Log in
A+ A A-

Assomusica

Website URL:

BIGLIETTO NOMINALE: IL CONFRONTO TRA I PROMOTER RIUNITI IN ASSOMUSICA E L’ON. SERGIO BATTELLI

MILANO MUSIC WEEK

IL BIGLIETTO NOMINALE È LA RISPOSTA GIUSTA 
AL FENOMENO DEL SECONDARY TICKETING?

AL LINECHECK MUSIC MEETING AND FESTIVAL IL CONFRONTO 
TRA I PROMOTER RIUNITI IN ASSOMUSICA E L’ON. SERGIO BATTELLI

 

Per effetto di una modifica apportata alla scorsa L. di Bilancio, a partire dall’1 luglio 2019, è stato introdotto il sistema del biglietto nominale per accedere ai concerti di musica popolare contemporanea. Questo strumento è davvero la risposta giusta al fenomeno illecito del Secondary Ticketing? 

In un contesto così importante per la musica come la Milano Music WeekASSOMUSICA ha promosso l’incontro “Biglietto Nominale: una nota stonata”, che ha avuto luogo ieri presso l’Auditorium MMW Spazio B, (BASE Milano) nell’ambito delLinecheck Music Meeting and Festival. 

Durante l’incontro sono intervenuti Vincenzo Spera Presidente di Assomusica, Sergio Battelli Deputato, Presidente Commissione Politiche UE – Camera dei Deputati (M5S), Riccardo Grassi Direttore di Ricerca presso SWG e Stefano Lionetti CEO TicketOne. Ha moderato l’incontro il giornalista Renato Tortarolo.

«Abbiamo voluto questo incontro non per scatenare polemiche ma per favorire un confronto proficuo, a prescindere dalle posizioni di ciascuno dei presenti dichiara in apertura  il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera, che, al fine di contestualizzare il fenomeno del Secondary Ticketing, aggiunge: - Storicamente ci siamo occupati, ed io in prima persona bussando alle porte di SIAE, Agenzia delle Entrate e Finanza, di sottoporre alle istituzioni la problematica della vendita di biglietti non conforme alle regole di una deontologia professionale. La risposta che abbiamo ricevuto è sempre stata negativa. Il 14 ottobre 2016 abbiamo presentato un emendamento, inserito nel Decreto Fiscale, che tuttavia è stato bocciato. Subito dopo è scoppiato il noto scandalo del servizio realizzato dalle “Iene” che rese a tutti evidente il problema del bagarinaggio online, creando un forte movimento di opinione. Tuttavia, sussisteva un grave problema: all’epoca tutti erano in grado di rivendere i propri biglietti a dei prezzi diversi da quelli ufficiali, compresi gli organizzatori dei concerti e gli artisti, poiché non esisteva una legge che lo vietasse. È in questo momento che l’allora Ministro Franceschini riprese l’emendamento da noi proposto, rivisto insieme a SIAE e portato nella legge Finanziaria del 2017. Dall’1 gennaio al 31 dicembre 2017, nonostante la legge, lo Stato non ha applicato come avrebbe dovuto i provvedimenti contro questa dannosa pratica, mentre, d’alta parte, gli organizzatori e tutti quei soggetti prima coinvolti nella vendita secondaria di biglietti hanno smesso del tutto di dedicarsi a tale prassi. Su questo quadro generale si innesca la nuova norma sul biglietto nominale del Presidente Battelli, inserita nella Finanziaria del 2018, che da norma generale, è stata poi ristretta ai soli organizzatori di eventi di musica popolare contemporanea, escludendo però altri soggetti, come l’Arena di Verona, e altre forme di spettacolo. Dal mio punto di vista la funzione di questa norma, invece che punire i responsabili del bagarinaggio, crea soltanto problemi al pubblico e agli organizzatori per la quantità di risorse che questi devono impiegare».

