 010 5221441
www.assomusica.org 

Comunicazione Assomusica: Daniele Mignardi Promopressagency
Tel. + 39 06 32651758 r.a.- info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

 

Riconoscimento giuridico dei Live Club: approvato l’ordine del giorno che impegna il Governo a procedere

“Un evento importantissimo per la nostra categoria, che agevolerà tutti i prossimi passi”

 

Il 9 giugno 2021 è una data importantissima per il mondo dei Live Club italiani: alla Camera dei Deputati viene ufficializzata l’approvazione dell’ordine del giorno con cui si impegna il Governo per il riconoscimento giuridico di queste realtà.

 

KeepOn Live, Assomusica, Arci, associazioni che con l’iniziativa L’Ultimo Concerto? si sono fatte portavoce dell’urgenza a procedere verso questa direzione, accolgono la notizia con ritrovata speranza.

 

Federico Rasetti e Marco Manzella, rispettivamente direttore e presidente di KeepOn Live, commentano: “Questo impegno formale del Governo a procedere col riconoscimento dei Live Club può essere il giro di boa fra il prima e il dopo pandemia. Sancire un nuovo inizio, basato su maggiori tutele e sostegni per questi spazi, che potranno finalmente avere le condizioni di sostenibilità per prosperare; così da essere un potente volano di lavoro per tutta la filiera musicale e avere un impatto positivo per la socialità e la diffusione di cultura per i territori nei quali lavorano. Un risultato importante per come è stato conseguito: grazie alla collaborazione e alla cooperazione di diverse persone competenti e rappresentanti di Associazioni che hanno sempre capito l’importanza dei Live Club per tutto il tessuto sociale e lavorativo circostante. Proseguendo così, il raggiungimento del riconoscimento ufficiale per il quale lavoriamo da anni sarà sicuramente possibile”.

 

Vincenzo Spera, presidente di Assomusica: “Siamo felici che il Governo abbia preso coscienza dell'importanza dei locali di musica dal vivo e ci auguriamo che finalmente nella legge dello spettacolo dal vivo venga riconosciuta l'importanza del ruolo di questi spazi a favore della creatività artistica e che porti ad un definitivo riconoscimento delle venues di musica live come già avviene per le sale cinematografiche e teatri”.

Per Francesca Chiavacci, presidente nazionale dell’Arci: “È un giorno decisivo per l’avvio del percorso di riconoscimento di un ambito culturale fino ad oggi poco valorizzato e poco conosciuto. Gli spazi culturali che chiamiamo ‘Live Club’, oltre ad essere incubatori di creatività e spazi di crescita per gli artisti, sono anche luoghi di progettazione culturale  e di inclusione sociale. I Live Club in forma associativa rappresentano una parte importante di questo mondo e del non profit culturale italiano e plaudono a questo risultato non scontato”.

 

Un primo, fondamentale passo, quello conseguito nella giornata del 9 giugno, che avvicina i Live Club italiani a realtà analoghe appartenenti ad altri paesi europei.

 

A sottolineare l’estrema rilevanza di questa approvazione che impegna il Governo, anche Alessandra Carbonaro, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura a Montecitorio e firmataria dell'ordine del giorno:

 

''I live club, proprio come le sale cinematografiche, teatrali o da concerto, sono luoghi di creazione e diffusione di valore sociale, artistico e culturale. Riconoscerli giuridicamente nel nostro quadro normativo significherebbe identificare le singole realtà all'interno delle categorie extra Fus (Fondo unico per lo spettacolo) e poterle sostenere economicamente. In favore di questo riconoscimento si pone l'ordine del giorno approvato al decreto Riaperture. Finalmente le attività nei live-club stanno ripartendo ma occorre fare un passo in avanti per salvaguardare questi importanti presidi di comunità’'

 

Nel paragrafo dell’ordine del giorno approvato in questi giorni si legge:

 

“L'introduzione nel quadro normativo del riconoscimento giuridico dei live-club agevolerebbe la catalogazione ministeriale delle realtà Extra FUS e permetterebbe di identificare in maniera puntuale le singole realtà ai fini dell'erogazione dei sostegni economici che, in molti casi, non riescono a raggiungere queste particolari attività.

 

Impegna il governo:

 

a valutare l'opportunità di disporre misure per il riconoscimento giuridico dei live-club sul modello degli esistenti esempi europei e della fattispecie dei cinema d'essai, anche attraverso l'istituzione di un'apposita commissione ministeriale che individui i criteri identificativi e i requisiti di accesso per il riconoscimento giuridico delle singole realtà”.

