Log in

A+ A A-

Collegio dei Probiviri

Presidente
  • Claudia Spoto
Sindaci effettivi
  • Martino De Rubeis
  • Gianni Pini
Sindaci  supplenti
  • Massimo Fregnani
  • Vincenzo Bellavia

Come associarsi

 

Regolamento per l'ammissione a socio in Assomusica

Premesso:

  • che con atto sottoscritto dai soci fondatori in data 28 novembre 1996 è stata costituita un'Associazione privata denominata "Assomusica";
  • che l'articolo 6 dello Statuto della predetta Associazione consente ai Soci fondatori e all'Assemblea di approvare un Regolamento per l'ammissione a Socio ordinario;
  • che, in presenza dei requisiti posti da detto Regolamento, l'ammissione a Socio può essere deliberata dal Consiglio Direttivo dell'Associazione, mediante semplice presa d'atto della sussistenza dei requisiti, invece che dall'Assemblea;
  • che con il regolamento approvato da tutti i soci fondatori in data 28 novembre 1996 e modificato dall'assemblea in data 19 dicembre, si determinano i requisiti per l'ammissione a Socio, ferme restando tutte le disposizioni in materia espressamente previste dallo Statuto, in particolare, per quanto attiene al pagamento delle quote sociali.

Possono diventare soci ordinari quegli operatori che in via stabile, continuativa e professionalmente corretta svolgono prevalentemente una o più delle seguenti attività imprenditoriali:

a) produzione e organizzazione di spettacoli dal vivo;
b) organizzazione, allestimento e coordinamento di tournée musicali.


Art. 2: SOGGETTI
All'Associazione possono partecipare:

a) gli imprenditori individuali;
b) i soci di società di persone;
c) i legali rappresentanti, gli amministratori ed i possessori di azioni o quote di partecipazione superiori al venti per cento a società di capitali; purché dette imprese e società svolgano prevalentemente le attività descritte all'articolo 1).

Art. 3: REQUISITI
I soggetti sopra descritti per poter essere ammessi all'Associazione devono dimostrare che le loro imprese e società hanno avuto in almeno uno dei tre anni precedenti alla presentazione della domanda di ammissione, relativamente alle attività descritte all'articolo 1), un volume d'affari risultante dalle dichiarazioni IVA del periodo almeno € 300.000 (trecentomila)
Detti soggetti devono altresì dichiarare - e dimostrare se richiesto dal Consiglio Direttivo - che, nel quinquennio antecedente, non sono stati dichiarati falliti per insolvenza esercitando le attività di cui all'articolo 1) come imprenditori individuali, e/o non sono stati legali rappresentanti, amministratori, o possessori di azioni o quote di partecipazione superiori al trenta per cento di società di persone o di capitali esercenti dette attività dichiarate fallite.

Art.4: PROCEDURA
I soggetti in possesso dei requisiti sopra indicati devono chiedere l'ammissione al Consiglio Direttivo presentando un' apposita domanda contenente la presentazione motivata di due soci dell'Assomusica di cui almeno uno componente del Consiglio direttivo.
In presenza dei requisiti suddetti il Consiglio direttivo deve deliberare l'ammissione a socio.
In deroga a quanto sopra stabilito circa l'obbligatorietà dell'ammissione in presenza dei requisiti, il Consiglio Direttivo può motivatamente negare l'ammissione a socio ordinario quanto risulti che colui che la richiede, nell'esercizio della sua attività imprenditoriale, non ha rispettato i criteri e le regole posti dal Codice Etico dell'ASSOMUSICA e dagli atti di cui lo stesso si compone in merito all'organizzazione e produzione di spettacoli.
In deroga ai requisiti economici sopra stabiliti per l'ammissione, il Consiglio direttivo può motivatamente ammettere chi abbia svolto per tre anni una comprovata attività nel settore, in proprio o come socio, collaboratore o dipendente di altra impresa operante nel settore, purché nel rispetto dei criteri e delle regole posti dal Codice Etico dell'ASSOMUSICA e degli atti di cui lo stesso si compone in merito all'organizzazione e produzione di spettacoli.

Se sentite di rientrare nelle caratteristiche enunciate nello statuto ASSOMUSICA e condividete i nostri obiettivi, potete scaricare il modulo che deve essere complilato in ogni sua parte ed inviato tramite fax al n°06/88473228.
Per la richiesta di iscrizione scaricare il modulo in allegato nel quale è riepilogata tutta la documentazione necessaria e le modalità di invio. Per ulteriori informazioni potete contattare la Segreteria dell'Associazione via e-mail: info@assomusica.org

Policy

Premessa

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Si tratta di un’informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi web di ASSOMUSICA SRL, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo di questo sito corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della ASSOMUSICA.

L’informativa è resa solo per il sito di ASSOMUSICA e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

L’informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall’art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.

Il “titolare” del trattamento

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il “titolare” del loro trattamento è ASSOMUSICA - Associazione fra produttori e organizzatori di spettacoli musicali dal viv., che ha sede in ROMA, via DI VILLA PATRIZI 10, cap 00161.

Luogo di trattamento dei dati

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede di ASSOMUSICA e sono curati solo da personale tecnico dell’Ufficio incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.

Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.

I dati personali forniti dagli utenti sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

Tipi di dati trattati

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.

Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.

In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.

Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica, comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti.

Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.

Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

L’uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.

I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

Facoltatività del conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta alla ASSOMUSICA per richiedere attivazione di specifici prodotti o per altre comunicazioni.

Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Per completezza va ricordato che in alcuni casi (non oggetto dell’ordinaria gestione di questo sito) l’Autorità può richiedere notizie e informazioni ai sensi dell'art 157 del d.lgs. n. 196/2003, ai fini del controllo sul trattamento dei dati personali. In questi casi la risposta è obbligatoria a pena di sanzione amministrativa.

Modalità del trattamento

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003).

Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

Avvertenze

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62: questo sito non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare".

Gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate o regolari e consistono in migliorie e/o approfondimenti a quanto già pubblicato senza rinnovare completamente i contenuti precedenti.