L’Associazione torna così a porre l’accento su tutte le contraddizioni di una nuova normativa, che, stando anche ad una recente ricerca realizzata dall’Istituto SWG, sembra molto lontana dal risolvere il problema del bagarinaggio online. 

A questo proposito, Riccardo Grassi, Direttore di Ricerca presso SWG, dichiara: «L'indagine SWG evidenzia come la passione per i propri cantanti e gruppi preferiti spinga spesso i fan a cercare i biglietti dei concerti attraverso tutti i canali possibili. Il 44% di acquista i biglietti all'ultimo minuto li cerca da canali non ufficiali, spesso senza badare al prezzo di vendita. Al momento dell'acquisto on line, inoltre, meno del 40% degli intervistati sa distinguere rivenditori ufficiali da siti di Secondary Ticketing che, spesso, compaiono ai primi posti nei motori di ricerca. SWG ha condotto una simulazione d'acquisto per 8 dei maggiori concerti previsti per i prossimi mesi, per i quali sarà richiesto il biglietto nominale. In tutti i casi la disponibilità di biglietti su siti di Secondary Ticketing si è rivelata ampia, con prezzi fino a 11 volte superiori a quelli originali».

«La norma va sicuramente capita e rodata, come accade per tutte le nuove norme che entrano in vigore - replica l’On. Sergio Battelli - È vero anche che sulla Legge per il contrasto del Secondary Ticketing c'è un accanimento senza precedenti. Credo ci sia bisogno di altro tempo prima di poter cominciare a pensare ad una soluzione diversa. Trovo anzi che sia pretestuoso dare ad una norma la colpa dei disagi che si sono verificati in occasione del primo concerto con biglietto nominale obbligatorio»

 

Di diverso parere sono invece alcuni esponenti di altre forze politiche che, seppure non presenti all’incontro, hanno fatto pervenire il proprio contributo.  

In un appunto sul tema, l’On. Guido Germano Pettarin, Deputato, Componente Commissione Politiche UE – Camera dei Deputati (FI) sottolinea come: «Siamo di fronte ad un eccesso di legiferazione: per sanzionare il fenomeno del “bagarinaggio online” è stata colpita tutta la filiera dello spettacolo musicale, dal pubblico agli organizzatori di eventi, che non trae alcun beneficio da quanto dispostoSarebbe necessario tornare a ragionare sul tema e ammettere onestamente che la normativa sul biglietto nominale non coglie l’obiettivo, che è quello di combattere i siti che acquistano massivamente biglietti online per rivenderli a prezzi maggiorati».  

 

Dello stesso parere il Senatore Roberto Rampi, Componente Commissione Industria – Senato (PD), che attraverso un video contributo dichiara: «Credo sia arrivato il tempo di prendere atto che questa norma non serve e crea solo problemi ai cittadini invece di combattere veramente il bagarinaggio. Il mondo della musica e dei concerti è un grande momento di divertimento e di aggregazione, un pezzo importante dell’economia, che ha bisogno di semplificazioni e non di ulteriori complicazioni».

 

Simona Malpezzi, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri (PD), in collegamento telefonico, aggiunge: «Partendo dal fatto che la lotta al bagarinaggio ci vede tutti compatti, riteniamo che vi sia la necessità di trovare una soluzione per non penalizzare tutti coloro che lavorano nel settore della musica dal vivo, i quali vengono di fatto danneggiati dal biglietto nominale. Bisogna piuttosto pensare ad un confronto sereno tra le parti politiche per trovare un’alternativa che sia veramente efficace contro il fenomeno del bagarinaggio online». 