 

New European training programmes for International Music Publishing and Live Entertainment:

International Music Business Summer School offers qualification and networking opportunities for European music business professionals in the run-up to Reeperbahn Festival 2021

Hamburg, June 10th, 2021

The International Music Business Summer School is the continuation of the first training programme for European music business professionals. The programme, which will take place in Hamburg in September 2021, has been designed to facilitate cross-border knowledge transfer and cooperation. It provides advanced training in two separate on-site courses that applicants may choose to participate in: music publishing or live entertainment. The 4-day seminars and their digital add-ons are accompanied by networking activities and followed by alumni meetings during Reeperbahn Festival 2021. A ticket for the festival is included in the registration fee.

The International Music Business Summer School will consist of two parallel on-site seminars: International MusicPublishing and International Live Entertainment. They will be held from September 20th-23rd at  Hamburg Media School, accompanied by digital events shortly before and after those dates. The training programme intends to provide peoplefrom all over Europe either already active in the music business or experienced career starters - with a comprehensive qualification in the areas of international music publishing and live entertainment. The scheme is

based on three essential pillars: knowledge, networking and the exchange of experience. The curricula combine fundamentalinformation on an international level with specialist knowledge, covering a wide range of topics: from creative publishing to EUcopyright law in the field of international music publishing, and from the future of live streaming to new touring standardsafter Covid-19 in the live entertainment domain.

The programme is announced EU-wide and funded by Music Moves Europe, which is the overarching framework for the European Commission's initiatives and actions in support of the European music sector. Additional support comes from the City of Hamburg. Cooperating partners of the International Music Publishing Summer School are the  InternationalConfederation of Music Publishers (ICMP), Chambre Syndicale De l'Edition Musicale (CSDEM), as well as the federal partner  Deutscher Musikverleger-Verband (DMV). Partners of the International Live Entertainment Summer School are the EuropeanLive Music Association (ELMA),  Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal vivo (Assomusica), and the federal partner Bundesverband der Konzert- und Veranstaltungswirtschaft e. V. (BDKV). Reeperbahn Festival and the internationally acting  Music Cities Network have been partners and supporters since the beginning. The Hamburg MusicBusiness Association (IHM e.V.) is the organizing body.

Network have been partners and supporters since the beginning. The Hamburg Music Business Association (IHM e.V.) is the organizing body.

Music industry experts from seven different European countries will curate the International Music Business Summer School. The structure of the boards of trustees reflects the strong

interest of the International Music Business Summer School to consider relevant industry issues in a European way.


The board members of the International Live Entertainment School are:

●  Alex Bruford, UK (CEO ATC Live)

●  Aissata Hartmann-Sylla, DE (Senior Booking Director AEG Berlin, Mercedes-Benz Arena Berlin & Verti Music Hall)

●  Marie Lindqvist (UK), Senior Vice President ASM Global

●  Camila Salinas (ES), International Booker Primavera Sounds, Booking & Management Primavera Tours 

●  Vincenzo Spera (IT), President of Assomusica, member of the Council of Entertainment of MiBACT (Italian Ministry for Cultural Heritage and Activities), President of ELMA (European Live Music Association)

 

For the International Music Publishing Summer School, the board consists of:

●  Juliette Metz, FR (Chair of the French Music Publishers Association, CSDEM

●  John Phelan, IE (Director General, ICMP)

●  Götz von Einem, DE (Managing Director GSA, peermusic Germany GmbH, Board Member DMV) ●  Mette Zähringer, DK (Vice President, Iceberg Music Group, Board Member Danish MPA).

 

Mette Zähringer, Vice President, Iceberg Music Group: “As part of the board of trustees for the International Music Publishing Summer School, I am happy to announce that participants can expect a programme that adapts to the rapid developments in the music industry. Especially under pandemic circumstances, it is more important than ever to make the exchange of knowledge possible on an international level.”

Alex Bruford, CEO ATC Live: “Supporting the next generation is so important to the future of the music industry. Therefore I am delighted to be helping the International Live Entertainment Summer School provide a programme of invaluable content for professional development within our business.”

Application for the International Music Business Summer School requires a CV and a letter of motivation. The Participants will be chosen by the board of trustees. The registration fee per person amounts to EUR 300 and includes a ticket for Reeperbahn Festival 2021 (22.-25.09.2021). Should the circumstances of the pandemic make on-site teaching impossible, the seminars will be held digitally. The deadline for applications is July 20. You can find further information and application documents at www.imbss.musicbusinesssummerschool.com.