 

Site Hosting: ARUBA s.r.l., Piazza della Libertà 10, 00192 Roma (RM), p.i./c.f. 08163681003.
Autorizzazione Ministero delle Comunicazioni n° 473

Partita IVA (Risoluzione agenzia delle Entrate): In base all'articolo 35, comma 1, del D.P.R. n. 633 del 1972 - Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 60 del 16 maggio 2006, la home-page del sito web dell'impresa o del professionista deve riportare in ogni caso l'indicazione del numero di partita IVA anche se il sito web non viene utilizzato per effettuare transazioni di commercio elettronico.

L'Agenzia osserva che l'art. 35, comma 1, del D.P.R. n. 633/1972 stabilisce che il numero di partita IVA attribuito dall'Ufficio al soggetto passivo all'atto dell'inizio dell'attività deve essere indicato nelle dichiarazioni, nella home page dell'eventuale sito web e in ogni altro documento in cui sia richiesto.

Statuto

ASSOMUSICA

ASSOCIAZIONE DI ORGANIZZATORI E PRODUTTORI ITALIANI DI SPETTACOLI MUSICALI DAL VIVO STATUTO

Art. 1: COSTITUZIONE

Viene costituita un'Associazione privata denominata "Assomusica – Associazione di organizzatori e produttori italiani di spettacoli musicali dal vivo". L'Associazione è senza scopo di lucro, è indipendente da ogni altra organizzazione di qualsiasi genere ed è retta dal presente Statuto.  

Art. 2: SEDE

L'Associazione ha attualmente la propria sede legale in Roma, ma il Consiglio Direttivo, a maggioranza semplice, può spostarla in ogni altro luogo, purché in Italia. Il Consiglio Direttivo può inoltre decidere di aprire sedi operative o di rappresentanza sia in Italia che all'estero.

 

Art. 3: DURATA

L'Associazione ha durata illimitata. 

 

Art. 4: SCOPI

L'Associazione viene costituita al fine di salvaguardare, promuovere e sviluppare la diffusione della musica in genere e di quella popolare contemporanea italiana in particolare, sia in Italia che all'estero, con specifica attenzione alle rappresentazioni e manifestazioni musicali dal vivo e con l'obiettivo di far acquisire alle attività legate alla musica popolare contemporanea un trattamento paritetico sotto ogni aspetto, anche fiscale, con le altre forme di cultura.

Nel perseguire queste finalità a carattere generale, l'Associazione si occupa in modo particolare delle tematiche e delle questioni relative alle categorie degli agenti, degli organizzatori e dei produttori di spettacoli musicali e di chi svolge attività ad esse collegate, per riconoscere e valorizzare le loro professionalità, sottolineare il loro ruolo determinante nella diffusione della musica e della cultura, migliorare le condizioni di lavoro di tutte le componenti del settore, accrescere il comfort e la sicurezza del pubblico e favorire con la mobilità del pubblico e l'interscambio culturale l'arricchimento del tessuto sociale e civile delle realtà locali e dell’intero Paese. Per questa ragione, l'Associazione cura e rappresenta gli interessi di queste categorie, mira a far conoscere, apprezzare, sostenere e tutelare il loro ruolo nei confronti del pubblico e degli altri operatori del settore, degli artisti, dell'industria discografica, dei produttori di spettacolo teatrale e cinematografico, della rete internet, degli enti televisivi pubblici e privati, della Pubblica Amministrazione italiana e degli Enti della Comunità Europea.

L'Associazione tutela in ogni sede, anche davanti all’Autorità giudiziaria, gli interessi collettivi della propria categoria. Essa rappresenta i suoi Associati presso organismi politici ed amministrativi e può stipulare accordi e contratti collettivi con persone private ed altri Enti, Istituzioni, Associazioni e Organizzazioni in genere.

Essa fornisce ai propri Associati, eventualmente anche attraverso studi e strutture professionali convenzionate o società appositamente costituite, servizi di consulenza ed assistenza. Su richiesta delle parti interessate, l’Associazione può intervenire per instaurare procedure arbitrali con lo scopo di risolvere bonariamente controversie fra Associati.

L'Associazione si attiva inoltre con i suoi stessi Associati e con tutti gli operatori che essa rappresenta per salvaguardare e migliorare la professionalità, promuovere l'immagine della categoria e per porre in essere tutte quelle iniziative che possano apparire utili od opportune, quali la redazione di un codice etico, la creazione e la gestione di registri o elenchi professionali e la individuazione, anche di concerto con la Pubblica Amministrazione, di protocolli e procedure che possano migliorare la qualità dei servizi resi agli spettatori, anche rilasciando attestazioni ai propri iscritti.

L’Associazione svolge l’attività di formazione ed aggiornamento professionale degli associati e dei loro collaboratori e dipendenti, anche mediante il riconoscimento e la valorizzazione delle specifiche figure professionali operanti nel settore, perseguendo il soddisfacimento  delle esigenze della collettività, degli artisti e degli spettatori.

L'Associazione può promuovere, organizzare, commissionare, sostenere anche finanziariamente manifestazioni e spettacoli di qualunque genere, conferenze, dibattiti, incontri, nonché la realizzazione, la stampa, la pubblicazione e la diffusione di opuscoli, stampati, registrazioni, videoregistrazioni ed altri materiali e supporti, la gestione di siti internet e quant'altro si manifesti utile per sostenere le proprie finalità. 

L’Associazione può promuovere, organizzare e commissionare la raccolta dei dati personali, anche sensibili, dei propri associati e dell’attività aziendale o societaria svolta o programmata dagli stessi o da terzi, in modo diretto o unitamente a società o enti pubblici o privati, a scopi statistici e scientifici, ovvero con finalità di studio e valutazione socio-economica del mercato della musica e delle sue prospettive.

L'Associazione promuove inoltre contatti, scambi e collaborazioni con enti ed istituzioni operanti nel settore musicale, teatrale, culturale, dell'informazione e della comunicazione, sia in Italia che all'estero, sempre allo scopo di promuovere e valorizzare la musica popolare contemporanea ed il ruolo delle categorie che essa rappresenta. A tal fine, può partecipare a confederazioni o altri tipi di Enti, nazionali o stranieri, in cui rappresentare gli interessi dei propri associati.