 

«Dopo l’introduzione della nominatività il pubblico non ha sin qui ridotto gli acquisti per gli eventi, tuttavia le problematiche agli accessi sono del tutto evidenti - dichiara Stefano Lionetti, CEO TicketOne - Dopo pochi eventi sono chiare le difficoltà nel garantire la regolarità degli accessi nonostante un impiego massiccio di risorse che non potrà essere garantito sempre e dovunque. Nel frattempo, i siti di secondario hanno automatizzato la raccolta dei dati degli spettatori e sono tranquillamente in grado di garantire biglietti correttamente intestati anche nei casi di vendite a prezzo maggiorato facendosi beffe della legge e di tutti coloro che per motivi personali o per incomprensioni si trovano invece con un biglietto irregolare all’accesso. La vera soluzione non è il biglietto nominativo, ma la rigorosa applicazione della legge ripetutamente richiesta da TicketOne e da altri operatori con un esposto e con continui solleciti alle autorità. Nel frattempo, TicketOne ha lanciato sul proprio sito la piattaforma etica di rivendita fanSale dove sono garantiti il prezzo originale e l’autenticità del biglietto a prescindere dalla nominatività dello stesso».

 

A conclusione dell’incontro, Assomusica ha presentato un documento, realizzato su dati estrapolati dall’ “International Ticketing Yearbook 2019”, che analizza il fenomeno del Secondary Ticketing e i provvedimenti attuati per contrastarlo in 20 diversi paesi europei ed altrettanti nel resto del mondo. 

 

«Molti paesi hanno legiferato contro il Secondary Ticketing, ma nessun Paese al mondo ha introdotto per legge la nominalità dei biglietti» conclude Vincenzo Spera. «In base a tutte le analisi qui rappresentate e ai dati raccolti, l’unica via praticabile per contrastare il fenomeno del bagarinaggio è quella di ammettere la possibilità, come già accade in Germania e in altri paesi europei, di imporre delle regole ai siti di Secondary e applicare alla rivendita dei criteri ben chiari e dei limiti precisi di sovrapprezzo»

 

Dopo aver ascoltato i vari studi e le tesi presentate dagli altri relatori, il Presidente Battelli si è detto disponibile a costituire un tavolo tecnico che possa migliorare la norma e trovare comuni soluzioni per rendere tale norma più efficace contro chi opera al di fuori dei sistemi di biglietteria ufficiali.

 

Assomusica Associazione

info@assomusica.org - Tel. +39 06 99585235 / +39 010 5221441

www.assomusica.org

 

Comunicazione Assomusica: Daniele Mignardi Promopressagency

Tel. + 39 06 32651758 r.a.- info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

Appuntamento con vincitori del Premio Assomusica SANREMO ROCK 2019 | Linecheck District | 21 novembre 2019 | ore 20.00

Giovedì 21 novembre | ore 20 | LINECHECK DISTRICT, EX FORNACE | avremo il piacere di risentire Bangcock, vincitori del premio Assomusica Sanremo ROCK 2019.

Partiti dalle selezioni del concorso con 1800 altri gruppi musicali, i Bangcock arrivano alle fasi finali di Sanremo Rock disputate a Sanremo dal 4 al 6 giugno nelle quali si sono confrontate le 130 band da tutta Italia che hanno superato la selezione. Il giorno della finale, svoltasi il 7 giugno con sole 16 band finaliste, i Bangcock vincono 4 prestigiosi premi, diventando la Band più premiata della storia del Sanremo Rock:

  • premio Astralmusic, in collaborazione con SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, premio Parole Rock al migliore autore under 35;
  • premio di Assomusica per la migliore esibizione live;
  • premio PMI per la band più originale.
  • premio MRI (Music Records Italy), SPC Sound e Sonopoli consistente nell’apertura canale VEVO, produzione, distribuzione digitale in tutto il mondo ed inserimento in air play.

Il premio Assomusica ha permesso ai Bangcock di esibirsi nel prestigiosissimo palco del FIRENZE ROCKS in apertura alle band di fama internazionale come The Cure, Editors, Sum41 e Balthazar domenica 16 giugno alla Visarno Arena.