 

Press contact:

Hamburg Music Business Association (IHM e.V.) Norman Müller
Phone: 040 4689858-52 norman.mueller@musikwirtschaft.org

 



ABOUT IHM E.V. - HAMBURG MUSIC BUSINESS ASSOCIATION

The Hamburg Music Business Association (IHM) is the first and one of the largest regional music trade associations in Germany. It was founded in March 2004 with the aim of promoting and helping to shape Hamburg as a centre for music and the music industry.

With its musical history, ranging from Brahms to the Beatles, its vast number and unique concentration of live music clubs in the Altona and St. Pauli districts, its world-famous festivals, including Hurricane, Wacken Open Air, MS Dockville, Elbjazz and the Reeperbahn Festival, and with its internationally active publishers, labels, distributors, agents, and promoters, Hamburg is northern Europe’s leading centre for the music industry.

The IHM is the network of Hamburg’s music business. It consolidates groups across submarkets. With managements, publishers, labels, distributors, promoters, venues, digital service providers, and media amongst its members, IHM represents enterprises in all branches of the music industry. IHM’s main objective is to establish the structural requirements for successful businesses in the field of music through networking, public relations, lobbying, and project work.

www.musikwirtschaft.org

 

Nuovi programmi di formazione europei per l’editoria musicale internazionale e gli spettacoli dal vivo

l’International Music Business Summer School offre opportunità di qualificazione e networking per i professionisti del business musicale europeo in vista del Reeperbahn Festival 2021

Amburgo, 10 giugno 2021

L’International Music Business Summer School è la continuazione del primo programma di formazione per professionisti europei del business musicale. Il programma, che si svolgerà ad Amburgo nel settembre 2021, è stato concepito per facilitare il trasferimento delle conoscenze e la cooperazione transfrontaliera. Fornisce formazione avanzata attraverso due diversi corsi in presenza acuiicandidatipossonosceglieredipartecipare:editoriamusicaleospettacolidalvivo. Iseminari di 4 giorni e i relativi approfondimenti digitali sono accompagnati da attività di networking e seguiti da incontri di ex allievi durante il Reeperbahn Festival 2021. Nella quota di iscrizione è compreso un biglietto per il festival.

L’International Music Business Summer School prevede due seminari paralleli in presenza: International Music Publishing andInternational Live Entertainment. I seminari si terranno dal 20 al 23 settembre presso la  Hamburg Media School e sarannoaccompagnati da eventi digitali poco prima e dopo tali date. Il programma di formazione intende fornire a persone provenienti da tutta Europa, già attive nel mondo della musica o alle prime esperienze lavorative, una qualifica completa neisettori dell’editoria musicale internazionale e degli spettacoli dal vivo. L’offerta si basa su tre pilastri fondamentali: conoscenza, networking e scambio di esperienze. Le offerte formative combinano informazioni di base a livello internazionale con conoscenze specialistiche relative ad un ampio ventaglio di argomenti: dall’editoria creativa alle norme UE sul diritto d’autorenel campo dell’editoria musicale internazionale, e dal futuro del live streaming alle nuove norme turistiche post Covid-19 nel settore dello spettacolo dal vivo.
 

Il programma è stato divulgato in tutta l’UE ed è finanziato da Music Moves Europe, che è la struttura di riferimento per le iniziative e le azioni della Commissione europea a sostegno del settore musicale europeo. Un ulteriore supporto viene dallacittà di Amburgo. I partner che collaborano con l’International Music Publishing Summer School  l’Int ern at ional C onfederation  o f M usic  P ublishers   (ICMP), la  C hambre  Syndic ale De  l’E dit ion  M usic ale (C SDE M )  e i partner tedeschiDeutscher Musikverleger-Verband (DMV). I partner dell’International Live Entertainment Summer School sono la EuropeanLive Music Association (ELMA), lAssociazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal vivo (Assomusica) e ilpartner tedesco  Bundesverband der Konzert- und Veranstaltungswirtschaft e.V. (BDKV). Reeperbahn Festival  e  Music CitiesNetwork, che opera a livello internazionale, sono stati i primi partner e sostenitori del programma. L’ente organizzatore è la Hamburg Music Business Association (IHM e.V.).

 

L‘International Music Business Summer School sarà curata da esperti dell’industria musicale provenienti da sette diversi paesi europei. La struttura dei Board of trustees rispecchia la precisa volontà dell’International Music Business Summer School di affrontare le principali questioni dell’industria musicale in un’ottica europea.