L’Associazione può promuovere la costituzione e partecipare ad enti certificatori terzi che garantiscono presso il pubblico, le istituzioni politiche ed amministrative il corretto adempimento degli impegni assunti dagli Associati.

L'Associazione, riconoscendo nella contrattazione nazionale e territoriale di secondo livello e nella bilateralità strumenti utili ed adeguati alla tutela della propria categoria, si propone in particolare di partecipare attivamente:

  1. a) alla contrattazione, alla stesura, alla stipula ed alla firma del CCNL di categoria ed ai relativi rinnovi, sia di concerto che conferendo mandato di rappresentanza ad altre associazioni portatrici di interessi similari o ad associazioni o a confederazioni cui aderisce;
  2. b) alla promozione e alla diffusione territoriale del CCNL attivo a favore degli operatori economici e culturali operanti sul territorio nazionale;
  3. c) alla creazione ed alla promozione di Enti Bilaterali, Fondi Interprofessionali, Fondi di Assistenza Sanitaria e quant’altro previsto dal CCNL.

L'Associazione non ha scopo di lucro ma può compiere tutte quelle operazioni, anche finanziarie e commerciali, che risultino utili al raggiungimento degli scopi sopra indicati.

 

Art. 5: ASSOCIATI

Gli Associati dell'Associazione "Assomusica" sono le persone fisiche residenti in Italia che, accettando le finalità e lo Statuto e nel rispetto degli atti dell'Associazione si impegnano a partecipare all'attività della stessa e contribuiscono al suo finanziamento.

Possono diventare Associati quegli operatori che, come imprenditori individuali, o soci di società di persone, o attraverso società di capitale di cui gli stessi siano amministratori dotati di poteri di rappresentanza o soci in possesso di azioni o quote pari ad almeno il 20% del capitale sociale, svolgano in modo professionalmente corretto una o più delle seguenti attività:

produzione, organizzazione di spettacoli e manifestazioni musicali dal vivo, effettuati in qualsiasi luogo e struttura;

organizzazione, allestimento, coordinamento di tournèe musicali ed attività ad esse collegate.

Per ottenere la qualifica di Associato, il candidato deve essere di comprovata buona reputazione e condotta morale, civile e professionale, nonché in possesso dei seguenti ulteriori requisiti giuridici:

  1. a) essere residente in Italia;
  2. b) godere dell’esercizio dei diritti civili, non essere interdetto, ne’ inabilitato, o sottoposto a delle misure di prevenzione, non aver negli ultimi cinque anni subito protesti o essere fallito e, parimenti, non essere, né essere stato, amministratore o possessore di azioni o quote di partecipazione pari almeno al venti per cento di società di persone o di capitali protestate o dichiarate fallite negli ultimi cinque anni, salvo il caso in cui il fallimento sia conseguenza del fallimento di società controllante e salvo i casi di ottenuta riabilitazione amministrativa o giudiziaria;
  3. c) non aver riportato condanne penali superiori a tre anni, o comunque per dei reati dolosi connessi all’esercizio imprenditoriale tali da venir considerati non compatibili con l’adesione all’Associazione, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione;
  4. d) non aver procedimenti penali in corso per reati di associazione per delinquere o di tipo mafioso.

Gli Associati si distinguono in Associati fondatori, Associati ordinari, Associati affiliati e Associati onorari.

Sono Associati fondatori coloro che danno vita all'Associazione sottoscrivendone l'atto costitutivo.

Possono diventare Associati ordinari quegli operatori che svolgono da almeno tre anni in via stabile, continuativa e prevalente rispetto ad altre attività svolte, una delle attività di cui sopra, potendo documentare ricavi lordi, propri o della società di riferimento, specifici derivanti dalle attività suddette per almeno Euro 300.000,00 (trecentomila/00) in almeno uno degli ultimi tre anni di attività.

Possono diventare Associati affiliati quegli operatori che svolgono da almeno un anno una delle attività di cui sopra, anche non raggiungendo i requisiti economici fissati per l’ammissione ad Associato ordinario.

Gli Associati affiliati non hanno diritto di voto in Assemblea, e non possono essere eletti alle cariche sociali di Presidente e di membro del Consiglio Direttivo.

Sono Associati onorari quelle persone fisiche che, proposti da almeno dieci Associati e indipendentemente dalla attività che svolgono, possono contribuire in modo rilevante al prestigio, all’autorevolezza ed al raggiungimento dei fini della Associazione. Tale riconoscimento viene deliberato dall’Assemblea a maggioranza qualificata di due terzi degli Associati presenti. L’Associato onorario è esentato dal pagamento delle quote sociali.

Tutti gli Associati usufruiscono dei servizi, dell'assistenza e delle convenzioni stipulate dall’Associazione, se non diversamente previsto dalle convenzioni stesse.

Gli Associati possono indicare quale beneficiaria dei vantaggi derivanti dalle convenzioni stipulate dall'Associazione l'impresa individuale o la società con cui svolgono la loro attività nel settore musicale indicata al momento della domanda di ammissione, purché gli stessi ne siano titolari o amministratori dotati di poteri di rappresentanza legale o soci in possesso di azioni o quote pari ad almeno il 20% del capitale sociale.

Gli associati possono indicare come beneficiarie anche due Società purché dimostrino di esserne soci con una quota di partecipazione al capitale superiore al 30%. Colui che riveste il ruolo di amministratore senza avere quote di partecipazione può indicare solo la Società di cui è amministratore e può estendere i benefici ad altra Società, solo se lui possiede di questa una quota di partecipazione al capitale superiore al 30%.

La richiesta di sostituzione dell'impresa individuale o della società beneficiaria  o l'estensione ad una seconda Società, dovrà essere preventivamente sottoposta all’approvazione del Consiglio Direttivo, corredata della documentazione attestante il possesso dei requisiti previsti da parte dell’Associato richiedente.