MEMBRI:

Simone Falluomini aka FakeVoce
Francesco Rossi Valenti: Chitarra
Paolo Acquaviva: Trombone
Daniele De Bellis: Batteria
Alessio Zeppoloni: Basso

VIDEO CLIP:

-Convenevoli: https://www.youtube.com/watch?v=3Nu_25Q3Bx0
-Cattive Compagnie: https://www.youtube.com/watch?v=ojieQyOpFPU

“L'opportunità di un mercato globale per la musica italiana" - Così inaugura la Milano Music week

Alle 17.00 il Palazzo Reale ha ospitato la conferenza “L'opportunità di un mercato globale per la musica italiana". In sala sono presenti l'assessore alla cultura del comune di Milano Filippo Del Corno, il consigliere di gestione SIAE Paola Dubini, il CEO Fimi Enzo Mazza, il presidente di ASSOMUSICA Vincenzo Spera, il presidente di NUOVOIMAIE Andrea Miccichè e il rapper Fred De Palma. Al tavolo, dunque, i maggiori esponenti della filiera discografica italiana che hanno contribuito alla realizzazione della Milano Music Week. Il panel, coordinato dall’assessore Del Corno che illustra come il mercato globale sia diventato una sfida ed un’opportunità per l’industria musicale italiana. A tal proposito, tutti gli attori della filiera sono chiamati a fare fronte comune per far sì che la musica italiana sia presente od operativa per supportare questo cambiamento. Lo stesso concetto viene ripreso ed ampliato dal consigliere SIAE Dubini che, al fine di creare un maggior valore economico e culturale della musica, auspica una maggiore intesa con attori delle filiere estere.

Al centro di un panel sulla globalizzazione della musica certo non poteva mancare una finestra sullo streaming e sul digitale che il CEO Fimi Enzo Mazza spiega e sintetizza con "Nonostante il momento storico in cui si alzano i muri lo streaming ha eliminato qualsiasi barriera". La parola passa al rapper Fred De Palma che racconta la sua esperienza e i fortunati duetti con artiste internazionali. Come ha sostenuto Miccichè, la musica è il prodotto culturale che maggiormente si adatta alla globalizzazione e la sfida della filiera è essere capaci di esportare il nostro modello culturale.

Il panel si conclude con l’intervento di Vincenzo Spera che pone l’accento sulla necessità di maggiori sinergie a livello globale per creare un tessuto internazionale per l’intero mercato musicale.

L'Opportunità di un mercato globale per la musica italiana | Opening Istituzionale Milano Music Week | 18 novembre 2019

Opening Istituzionale Milano Music Week | 18 novembre 2019 | L'Opportunità di un mercato globale per la musica italiana
lun 18 nov - ore 17.00 - Palazzo Reale, Piazza del Duomo, Milano
Promosso da Comune di Milano, Siae, Fimi, Assomusica, NuovoImaie

Le modalità di consumo musicale sono cambiate radicalmente grazie alla diffusione di nuove tecnologie e dei social media: mai come in questo momento la musica italiana deve essere presente con la massima visibilità sulle piattaforme online e con la presenza nei principali festival live internazionali. Le sfide e le opportunità del mercato globale inaugurano Milano Music Week, la grande settimana dedicata alla filiera musicale e ai suoi principali attori.


Interverranno:

  • Filippo Del Corno - Assessore alla cultura, Comune di Milano
  • Paola Dubini - Consigliere di Gestione SIAE
  • Enzo Mazza - CEO, FIMI
  • Vincenzo Spera - Presidente, Assomusica
  • Maila Sansaini - Direttore Generale, NUOVOIMAIE

La denuncia di Assomusica sul biglietto nominale: LA NORMATIVA NON RISOLVE IL PROBLEMA DEL SECONDARY TICKETING

Comunicato stampa

BIGLIETTO NOMINALE

 

LA NORMATIVA NON RISOLVE IL PROBLEMA 
DEL SECONDARY TICKETING

 