I membri del Consiglio direttivo dell’International Live Entertainment School sono:

●  Alex Bruford, Regno Unito (CEO ATC Live)

●  Aissata Hartmann-Sylla, Germania (Senior Booking Director AEG Berlin, Mercedes-Benz Arena Berlin & Verti Music Hall)

●  Marie Lindqvist (Regno Unito), Vicepresidente Senior ASM Global

●  Camila Salinas (Spagna), International Booker Primavera Sounds, Booking & Management Primavera Tours

●  Vincenzo Spera (Italia), Presidente di Assomusica, membro del Council of Entertainment of MiBACT (Ministero italiano per i Beni e le Attività Culturali), Presidente di ELMA (European Live Music Association)


Il Consiglio dell’International Music Publishing Summer School, è composto da:

●  Juliette Metz, Francia (Presidente dell’Associazione francese degli editori musicali, CSDEM)

●  John Phelan, Irlanda (Direttore Generale, ICMP)

●  Götz von Einem, Germania (Managing Director GSA, peermusic Germany GmbH, membro del Consiglio direttivo DMV)

●  Mette Zähringer, Danimarca (Vicepresidente Iceberg Music Group, membro del Consiglio direttivo dell’MPA danese).


Mette Zähringer, Vicepresidente Iceberg Music Group: “Come membro del Consiglio direttivo dell’International Music Publishing Summer School, sono felice di annunciare ai partecipanti che il programma segue i rapidi sviluppi dell’industria musicale. Soprattutto in circostanze di pandemia è più importante che mai rendere possibile lo scambio di conoscenze a livello internazionale".


Alex Bruford, CEO ATC Live: “Sostenere la generazione futura è estremamente importante per il futuro dell’industria musicale, pertanto sono lieto di aiutare l’International Live Entertainment Summer School a fornire un programma di contenuti dal valore inestimabile per lo sviluppo professionale nell’ambito della nostra attività".


Per iscriversi all’International Music Business Summer School occorre inviare un CV e una lettera di presentazione. I partecipanti saranno selezionati dal Board of trustees. La quota di iscrizione individuale è di 300 euro e include un biglietto per il Reeperbahn Festival 2021 (22.-25.09.2021). Qualora la situazione pandemica non consentisse lo svolgimento della didattica in presenza, i seminari si terranno su piattaforma digitale. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 15 luglio. Ulteriori informazioni e i documenti per la candidatura sono disponibili all’indirizzo https://imbss.musicbusinesssummerschool.com/


Contatto stampa:

Hamburg Music Business Association (IHM e.V.) Norman Müller
Telefono: 040 4689858-52

norman.mueller@musikwirtschaft.org


 



INFO SU IHM E.V. - HAMBURG MUSIC BUSINESS ASSOCIATION

L’Hamburg Music Business Association (IHM) è stata la prima ed è ancora una delle più grandi associazioni di categoria musicale regionale in Germania. È stata fondata nel marzo 2004 con l’obiettivo di promuovere la città di Amburgo come centro d’interesse per la musica e l’industria musicale.

Grazie alla sua storia musicale, che va da Brahms ai Beatles, nonché alla quantità e all’eccezionale concentrazione di club di musica dal vivo nei distretti di Altona e St. Pauli, ai suoi festival di fama mondiale, tra cui Hurricane, Wacken Open Air, MS Dockville, Elbjazz e il Reeperbahn Festival, e grazie agli editori, alle case discografiche, ai distributori, agli agenti e ai promotori impegnati a livello internazionale, Amburgo è diventata il principale centro dell’industria musicale del nord Europa.

L’IHM è la rete del business musicale di Amburgo che accorpa i vari gruppi presenti nei sottomercati. Attraverso i manager, gli editori, le case discografiche, i distributori, i promotori, i luoghi d’incontro, i fornitori di servizi digitali e i media che si annoverano tra i suoi membri, l’IHM rappresenta oggi le imprese in tutti i rami dell’industria musicale. L’obiettivo principale dell’IHM è definire i requisiti strutturali per garantire il successo delle imprese nel campo della musica attraverso il networking, le pubbliche relazioni e le attività di lobby e di progetto.

www.musikwirtschaft.org




SPETTACOLO: AGIS CONDIVIDE ASSOMUSICA SU RIAPERTURA DEGLI SPETTACOLI DI MUSICA DAL VIVO

Comunicato stampa

       

SPETTACOLO: AGIS CONDIVIDE ASSOMUSICA

SU RIAPERTURA DEGLI SPETTACOLI DI MUSICA DAL VIVO

 

Roma, 1 giugno 2021

L’AGIS – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, condivide quanto scritto ieri, in una lettera indirizza ai vertici del Governo, da parte di ASSOMUSICA - Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal vivo, sul tema della riapertura degli spettacoli di musica dal vivo.