Gli Associati ordinari, iscritti da almeno 7 anni consecutivi, possono anche estendere i loro benefici, derivanti dall’essere Associato, alle Associazioni di cui sono legali rappresentanti sempre che le medesime svolgano in via continuativa e prevalente una o più delle seguenti attività:

produzione ed organizzazione di spettacoli e manifestazioni musicali dal vivo, effettuati in qualsiasi luogo e struttura;

organizzazione, allestimento e coordinamento di tournèe musicali;

e rispettino i seguenti requisiti:

  1. a) l’associazione che rappresentano sia titolare di partita IVA e sia iscritta alla Camera di Commercio;
  2. b) dall’ultimo bilancio risulti che l’associazione che rappresentano non abbia percepito per la propria attività contributi o finanziamenti a fondo perduto da soggetti pubblici in misura superiore al 40% (quarantapercento) dei ricavi per ciascun esercizio.

Gli Associati si impegnano a pagare le quote entro la data del 30 gennaio di ogni anno, o entro la fine del successivo mese di febbraio con una penale del 20%, passato questo termine gli Associati decadono.

Gli Associati si impegnano a rispettare il “Codice Etico”, il documento “Regole e ruoli per lo Spettacolo dal vivo in Italia” e le norme di autodisciplina vigenti all’interno dell’Associazione e ad adeguarsi agli accordi collettivi stipulati da Assomusica con altri Enti, Istituzioni, Associazioni o Organizzazioni in genere.

Gli Associati, con la domanda di ammissione e l’adesione allo Statuto, rinunciano preventivamente ad ogni eccezione inerente la riservatezza, sia per gli atti del Collegio dei Probiviri, che per ogni consegna a terzi di dati personali ed aziendali a fini statistici, informativi o comunque occorrenti per la definizione e l’esecuzione di convenzioni fra l’Associazione e soggetti terzi.

Gli Associati non possono partecipare ad altre associazioni aventi finalità in contrapposizione a quelle di Assomusica.

 

Art. 6: AMMISSIONE

La domanda di ammissione ad Associato ordinario o ad Associato affiliato deve essere presentata per iscritto al Consiglio Direttivo su apposito modulo, sottoscritta da due Associati fondatori od ordinari, corredata di tutti i documenti attestanti il possesso dei requisiti occorrenti per l’ammissione e dalla documentazione dell’avvenuto versamento della quota di iscrizione.

Nel caso di aspirante Associato ordinario, così come nel caso di estensione dei benefici ad una società indicata successivamente al momento dell’iscrizione o il cambiamento della società di riferimento, l'ammissione o l’estensione viene deliberata dal Consiglio Direttivo che, oltre a verificare la sussistenza dei requisiti, valuta se l’attività svolta dall’aspirante Associato o dalla nuova società, anche in relazione a chi ne detiene il controllo siano compatibili con le finalità statutarie.

Il Consiglio Direttivo può motivatamente negare l’ammissione ad Associato ordinario quando risulti che il richiedente, nell’esercizio della sua attività imprenditoriale, non abbia rispettato le finalità statutarie, i criteri e le regole posti dal Codice Etico e dagli altri atti di autoregolamentazione di Assomusica.

Nel caso di aspirante Associato affiliato, la domanda di ammissione deve essere esaminata dal Consiglio Direttivo, che delibera a scrutinio segreto. Tale ammissione potrà anche essere subordinata al rispetto da parte dell’Associato di parametri o condizioni particolari fissate nella delibera del Consiglio stesso.

L’Associato ammesso con la qualifica di “affiliato”, nel momento in cui rientri nei parametri necessari per acquisire la qualifica di “ordinario”, potrà presentare domanda al fine di cambiare la propria qualifica al Consiglio Direttivo, che verificherà la sussistenza dei requisiti. E’ espressamente esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa. Tutti gli associati ordinari o partecipanti maggiori d'età hanno diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell'associazione fatto salvo quanto previsto dal successivo articolo 7. L’Assemblea deve ratificare la ammissione dei nuovi associati del Consiglio Direttivo in deroga ai requisiti generali previsti dai precedenti articoli. In ogni caso sono fatti salvi i diritti acquisiti dalla data della delibera adottata dal Consiglio Direttivo alla data della ratifica dell’Assemblea.

 

Art. 7: RECESSO, DECADENZA, ESPULSIONE

Ogni Associato può recedere dalla sua qualità dandone comunicazione scritta all'Associazione. Il recesso sarà efficace trascorsi trenta giorni dal ricevimento della comunicazione scritta, fatta salva la richiesta di un diverso termine di efficacia che dovrà tuttavia essere accettato dal Consiglio Direttivo.

L’Associato decade quando non provvede al pagamento delle quote associative dovute entro il termine dell’esercizio finanziario, come stabilito al successivo articolo 14. Decade altresì quando non presta le garanzie personali richieste dall’Associazione per i debiti che questa potrebbe essere tenuta a pagare per lui o per l’Impresa o la Società a cui ha chiesto di estendere i benefici derivanti dalla sua ammissione ad Associato.

L’Associato ordinario o affiliato decade anche quando cessa l’attività imprenditoriale nel settore musicale, quando perde i requisiti stabiliti per l’ammissione nell’art. 5 del presente Statuto, o, se Associato affiliato, nella delibera con la quale è stato ammesso.

I casi di decadenza vengono esaminati e deliberati a scrutinio segreto dal Consiglio Direttivo con il voto della maggioranza dei suoi componenti in carica.

Un Associato può essere espulso qualora persegua fini differenti e in contrasto con lo scopo previsto dal presente Statuto, quando sussistano gravi motivi etici o giuridici, qualora subisca protesto o fallisca, o come sanzione per comportamento scorretto o violazione dei regolamenti adottati dall’Associazione.

La pratica di espulsione viene istruita dal Collegio dei Probiviri che la sottopone all’Assemblea, che delibera a maggioranza degli Associati presenti.

L’Associato che ha esercitato il diritto di recesso, che è stato dichiarato decaduto o che è stato espulso non ha diritto ad alcun rimborso delle quote versate e si intende automaticamente decaduto da ogni organo o incarico in seno ad Assomusica; perde definitivamente ogni qualifica assunta precedentemente e, nel caso intendesse iscriversi di nuovo all’Associazione, anche se fondatore, dovrà seguire l’iter di ammissione previsto per i nuovi Associati.