PROLIFERA LA VENDITA DEI BIGLIETTI A PREZZI MAGGIORATI 
RINTRACCIATI SUI SITI TICKETCITY, STUBHUB E VIAGOGO

 

Assomusica denuncia i numerosi disagi per il pubblico, 
con code estenuanti ai cancelli e rincari del prezzo del biglietto
mentre il fenomeno del bagarinaggio online è lontano dall’essere risolto

  

 

LINK ALLA REGISTRAZIONE VIDEO SU RADIO RADICALE

 

Raddoppio dei tempi di attesa ai cancelli d’ingresso, lunghe code agli info point messi a disposizione del pubblico, numerose persone costrette a tornare a casa perché non in regola. Questi e molti altri i disagi subiti dal pubblico presente al concerto di Sting al Forum di Assago, lo scorso 29 ottobre, iniziato con un’ora di ritardo rispetto all’orario riportato sul biglietto. Le stesse problematiche si sono ripresentate ancora domenica 10 novembre in occasione della terza data consecutiva di Marco Mengoni al Forum di Assagol’unica a prevedere il biglietto nominale. Una diretta conseguenza dell’introduzione, dall’1 luglio, del biglietto nominale obbligatorio per i concerti con affluenza superiore a 5000 persone, denunciata in più occasioni da ASSOMUSICA - l’Associazione di Organizzatori e Produttori Italiani di Spettacoli Musicali dal Vivo alla quale aderiscono oltre 120 imprese che realizzano l'80% dei concerti in Italia - da Live NationTicketOne e dalle principali associazioni di categoria. 


Nel corso di una conferenza stampa presso il Senato della Repubblica, alla quale hanno partecipato il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera, l’AD TicketOne Stefano Lionetti, il senatore Roberto Rampi e il ricercatore dell’Istituto SWG Rado Fonda, sono state illustrate tutte le contraddizioni di una nuova normativa, che, lontano dal risolvere il problema del Secondary Ticketing, continua a vedere anzi il proliferare di tale fenomeno


«Tra le cause principali del fenomeno del Secondary Ticketing – 
dichiara il Presidente di Assomusica Vincenzo Spera - figura il fatto che in Italia, fino a qualche anno fa, non esisteva una legge che lo vietasse e che chiedesse l’oscuramento dei siti responsabili di tale fenomeno. Anche grazie all’attività di Assomusica è stato possibile realizzare una legge del genere (legge n. 232 dell’11 dicembre 2016), che tuttavia non è stata mai applicata. Da luglio è entrata in vigore una nuova normativa, che ha portato invece numerosi problemi non solo per le associazioni di categoria, ma soprattutto per il pubblico, italiano e straniero. Sono state svolte delle analisi che dimostrano chiaramente come l’attuale norma non funzioni, soprattutto in vista del fatto che non vengono applicate le sanzioni previste nei confronti dei veri responsabili del fenomeno del bagarinaggio online».


Secondo infatti le ricerche realizzate da SWG relativa a 8 diversi eventi programmati tra l’ottobre 2019 e il luglio 2020, è stata registrata un’ampia disponibilità di biglietti su piattaforme di Secondary Ticketing, con prezzi fino a 11 volte superiori a quello nominale. L’indagine ha preso in considerazione 3 piattaforme (Ticketcity, StubHub e Viagogo), spesso ai primi posti dei motori di ricerca.  