Nella nota, firmata dal Presidente Vincenzo Spera, si sottolinea quanto il settore dei concerti “sia rimasto praticamente bloccato fin dalla fine del febbraio 2020, ad eccezione di una breve e limitata parentesi di operatività nel corso dell’estate”.

La pubblicazione delle linee guida delle Regioni del 28 maggio e l’ordinanza di adozione da parte del Ministro del Salute che le rende operative – si legge – rappresentano quindi un documento dal quale partire con certezza per la ripresa delle attività, corroborato dai confortanti dati epidemiologici delle ultime settimane”.

In merito alle vicende degli ultimi giorni, ossia le deroghe concesse prima all’Arena di Verona e poi al Teatro greco di Siracusa, ASSOMUSICA apprende le stesse con la massima soddisfazione, come momento importante per tutto il settore, il pubblico e gli artisti evidenziando però allo stesso tempo come “la maggior parte delle location estive per la messa in scena dei nostri concerti ha condizioni di fruibilità, accessibilità, smistamento e sistemazione del pubblico simili a questi due importanti luoghi  di rappresentazione”.

Per questo motivo, l’AGIS condivide la posizione di ASSOMUSICA nel ritenere che vi siano ormai le condizioni per una valutazione delle modalità oggettive ed applicabili su tutto il territorio nazionale sul tema della concessione delle deroghe al numero massimo di spettatori.

Regole, parametri ed automatismi, dunque, che debbono essere applicabili in tutte le Regioni, nel pieno rispetto delle linee guida vigenti.

ASSOMUSICA, infatti, insiste nel ritenere urgente e necessaria una revisione che selezioni una serie di parametri quali, ad esempio, quelli che decretano l’automatismo del passaggio del colore delle Regioni. Un intervento che deve e che può essere messo in pratica in tempi strettissimi anche “per un settore che - si legge nella nota - diversamente continuerà ad essere il più penalizzato per il secondo anno consecutivo, e che non potrà in alcun modo sostenere economicamente le proprie attività, anche alla luce, ribadiamo, dei limiti massimi di capienza attualmente fissati per gli eventi live”.

Non più procrastinabile quindi, per ASSOMUSICA, l’istituzione di condizioni e parametri chiari, universali e certi per poter rendere operative, con tutti i crismi della prudenza ma anche della effettiva applicabilità, le deroghe previste al comma 3 dell’articolo 5 del DL 18 maggio.

Tra le altre proposte e richieste presentate già agli inizi di maggio e ribadite nella nota da ASSOMUSICA e condivise da AGIS: l’aggiunta in tema di capienza a tutti gli spettatori in possesso di green pass ai limiti oggi previsti; il progressivo superamento del limite del 50% delle capienze abituali attraverso l’introduzione di un sistema di valutazione che possa prevedere l’aumento di 5 punti percentuali per ogni avanzamento del 10% della popolazione con il ciclo completo di vaccinazione, partendo dal momento di raggiungimento del 40% di vaccinati (completi) della popolazione nazionale.

ASSOMUSICA ha avviato il primo monitoraggio degli eventi 2020 sull'impatto sanitario durante gli spettacoli dal vivo

ASSOMUSICA HA AVVIATO
IL PRIMO MONITORAGGIO DEGLI EVENTI DEL 2020
SULL’IMPATTO SANITARIO DURANTE GLI SPETTACOLI DAL VIVO

IL PRESIDENTE VINCENZO SPERA
“Stiamo elaborando modelli e protocolli per una ripartenza seria degli spettacoli.
È ora di fare concerti test come in Spagna e Paesi Bassi
e di programmare la nuova stagione”

Genova, 9 aprile 2021 - Assomusica ha elaborato, nel mese di marzo, una indagine statistica tra i propri associati, per fornire un monitoraggio degli spettacoli effettuati nel 2020 durante l’emergenza COVID. È il primo lavoro, a livello nazionale che fornisce un importante e validato elemento di analisi e riflessione su quello che si è intrapreso tra giugno ed ottobre del 2020.