 

Art. 8: ORGANI SOCIALI

Sono organi dell'Associazione "Assomusica":

  • l'Assemblea,
  • Il Consiglio Direttivo,
  • il Presidente,
  • il vice Presidente,
  • il Collegio dei Revisori dei conti,
  • il Collegio dei Probiviri.

Tutte le cariche sociali alla scadenza sono prorogate fino alla nomina dei successori

Art. 9: ASSEMBLEA

L'Assemblea è il massimo organo deliberante dell'Associazione. Essa è costituita da tutti gli Associati, fondatori, ordinari, affiliati e onorari, in regola con il pagamento delle quote associative e può tenersi anche in luogo diverso dalla sede dell’Associazione.

La convocazione, contenente il luogo e la data della riunione e l’ordine del giorno, è fatta con avviso spedito con lettera raccomandata o con qualsiasi altro mezzo - anche telematico - che consenta di verificare l’avvenuta ricezione e, comunque, atte ad assicurare la tempestività e la certezza della comunicazione, almeno quindici giorni prima o, in caso di urgenza, almeno sette giorni prima della riunione.

L'Assemblea è convocata dal Presidente o, in sua assenza, dal vice Presidente, mediante avviso scritto da trasmettersi in qualsiasi forma almeno quindici giorni prima della riunione a ciascun Associato nel domicilio risultante dal libro Associati, con l’indicazione del luogo, la data, l’orario e l’ordine del giorno. In caso un Associato comunque presente non avesse ricevuto la convocazione rituale, lo stesso potrà chiedere di rinviare di un'ora la seduta per informarsi sull'ordine del giorno; in caso di rinuncia alla richiesta di rinvio, che dovrà essere verbalizzata e sottoscritta dall’Associato rinunciatario, l'Assemblea sarà validamente costituita. Il domicilio degli Associati risultante dal libro Associati deve essere aggiornato a cura ed onere di questi; in caso di convocazione non ricevuta perché spedita ad un domicilio non più attuale, l’Associato non potrà eccepire alcun difetto di convocazione se non avrà preventivamente comunicato la variazione.

Con apposita richiesta sottoscritta da almeno un decimo degli Associati, possono

essere indicati al Presidente argomenti da includere nell'ordine del giorno della successiva Assemblea.

L'Assemblea deve essere convocata almeno una volta all'anno per l'approvazione dei bilanci non oltre cinque mesi dalla chiusura dell'esercizio finanziario; a tal fine possono convocarla anche i Revisori dei conti.

L’Assemblea deve inoltre essere convocata dal Presidente qualora almeno un decimo degli Associati ne faccia richiesta motivata con l’indicazione dell’ordine del giorno.

Spetta all'Assemblea:

  1. a) impartire le linee generali programmatiche di politica e di condotta dell'Associazione;
  2. b) approvare il bilancio consuntivo e i programmi preventivi;
  3. c) stabilire le quote sociali annue;
  4. d) eleggere il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Collegio dei revisori dei conti o il Revisore Unico, il Collegio dei Probiviri e deliberare la durata di tali cariche sociali;
  5. e) modificare o rinnovare lo Statuto;
  6. f) approvare specifici Regolamenti di attuazione dello Statuto o modificare quelli approvati dagli Associati fondatori, nonché stabilire codici di comportamento degli associati;
  7. g) ratificare accordi e contratti collettivi stipulati dall’Associazione con altri Enti, Istituzioni, Associazioni ed Organizzazioni in genere;
  8. h) deliberare lo scioglimento dell'Associazione e impartire direttive per la devoluzione dei beni;
  9. i) deliberare su ogni altra questione proposta. 

L'Assemblea è presieduta dal Presidente dell'Associazione o, in sua assenza o vacanza della carica, dal vice Presidente o da un Presidente appositamente nominato. Essa nomina un Segretario che procede alla verbalizzazione delle deliberazioni. 

Fatte salve le diverse maggioranze espressamente previste dallo Statuto o imposte inderogabilmente dalla legge, l'Assemblea, in prima convocazione, delibera a maggioranza dei voti e con la presenza di almeno metà degli iscritti. In seconda convocazione, l'Assemblea delibera a maggioranza semplice dei presenti, qualunque sia il numero degli intervenuti. Di norma il voto è palese, tranne quando deve essere osservata la segretezza, con le modalità proposte dal Presidente, perché è previsto dallo Statuto, è deciso dall'Assemblea o attiene a questioni che riguardano la persona di un Associato. Il voto può essere esercitato da Associati in regola con il pagamento delle quote associative anche per specifica delega scritta conferita ad altro Associato presente all’Assemblea. Ogni Associato presente potrà essere portatore al massimo di due deleghe.

Gli Associati affiliati partecipano all’Assemblea senza diritto di voto e non concorrono al raggiungimento del numero legale.

Le deliberazioni adottate dalla Assemblea obbligano gli Associati della Associazione, anche se assenti, dissenzienti o astenuti dal voto.

Dello svolgimento e delle decisioni dell'Assemblea, deve essere redatto processo verbale firmato dal Presidente e dal Segretario dell'Assemblea.

Art. 10: CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è nominato dall'atto costitutivo e, in seguito, eletto dall'Assemblea. Esso resta in carica generalmente tre anni, ma l'Assemblea può stabilire una durata diversa.

Il Consiglio Direttivo è composto da sei Associati eletti a scrutinio segreto dall’Assemblea tra gli Associati fondatori e gli Associati ordinari, più il Presidente eletto dall’Assemblea.

Sono eleggibili solo gli Associati che presentino una proposta di candidatura scritta e firmata al Presidente dell’Assemblea entro il termine ultimo da lui fissato.

Salvo diversa procedura stabilita dall’Assemblea, ciascun Associato può indicare su apposita scheda il nominativo di cinque candidati.  Risultano eletti i sei  candidati che ottengono il maggior numero di voti. In caso di parità di voti, viene eletto l’Associato iscritto da più tempo ad Assomusica; in caso di ulteriore parità, viene eletto l’Associato più giovane per età. Nel caso che dalle votazioni non risultino indicati almeno sei nominativi, e purché i membri eletti siano almeno tre, oltre il Presidente in carica, il Consiglio si considererà comunque regolarmente insediato.