Per il concerto di STING (Forum di Assago 29/10/2019), i prezzi ufficiali di 63-144 euro raggiungono i 214-720 euro su StubHub. Per il concerto dei MODÀ (Forum di Assago 04/12/2019), sono disponibili su StubHub numerosi biglietti, con un prezzo variabile tra i 119 e i 358 eur. Per il concerto di COEZ (Forum di Assago 26/11/2019), si passa dai 37-52 euro dei prezzi ufficiali agli 80-110 euro di Viagogo. I bigletti per il concerto di ANTONELLO VENDITTI (Forum di Assago 30/11/2019), con costo pari a 30-79 euro, arrivano anche a 83-120 euro su StubHub e ai 60-95 euro di Viagogo. Per il concerto di LIAM GALLAGHER, (Palalottomatica – Roma 15/02/2020), si passa dai prezzi ufficiali di 46-57 euro, ai 95-134 euro di StubHub e ai 79-123 euro di Viagogo. Dai 41-66 euro dei biglietti per il concerto di TIZIANO FERRO (San Siro – Milano 05/06/2020) si arriva ai 79-113 euro di StubHub. Ci sono infine ULTIMO (Stadio Comunale di Bibbione 29/05/2020), che da 46-75 euro passano a 155-205 euro su StubHub e a 104-836 euro su Viagogo e RAMMSTEIN (Stadio Olimpico Grande Torino 13/07/2020), che da 77-126 euro vengono venduti a 191-347 euro su StubHub e a 179-217 euro su Viagogo. 


Secondo la ricerca condotta da SWG, l’acquisto dei biglietti online dalle piattaforme di Secondary Ticketing è inoltre normalmente considerata dal pubblico un’operazione estremamente semplice, che richiede non più di 12 minuti, senza avere informazioni su quale sia la reale fonte che lo ha messo a disposizione. 

L’inserimento del nominativo non garantisce infatti la legalità, i cosiddetti “bagarini”, presenti nei luoghi degli eventi, effettuano il cambio nome agli uffici preposti e concludono le proprie trattative indisturbati, mentre la complicata procedura per cambiare il biglietto introdotta con la nuova normativa, impedisce di fatto ai consumatori di regalare un biglietto a un familiare, amico o parente. 


Tutto questo per una piattaforma europea come TicketOne, nelle parole dell’AD Stefano Lionetti comporta: «Ingenti costi e faticose operazioni di back office oltre ad una presenza massiccia sui luoghi degli eventi, per rispondere ai problemi e alle richieste di persone disorientate (frequentissimo il caso di chi acquista quattro biglietti tutti con lo stesso nominativo), tutto ciò mentre il fenomeno del bagarinaggio è ancora ampiamente presente online. Dopo 2 eventi con bligletto nominale su 130 già messi in vendita dal primo di luglio, dobbiamo prendere atto del fatto che la normativa è di difficile gestione mentre non incide minimamente sul fenomeno e che non c’è alcun tipo di vera e propria dissuasione nei confronti dei siti in questioneDa parte nostra, insieme ad Assomusica e altri operatori del settore abbiamo presentato un esposto ad Agcom, già nel marzo 2019, per chiedere misure repressive contro il fenomeno del Secondary Ticketing come previsto dalla Legge,  tuttavia queste tardano ad essere applicate».


«Quello che bisogna combattere è il macro fenomeno – continua il senatore Roberto Rampi - che non coincide con la decisione di uno spettatore di cambiare idea all’ultimo minuto o di regalare il proprio biglietto ad un amico o a un famigliareSe l’introduzione del nominale all’interno di eventi sportivi è motivata dal fatto che si sono verificati purtroppo dei casi di violenza, la stessa situazione non vale per i concerti, che rappresentano anzi un momento di divertimento collettivo. Una soluzione possibile è quella di applicare e far funzionare la norma che già c’è e di cancellare, invece, la norma che è stata introdotta dall’1 luglio».


Gli esempi riportati dimostrano come le misure previste dalla norma, invece di perseguire l'attività criminosa di quei soggetti e delle imprese che sono causa del fenomeno del Secondary Ticketing, finiscano per colpire fortemente i consumatori e gli organizzatori di spettacoli dal vivo, comportando ricadute negative sull'intero settore.