Ma non si ferma a questo l’attività dell’Associazione degli Organizzatori e Produttori di Spettacoli di Musica dal Vivonell’ambito delle iniziative per la ripartenza del settore. È in elaborazione dalla metà di gennaio, un documento di analisi e prospettiva dal titolo “Modelli di organizzazione e progettazione delle ripartenze nel settore degli spettacoli dal vivo in contesto pandemico Covid-19”, a cura di un gruppo di lavoro di esperti coordinato da Assomusica. Il lavoro si pone come obiettivo una ripartenza realistica, responsabile e sostenibile per il settore della musica popolare contemporanea e più in generale per lo spettacolo dal vivo, con modelli applicativi per le location sia all’aperto che al chiuso. Non appena questo documento sarà disponibile Assomusica lo condividerà con i Ministri della Cultura e della Salute affinché si possano utilizzare al meglio questi dati. 

Al gruppo di lavoro Assomusica, oltre a professionisti del settore, partecipano attivamente anche per la parte scientifica ATS Milano e Agenzia Regionale Emergenza Urgenza Lombardia. Lo stesso gruppo di lavoro, nel giugno scorso, aveva pubblicato il documento “Protocolli per la tutela della salute e la prevenzione del rischio contagio da CoVid-19 nel settore dell’Entertainment e degli Eventi dal vivo” che è stato adottato per le attività 2020.  

Infine, proprio come in Spagna, in Olanda e in Germania, anche in Italia si vuol procedere con “spettacoli test” con specifiche governance ancor più dettagliate. Con alcune di Regioni sono già in corso da settimane proficui contatti operativi volti a definire la fase di progettazione avanzata, mentre già più di un Comune Metropolitano ha dato disponibilità di impianti, strutture e collaborazione. Lo stesso Ministero della Cultura è interessato a sostenere l’iniziativa, ma è ugualmente auspicabile un interessamento anche di Istituzioni scientifiche nazionali. 

«Tutto ciò sarà fondamentale per una reale ripartenza del settore, che è strettamente correlato al comparto del Turismo» dichiara Il Presidente di Assomusica, Vincenzo Spera. «Entrambi i settori non possono permettersi ulteriori dilazioni nelle decisioni. La campagna vaccinale sarà fondamentale, ma ormai da un anno chiediamo programmazione per ripartire in sicurezza»

La data ipotizzata di ripartenza delle attività con caratteristiche di sostenibilità anche economica è il 1 di giugno.



 

Assomusica Associazione
info@assomusica.org - Tel. +39 06 99585235 / +39 010 5221441
www.assomusica.org 

Comunicazione Assomusica: Daniele Mignardi Promopressagency
Tel. + 39 06 32651758 r.a.- info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

Bauli in Piazza del Popolo - 17 aprile 2021

Sabato 17 Aprile 2021 in Piazza del Popolo a Roma si svolgerà l'evento organizzato da Bauli in Piazza, a cui Assomusica ha dato la sua adesione, un'iniziativa realizzata dopo poco più di 6 mesi dalla manifestazione del 10 ottobre 2020 e 419 giorni dal fermo delle attività produttive e culturali che vedono impiegati i lavoratori del settore.


Per essere presenti alla manifestazione è obbligatoria la registrazione per ogni singolo partecipante, attraverso l’apposito form https://tinyurl.com/43wvty9d


Per maggiori info CLICCA QUI

 

#ultimoconcerto, si leva sui social il grido d’allarme dei live club. I partecipanti

E’ stata battezzata #ultimoconcerto la campagna social di sensibilizzazione che si propone di fare luce sulla drammatica situazione che stanno vivendo i live club di tutta Italia a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Sostenuta da Assomusica, Arci e KeepOn, l’iniziativa ha coinvolto alcuni dei principali locali di musica dal vivo più noti al pubblico di appassionati: solo in Lombardia hanno aderito, tra gli altri, Alcatraz, Fabrique e Legend 54 (Milano), Live Music Club (Trezzo), Bloom (Mezzago) e Latteria Molloy (Brescia). 

“Quando sarà L’ultimo concerto? O forse c’è già stato?”, si legge nella nota che accompagna il comunicato: “Quando parliamo di Live Club dobbiamo pensare anzitutto a un insieme di strutture da mantenere, a uno staff composto da numerose persone che investono energie ed impegno costanti per offrire una proposta legata alla musica contemporanea di qualità. Parliamo di spazi che si trovano oggi in una situazione di assoluta emergenza, senza alcuna certezza sul futuro e sulla effettiva possibilità di riuscire a superare questa lunga fase di crisi”.

“Parliamo di palchi che negli anni hanno ospitato e cresciuto artisti di ogni genere, compresi quelli che oggi vengono acclamati negli stadi e nei grandi festival nazionali e internazionali e di spazi che hanno formato le figure professionali più affermate e riconosciute di questo settore”, prosegue il manifesto: “Sale concerto e live club sono fucine di cultura.