Il Consiglio Direttivo:

  • provvede alle funzioni di controllo sull’attuazione delle deliberazioni e degli indirizzi programmatici dell’Associazione espressi dall’Assemblea e si adopera per il raggiungimento dei fini dell'Associazione, anche deliberando su questioni di interesse generale non rientranti nella competenza esclusiva dell’Assemblea generale;
  • esamina ed approva le domande di adesione di nuovi Associati, e delibera su eventuali casi di decadenza da tale qualifica;
  • nomina e scioglie Commissioni di studio, Gruppi di lavoro e Comitati Tecnici, di cui possono far parte anche non associati, finalizzati all’esame e alla risoluzione di determinati problemi e all’attuazione di compiti specifici;
  • approva preliminarmente, prima di sottoporli alla ratifica definitiva da parte dell’Assemblea, eventuali accordi o contratti collettivi stipulati con Enti, Istituzioni, Associazioni od Organizzazioni in genere;
  • esamina ed approva il bilancio preventivo e consuntivo e le relazioni sull’attività svolta redatte dal Presidente prima che vengano sottoposti all’Assemblea;
  • determina gli eventuali compensi o gettoni di presenza del Presidente e degli altri eletti agli organi sociali sulla base delle specifiche indicazioni approvate dall’assemblea in sede di bilancio preventivo;
  • delibera l'assunzione e il licenziamento dei dipendenti dell'Associazione ed il loro trattamento stipendiale;
  • redige e sottopone all’approvazione dell’Assemblea annuale il bilancio preventivo e consuntivo e le relazioni sull’attività svolta;
  • espleta ogni altro incarico conferitogli dallo Statuto, dai regolamenti interni e dalle deliberazioni assembleari;
  • esercita tutte le competenze non espressamente riservate dallo Statuto e dalla legge all Assemblea e al Presidente.

Il Consiglio Direttivo è convocato almeno ogni due mesi, secondo il calendario che verrà concordato nella prima riunione dopo la nomina. Il Consiglio è convocato altresì senza particolari formalità dal Presidente o dalla maggioranza dei componenti ogni qualvolta sia necessario per l’attività dell’Associazione. Il Consiglio è costituito validamente con la presenza di almeno la metà dei componenti e, salvo diverse disposizioni statutarie, delibera a maggioranza semplice dei presenti, senza tener conto degli astenuti. Non sono ammesse deleghe. In caso di parità di voti prevale il voto del Presidente. In caso di parità in votazioni a scrutinio segreto, la delibera si considera respinta.

I Consiglieri decadono se ingiustificatamente non partecipano a due sedute consecutive o a più della metà delle riunioni tenute durante l'anno solare. La decadenza è notificata dal Presidente.

In caso di dimissioni, decadenza o cessazione dalla carica di uno o più componenti, vengono cooptati nel Direttivo i candidati risultati primi dei non eletti all'ultima Assemblea elettiva. In caso di parità di voti di preferenza, viene eletto l’Associato iscritto ad Assomusica da più tempo; in caso di ulteriore parità, viene eletto l’Associato più giovane per età. Devono essere indette elezioni suppletive solo se il numero dei Consiglieri scende sotto il numero minimo di tre consiglieri, escluso il Presidente in carica, altrimenti il Consiglio può restare in carica fino alla scadenza prevista, salvo diversa determinazione sua o dell'Assemblea.

 

 

Art. 11: PRESIDENTE

Il Presidente è nominato dall'atto costitutivo e, in seguito, eletto con voto a scrutinio segreto dall'Assemblea, E' eletto Presidente l'Associato che, sulla base del programma presentato all’Assemblea, ottiene il voto della maggioranza degli iscritti. Nel caso che nessun candidato raggiunga tale risultato, in seconda votazione viene eletto chi ottiene più voti nel ballottaggio tra i due candidati che avranno ottenuto più voti al primo turno.

La durata della carica è generalmente di tre anni, ma l'Assemblea può stabilire una durata diversa.  

La decadenza del Presidente per qualsiasi motivo non comporta la decadenza di tutti gli altri organi sociali. Fino all’elezione di un nuovo Presidente, ne assume le veci il Vice-Presidente.

Il Presidente convoca e presiede l’Assemblea generale e il Consiglio Direttivo.

Egli dirige e coordina l’attività dell’Associazione in conformità e in esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo, adottando i provvedimenti necessari per il conseguimento dei fini sociali e compiendo tutti gli atti che si rendessero necessari nell’interesse dell’Associazione e che non siano demandati per Statuto ad altri organi sociali.

Il Presidente è responsabile dell’amministrazione ordinaria dell’Associazione, provvede alla riscossione delle entrate ed al pagamento delle spese correnti, effettua tutte le operazioni sui conti correnti e depositi bancari e postali, controlla la tenuta dei documenti contabili e la conservazione del patrimonio; provvede alla gestione dei rapporti di lavoro del personale dipendente dell’Associazione. Per quanto riguarda spese straordinarie o comunque non incluse nel bilancio preventivo, opera solo dopo approvazione del Consiglio Direttivo.

Il Presidente ha la legale rappresentanza, anche giudiziale, dell'Associazione e può nominare avvocati consulenti e professionisti in genere per assistere e difendere l'Associazione in ogni lite, attiva e passiva, davanti a qualsiasi giurisdizione e in qualsiasi procedura arbitrale o amministrativa.

Di concerto con il Consiglio Direttivo, nomina, anche tra i non associati, i rappresentanti dell’Associazione presso Enti, Amministrazioni, Istituzioni, Commissioni ed Organizzazioni in genere.

Il Presidente, oltre al Vice Presidente, può nominare e revocare quando vuole durante il suo mandato fra i membri del Consiglio Direttivo (compreso il Vice Presidente) dei Presidenti Vicari conferendo loro espressa delega a sostituirlo nella trattazione di materie determinate nella delega. Ai Presidenti Vicari il Consiglio Direttivo può riconoscere un compenso per l'attività svolta.

Il Presidente può nominare, anche fra i non associati, un comitato esecutivo, consulenti ed esperti con il compito di affiancarlo e coadiuvarlo nella sua attività; egli può anche conferire deleghe operative per il compimento di singoli compiti ad altri soggetti, anche non associati.