«Auspichiamo - 
conclude il Presidente di Assomusica - che entro fine anno possa essere mantenuto l’impegno a rivedere la norma espresso dal Ministro Bonisoli in Parlamento, lo scorso 24 luglio. Se lo Stato non ha la capacità di affrontare i siti in questione, chiediamo che venga almeno stabilito un tetto percentuale massimo per la rivendita, come già avviene, ad esempio, in paesi come la Germania, dove è stato stabilito il 20% massimo rispetto al prezzo di vendita».

 

 

Link alla registrazione video su Radio Radicale


Assomusica Associazione

info@assomusica.org - Tel. +39 06 99585235 / +39 010 5221441

www.assomusica.org


Comunicazione Assomusica: Daniele Mignardi Promopressagency

Tel. + 39 06 32651758 r.a.- info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

ASSOMUSICA ALLA MILANO MUSIC WEEK 2019 | DUE IMPORTANTI INIZIATIVE SU TEMI DI GRANDE ATTUALITÀ PER IL SETTORE DELLA MUSICA DAL VIVO

ASSOMUSICA ALLA MILANO MUSIC WEEK 2019

 

DUE IMPORTANTI INIZIATIVE SU TEMI DI GRANDE ATTUALITÀ
PER IL SETTORE DELLA MUSICA DAL VIVO

 

DAL CONTRASTO AL SECONDARY TICKETING  AL TEMA DEL MICROCREDITO
COME STRUMENTO DI INCLUSIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

 

ASSOMUSICA, l’Associazione di Organizzatori e Produttori Italiani di Spettacoli Musicali dal Vivo, costituisce la realtà più rappresentativa del settore associando le più importanti imprese di musica dal vivo su tutto il territorio nazionale, che realizzano circa l’80% dei concerti nel nostro paese. 

Assomusica esercita una costante attività di sensibilizzazione a tutela del comparto, dei suoi operatori e dei fruitori, valorizza ogni iniziativa mirata ad incoraggiare e sostenere la crescita dei giovani talenti, principale risorsa del settore unitamente alla professionalità degli operatori. Ritiene, inoltre, di fondamentale importanza sancire il valore culturale, sociale e civile della musica in tutte le sue forme ed espressioni, attraverso un fattivo dialogo con i decisori politici più influenti nel settore musicale, sia a livello nazionale che in ambito europeo, dove ha promosso la nascita di un network per lo sviluppo di politiche comunitarie, anche a sostegno della mobilità degli artisti e dell’internazionalizzazione della musica.

Da sempre presente da protagonista ai grandi appuntamenti della musica italiana ed europea, anche per questa terza edizione, Assomusica, insieme al Comune di Milano, SIAE, FIMI e Nuovo Imaie, con il patrocinio del MiBACT, sarà tra i promotori della Milano Music Week, un appuntamento di riferimento per il settore, con forte vocazione internazionale, in grado di mettere, per ben sette giorni, la musica e tutta la sua filiera al centro dell’interesse mediatico. In tale contesto Assomusica organizzerà venerdì 22 novembre due importanti incontri - uno dei quali nell’ambito del Linecheck Music Meeting and Festival - dedicati all’analisi e all’approfondimento di tematiche di rilievo per il settore della musica dal vivo in Italia, attraverso stimolanti confronti tra operatori ed esponenti istituzionali.

 “Siamo onorati di far parte, anche per questo terzo anno, di un progetto così importante – dichiara il Presidente Assomusica Vincenzo Spera – Come sempre il nostro impegno è volto a valorizzare la creatività artistica ma, soprattutto, a creare un tessuto europeo che possa consentire a tutti i soggetti della filiera di avere un orizzonte più ampio, in grado di garantire maggiori opportunità di lavoro a livello internazionale”.