Luoghi che permettono ai musicisti di esprimersi, di creare e diffondere arte, di incontrare il pubblico. Ben lontano dall'essere meri punti di ritrovo, queste realtà si distinguono dai tanto discussi protagonisti della movida per la loro capacità di veicolare aggregazione e socialità creativa e sicura nei territori. Sono spazi che, nella maggioranza dei casi, sono rimasti in rigoroso e rispettoso silenzio da ormai un anno”.

“I live club e le sale concerto portano sulle spalle il peso di quasi un anno di chiusura”, conclude il comunicato di presentazione della campagna: “Attualmente, nonostante il ruolo enorme che questi spazi hanno in termini di creazione, promozione e diffusione di cultura, e il loro indiscutibile valore sociale, si può dire che siano stati pressoché ignorati dai numerosi decreti susseguitisi in questi mesi. Provvedimenti che hanno sì citato cinema e teatri in tema di spettacolo, ma non hanno dedicato la dovuta attenzione a queste realtà che rischiano di scomparire”.

 

Ecco l'elenco dei club che hanno aderito finora:

PIEMONTE TORINO HIROSHIMA MON AMOUR
PIEMONTE TORINO CAP10100
PIEMONTE TORINO SPAZIO211
PIEMONTE TORINO OFF TOPIC
PIEMONTE TORINO MAGAZZINO SUL PO
PIEMONTE BORGOMANERO (NO) PHENOMENON
PIEMONTE ASTI DIAVOLO ROSSO
PIEMONTE CUNEO POVERO RAGNO
LIGURIA GENOVA LA CLAQUE
LIGURIA GENOVA COUNT BASIE - ARCILIGURIA
GENOVA LOUISIANA JAZZ CLUB
LIGURIA LA SPEZIA SKALETTA ROCK CLUB - ARCI
LOMBARDIA MILANO - TREZZO SULL'ADDA LIVE CLUB
LOMBARDIA MILANO ALCATRAZ
LOMBARDIA MILANO FABRIQUE
LOMBARDIA MILANO ARCI BELLEZZA
LOMBARDIA MILANO LA SCIGHERA - ARCI
LOMBARDIA MILANO ARCI AGORA'
LOMBARDIA MILANO LEGEND
LOMBARDIA MILANO MAGAZZINI GENERALI
LOMBARDIA MEZZAGO (MB) BLOOM
LOMBARDIA SEREGNO (MI) ARCI - TAMBOURINE
LOMBARDIA LEGNANO CIRCOLONE DI LEGNANO
LOMBARDIA BERGAMO SPAZIO POLARESCO
LOMBARDIA BERGAMO DRUSO
LOMBARDIA BRESCIA LATTERIA MOLLOY
LOMBARDIA BRESCIA STRANPALATO
LOMBARDIA MANTOVA CIRCOLO ARCI DALLÓ APS
LOMBARDIA MANTOVA CIRCOLO ARCI TOM APS
LOMBARDIA MANTOVA CIRCOLO ARCI CHINASKI APS
LOMBARDIA MANTOVA CIRCOLO ARCI CASBAH APS
LOMBARDIA MANTOVA ARCI MANTOVA APS
LOMBARDIA CREMONA CIRCOLO ARCIPELAGO
LOMBARDIA VARESE CANTINE COOPUF
VENETO PADOVA HALL
VENETO TREVISO - RONCADE NEW AGE
VENETO VICENZA (ROSA') VINILE
TRENTINO ALTO ADIGE ROVERETO SMART LAB
TRENTINO ALTO ADIGE TRENTO BOOKIQUE
FRIULI VENEZIA GIULIA PORDENONE CAPITOL
FRIULI VENEZIA GIULIA FONTANAFREDDA ASTRO CLUB
FRIULI VENEZIA GIULIA UDINE CAS'AUPA
EMILIA ROMAGNA BOLOGNA ESTRAGON
EMILIA ROMAGNA BOLOGNA CANTINA BENTIVOGLIO
EMILIA ROMAGNA CESENA VIDIA
EMILIA ROMAGNA MODENA - NONANTOLA VOX
EMILIA ROMAGNA MODENA VIBRA
EMILIA ROMAGNA BOLOGNA BINARIO 69
EMILIA ROMAGNA FORLI DIAGONAL
EMILIA ROMAGNA BERTINORO (FC) DAI DE JAZZ
EMILIA ROMAGNA BOLOGNA LOCOMOTIV
EMILIA ROMAGNA FERRARA BLACKSTAR
EMILIA ROMAGNA PARMA CAMPUS
EMILIA ROMAGNA PARMA ARCI MU
EMILIA ROMAGNA PARMA ARCI ZERBINI
EMILIA ROMAGNA FERRARA ARCI BOLOGNESI
EMILIA ROMAGNA FERRARA OFFICINA MECA - ARCI
EMILIA ROMAGNA FERRARA JAZZ CLUB FERRARA
EMILIA ROMAGNA BOLOGNA ARCI MERCATO SONATO
EMILIA ROMAGNA CARPI ARCI KALINKA
EMILIA ROMAGNA SOLIERA ARCI DUDE
EMILIA ROMAGNA MODENA ARCI MATTATOYO
EMILIA ROMAGNA REGGIO EMILIA VIZI DEL PELLICANO - ARCI
EMILIA ROMAGNA REGGIO EMILIA FUORI ORARIO
EMILIA ROMAGNA PARMA ARCI COLOMBOFILI
EMILIA ROMAGNA PARMA ARCI POST
EMILIA ROMAGNA PARMA SPLINTER CLUB
EMILIA ROMAGNA CORREGGIO IDEE DI GOMMA
EMILIA ROMAGNA RAVENNA - CERVIA ROCK PLANET
TOSCANA FIRENZE VIPER
TOSCANA LIVORNO THE CAGE
TOSCANA FIRENZE TUSCANY HALL
TOSCANA FUCECCHIO LA LIMONAIA
TOSCANA PISA BORDERLINE
LAZIO ROMA - CIAMPINO ORION
LAZIO ROMA LARGO VENUE
LAZIO ROMA SPARWASSER - ARCI
LAZIO ROMA L'ASINO CHE VOLA
LAZIO VITERBO COSMONAUTA - ARCI
LAZIO SORA DELIRI
ABRUZZO TERAMO PINUP
CAMPANIA NAPOLI MMB
CAMPANIA BENEVENTO ARCI KINETTA
CAMPANIA NAPOLI DUEL BEAT
UMBRIA PERUGIA URBAN
UMBRIA PERUGIA AFTERLIFE
MARCHE ANCONA - SENIGALLIA MAMAMIA
PUGLIA MODUGNO (BA) DEMODE
PUGLIA BARI EREMO
PUGLIA BARI ANCHE CINEMA
PUGLIA TARANTO ARCI MERCATO NUOVO
PUGLIA TARANTO SPAZIOPORTO
PUGLIA LECCE ARCI ZEI
PUGLIA LECCE OFFICINE CANTELMO
BASILICATA FERRANDINA (MT) LINEA GOTICA
CALABRIA RENDE (CS) MOOD SOCIAL CLUB
SICILIA PALERMO CANDELAI
SICILIA MESSINA RETRONUVEAU
SICILIA PALERMO FABBRICA102
SICILIA PALERMO ARCI TAVOLA TONDA
SICILIA RAGUSA LEBOWSKI