 

Art. 12: VICE PRESIDENTE

Il vice Presidente è nominato dal Presidente fra i componenti del Consiglio Direttivo. Egli dura in carica fino alla decadenza del mandato del Presidente. In caso di vacanza della carica di Presidente, ne assume le veci ed entro sessanta giorni deve convocare l'Assemblea per l’elezione del nuovo Presidente.

 

Art. 13: ESERCIZIO FINANZIARIO E BILANCI

L'esercizio finanziario decorre generalmente dal 1° gennaio al 31 dicembre, salvo diversa decisione dell'Assemblea. 

L’Associazione deve redigere ed approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario secondo le disposizioni che seguono.

Il Bilancio Preventivo deve essere sottoposto all'approvazione dell'Assemblea Generale entro e non oltre il 31 maggio dell’esercizio cui si riferisce.

Le spese di competenza dell'esercizio in corso, sino all'approvazione dei Bilanci, sono autorizzate nel limite di 6/12 degli importi complessivi iscritti nel Bilancio Preventivo dell'esercizio precedente approvato dall'Assemblea Generale.

Il Bilancio Consuntivo deve essere sottoposto all'approvazione dell'Assemblea Generale entro e non oltre cinque mesi dalla chiusura dell'esercizio sociale.

I Bilanci devono essere depositati presso la sede almeno quindici giorni prima di quello fissato per il loro esame da parte dell'Assemblea Generale.

 

ARTICOLO 14 – REVISORI DEI CONTI

1) Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri effettivi e due supplenti eletti dall'Assemblea Generale. Almeno il Presidente del Collegio dei revisori deve essere iscritto nel registro nazionale dei Revisori contabili. In alternativa al Collegio dei Revisori, l’Assemblea può nominare un Revisore Unico che deve essere iscritto nel registro nazionale dei Revisori contabili.

2) Il Collegio dei Revisori o il Revisore Unico, qualora l’Associazione abbia optato per l’organo monocratico, dura in carica un triennio ed è rieleggibile.

3) Il Collegio dei Revisori, o nel caso in cui l’associazione abbia optato per l’organo monocratico il Revisore Unico, vigila sulla gestione economica e finanziaria dell’Associazione affinché la stessa sia conforme alle norme di legge e alle deliberazioni dei competenti organi associativi; ha il potere di revisione e di ispezione contabile; vista il bilancio consuntivo che gli deve essere presentato almeno 15 giorni prima dell'Assemblea convocata per la sua approvazione e presenta all'Assemblea una relazione sulla gestione conclusa.
4) La carica di Revisore dei Conti o di Revisore Unico è incompatibile con quella di componente del Consiglio Direttivo, di componente del Collegio dei Probiviri e di Tesoriere.
Ciascun Associato può votare per non più di tre candidati. Sono eleggibili solo i candidati presentati con proposta di candidatura scritta e firmata al Presidente dell’Assemblea entro il termine ultimo da lui fissato. Risultano eletti i tre candidati che ottengono il maggior numero di voti, e supplenti i due successivi in ordine di preferenze. In caso di parità di voti, viene eletto l’Associato iscritto ad Assomusica da più tempo; in caso di ulteriore parità, viene eletto l’Associato più anziano per età.

 

Art. 15: PATRIMONIO ED ENTRATE

Il patrimonio finanziario dell'Associazione "Assomusica" è costituito:

- dai contributi, lasciti e donazioni concessi da persone o da enti ed istituzioni pubbliche e private di ogni tipo,

- dai contributi degli Associati e dei sostenitori,

- da garanzie e fideiussioni degli Associati,

- da beni immobili che diverranno di proprietà dell'Associazione,

- da fondi di riserva costituiti con gli avanzi di gestione risultanti dai bilanci degli anni precedenti.

Il patrimonio dell’Associazione è costituito, in misura non inferiore ad euro 60.000, da disponibilità liquide e da investimenti in titoli e valori mobiliari.

Le entrate sono costituite:

- dalle quote associative iniziali ed annuali, ordinarie e straordinarie,

- dal ricavato dell'attività sociale. 

E' fatto divieto distribuire, anche in modo indiretto, eventuali utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

 

Art. 16: QUOTE SOCIALI

Gli Associati fondatori, ordinari ed affiliati devono pagare la quota d'iscrizione stabilita dall'atto costitutivo e, in seguito, dall'Assemblea, secondo le esigenze finanziarie dell'Associazione.

La quota associativa annuale copre l’anno dell’esercizio finanziario così come stabilito nel precedente articolo 14.

Tale versamento non crea altri diritti di partecipazione e, segnatamente, non crea quote di partecipazione trasmissibili a terzi o rivalutabili. E’ espressamente esclusa la rivalutabilità della quota associativa.

 

Art. 17: COLLEGIO DEI PROBIVIRI

L'Assemblea elegge tre Probiviri effettivi e due supplenti, di cui uno effettivo ed un supplente non associati, scelti fra coloro che abbiano proposto la loro candidatura in assemblea, perché sorveglino il comportamento degli associati e prendano ogni provvedimento in caso di immoralità, scorrettezza o violazione del codice di comportamento, degli atti e dei Regolamenti adottati dall'Associazione.

Sono eleggibili solo i candidati che presentino una proposta di candidatura scritta e firmata al Presidente dell’Assemblea entro il termine ultimo fissato. Per l’elezione, valgono le modalità sopra previste per l’elezione dei membri del Collegio dei Revisori dei Conti.

La durata della carica è la stessa di quella stabilita dall'Assemblea per il Consiglio Direttivo.

La carica è incompatibile con ogni altra all'interno dell'Associazione.

Il Collegio dei Probiviri decide a maggioranza, a scrutinio segreto, e, a seconda della gravità dei fatti, può comminare le seguenti sanzioni: la censura scritta, la sospensione dei diritti sociali fino ad un anno, sanzioni pecuniarie da € 1.000 a € 10.000, la decadenza dalle cariche sociali e l'espulsione. Queste ultime due sanzioni devono essere ratificate dall'Assemblea a maggioranza degli Associati presenti.