 

fonte: Rockol

 

Opening istituzionale Milano Music Week - 16/11/2020 - Intervento Presidente Assomusica

16/11/2020 - Si è tenuta oggi l'inaugurazione della Milano Music Week 2020. Ha aperto il panel inaugurale Dario Franceschini Ministro dei Beni e delle Attività Culturali. A seguire il contributo di Frances Moore: CEO IFPI International Federation of the Phonographic Industry.

Hanno partecipato Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Enzo Mazza, CEO FIMI, Andrea Miccichè, Presidente Nuovo IMAIE, Vincenzo Spera, Presidente Assomusica, Paolo Franchini, Vice Presidente del Consiglio di Sorveglianza SIAE, Innocenzo Cipolletta, Presidente Confindustria Cultura Italia, Luca De Gennaro, Curatore Artistico Milano Music Week.

Il Presidente Assomusica, Vincenzo Spera, ha dichiarato: "Bisogna guardare a un futuro che sia più interdisciplinare, lavorare a nuovi progetti che siano il più unitari possibile. 27.000 lavoratori dello spettacolo hanno perso il lavoro. Lo stato ci deve ristorare e lavorare a una progettualità di breve, medio e di lungo termine, per salvare il futuro lavorativo della nostra filiera e per poter tornare alla fruizione di quelle emozioni che ci hanno sempre accompagnato, perchè la musica è un bene inalienabile, è un bene dell’anima."

https://www.milanomusicweek.it

Clicca sul seguente video per l'intervento integrale del Presidente Assomusica
Subscribe to this RSS feed