In caso di espulsione di un Associato per cause di particolari gravità, in attesa della ratifica da parte dell’Assemblea, il Collegio dei Probiviri può decidere per l’immediata sospensione cautelativa dell’associato sanzionato, che deve essere sottoposta all’approvazione da parte del Consiglio Direttivo.

Contro le decisioni del Collegio dei Probiviri, gli Associati soggetti a sanzioni possono fare appello all’Assemblea Generale.

Con l’atto stesso della loro domanda di ammissione ad Assomusica, gli Associati rimettono al Collegio la soluzione di controversie riguardanti l’interpretazione e l’esecuzione delle norme del presente Statuto, degli atti e Regolamenti adottati dell’Associazione, delle disposizioni emanate dagli organi sociali e le eventuali controversie sorte tra gli Associati e l’Associazione, e rinunciano a qualsiasi azione di rivalsa nei confronti dell’Associazione e dei membri componenti i suoi Organi Sociali, anche nell’eventualità di sanzioni comminate e poi revocate dall’Assemblea.

Nessun provvedimento disciplinare può essere adottato senza preventiva contestazione degli addebiti all’Associato interessato, che ha facoltà di fornire a propria difesa la documentazione o quant’altro ritenga utile al procedimento in corso, entro dieci giorni dal ricevimento dell’avviso.

Il Collegio dei Probiviri si attiva su propria iniziativa o su richiesta di qualunque Associato.

Il membro del Collegio dei Probiviri che fosse parte in causa in una controversia sottoposta all’esame del Collegio stesso, dovrà astenersi dalla presenza alle riunioni in cui è all’ordine del giorno la controversia che lo riguarda.

Le decisioni e le sanzioni del Collegio dei probiviri sono sempre comunicate a tutti gli Associati.

I verbali del Collegio dei Probiviri sono segreti, con la sola eccezione per il Presidente dell’Associazione in carica.

 

 

 

Art. 18: MODIFICHE STATUTARIE

Per modificare l’Atto Costitutivo e lo Statuto occorre la presenza dei tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza degli Associati presenti.

 

Art. 19: SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE

L'Associazione si potrà sciogliere con delibera assunta con il voto favorevole di almeno i tre quarti degli iscritti.

L'Assemblea delibera su tutte le modalità della liquidazione, sulla nomina di uno o più commissari liquidatori, sulla devoluzione del Patrimonio.

In caso di scioglimento dell'Associazione, con la stessa delibera o con altra approvata con uguale maggioranza, il patrimonio verrà devoluto ad associazioni che perseguono attività e fini analoghi o, in mancanza, ad associazioni aventi fini sociali di pubblica utilità sentito l'organismo di controllo di cui all'articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Tagged under

Collegio dei Revisori dei Conti

 
Presidente 
  • Simone Maria D’Arcangelo
 
 Revisori effettivi
  • Vincenzo De Carlo
  • Luciano Zucchet
Revisori  supplenti
  • Alessandro Bellucci
  • Carlo Parodi

Consiglio Direttivo

L'elenco dei Consiglieri eletti dall'Assemblea dei soci del 2017.

PRESIDENTE

  • Vincenzo Spera

MEMBRI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

  • Paolo De Biasi
  • Fulvio De Rosa
  • Ilaria Gradella
  • Carlo Parodi
  • Maurizio Salvadori
  • Claudio Trotta

Uffici e Contatti

Chi siamo

 

Assomusica è l’associazione degli organizzatori e dei produttori di spettacoli di musica dal vivo. Conta oltre centoventi imprese associate su tutto il territorio nazionale che coprono circa l’80% dei concerti dal vivo in Italia.

Dalla nascita di Assomusica i nostri associati hanno promosso migliaia di concerti e manifestazioni a pagamento dall’estremo nord alle isole, con la presenza di milioni di spettatori.
 

    Obiettivi e funzioni
  • Esercitiamo una costante attività di sensibilizzazione per l’approvazione di una Legge che sancisca il valore culturale, sociale e civile della musica in tutte le sue forme ed espressioni,spronando il Parlamento ed il Governo Italiano all’attenzione verso il nostro settore, anche attraverso l’utilizzo di adeguati strumenti promozionali in Italia ed all’estero ed il finanziamento di iniziative di incentivazione e ricerca di nuovi talenti. Inoltre riteniamo essenziale che vengano ricercate e finanziate soluzioni e progetti per costruire nuovi spazi polivalenti per la musica contemporanea.
  • Curiamo la promozione degli interessi e la definizione del profilo professionale degli agenti, dei produttori e degli organizzatori di spettacoli musicali. Lavoriamo per la formulazione in legge di regole certe e di un registro per l’esercizio della professione.
  • Forniamo consulenza ed assistenza in materia economica, sindacale, fiscale, giuridica, legislativa per la progettazione e l'organizzazione artistica, logistica e tecnica di manifestazioni e spettacoli.
  • Organizziamo manifestazioni e spettacoli, conferenze, convegni e promozione di iniziative editoriali utili per sostenere le finalità associative e migliorare la qualità di fruizione degli spettacoli.
  • Stabiliamo e incoraggiamo contatti, creiamo scambi e collaborazioni con enti ed istituzioni operanti nel settore della musica, dello spettacolo e dell'informazione in Italia e all'estero.

Inoltre Assomusica si è dotata di un codice etico e un documento “Regole e ruoli per lo spettacolo dal vivo in Italia”, unici in Europa. In essi vengono stabilite norme di comportamento volte a promuovere standard di qualità e di serietà deontologica di tutta la categoria nei confronti del pubblico, degli artisti, della pubblica opinione, del legislatore e delle istituzioni.

Assomusica ha promosso e promuove corsi di formazione; è presente nelle principali Commissioni di Vigilanza sui locali di pubblico spettacolo; esprime un proprio rappresentante in seno al Comitato per i problemi dello spettacolo, presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Da diversi anni ha istituito la Borsa di Studio intitolata a Franco Mamone (in oltre 3 decenni il più importante organizzatore di concerti in Italia) per premiare le tesi di Laurea inerenti qualunque aspetto tecnico, scientifico, pratico o teorico delle attività di spettacolo e dei suoi aspetti organizzativi.

Subscribe to this RSS feed