Gli appuntamenti ASSOMUSICA alla Milano Music Week:

VENERDÌ 22 NOVEMBRE 2019, 11:00 - 12:30
Terrazza Martini, Piazza Armando Diaz 7 (Milano)
IL MICROCREDITO: STRUMENTO DI INCLUSIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

INGRESSO GRATUITO con registrazione obbligatoria.  Per accreditarsi:  https://bit.ly/2PNdxwq

La difficoltà di accesso al credito è una delle principali problematiche nel settore dello spettacolo dal vivo e si sostanzia come un elemento ostativo alla realizzazione di eventi che, potenzialmente, avrebbero un importante ritorno dal punto di vista culturale ed economico per i territori. Negli ultimi anni il settore della micro finanza ha assistito ad una forte accelerazione ponendosi come un efficace strumento di contrasto all’esclusione finanziaria e sociale. Può essere questa la soluzione? 

Intervengono: 

  • Vincenzo Spera- Presidente Assomusica - Associazione di Organizzatori e Produttori Italiani di Spettacoli Musicali dal Vivo 
  • Nicoletta Rizzato -Presidente AGIS lombarda 
  • Andrea Cancellato Presidente Federculture 
  • Simona Nocerino - Senatrice, Componente Commissione Lavoro - Senato - M5S
  • Giulio CentemeroDeputato, Capogruppo Commissione Finanze - Camera dei Deputati – Lega 
  • Leonardo Marseglia - Direttore Fidicomet
  • Camillo Odio -Ingegnere - MISE Direttore Divisione VI - incentivi fiscali e accesso al credito 
  • Mario BacciniPresidente Ente Nazionale per il Microcredito 

    Moderatore: Andrea Biondi  Giornalista, Il Sole24ore.

****

VENERDÌ 22 NOVEMBRE 2019, 17:00 - 18:30 - LINECHECK MUSIC MEETING AND FESTIVAL
BASE Auditorium MMW Spazio B - Via Ambrogio da Fossano Bergognone 34 (Milano)
BIGLIETTO NOMINALE: “UNA NOTA STONATA”

INGRESSO GRATUITO.  Per accreditarsi: https://tinyurl.com/y6fq5rmg

Per effetto di una modifica apportata alla scorsa L. di Bilancio, a partire dal 1° luglio 2019, è stato introdotto il sistema del biglietto nominale per accedere ai concerti di musica popolare contemporanea. Questo strumento è davvero la risposta giusta al fenomeno illecito del bagarinaggio online? Concrete e recenti esperienze dimostrerebbero che la misura non risolverebbe il problema della bigliettazione secondaria e rischierebbe di compromettere la tenuta economica del settore e la sicurezza degli spettatori.

Intervengono:

  • Vincenzo Spera– Presidente Assomusica - Associazione di Organizzatori e Produttori Italiani di Spettacoli Musicali dal Vivo
  • Lorenza BonaccorsiSottosegretario di Stato MIBACT – PD
  • Sergio Battelli – Deputato, Presidente Commissione Politiche dell’Unione Europea – Camera dei Deputati - M5S 
  • Roberto Rampi – Senatore, Componente Commissione Industria – Senato – PD
  • Guido Germano Pettarin – Deputato, Componente Commissione Politiche UE – Camera dei Deputati - FI
  • Stefano Lionetti - CEO TicketOne
  • Riccardo Grassi– Direttore di Ricerca presso SWG spa

    Moderatore: Renato Tortarolo  Giornalista e critico musicale

                                           

Assomusica Associazione

info@assomusica.org - Tel. +39 06 99585235 / +39 010 5221441

www.assomusica.org

 

Comunicazione Assomusica: Daniele Mignardi Promopressagency

Tel. + 39 06 32651758 r.a.- info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

MILANO MUSIC WEEK: INVITO ASSOMUSICA AL PANEL "BIGLIETTO NOMINALE: “UNA NOTA STONATA” | 22.11.2019 - ORE 11- Milano

Venerdì 22 novembre 2019 – 17:00 – 18:30
BIGLIETTO NOMINALE: “UNA NOTA STONATA”
BASE Auditorium MMW Spazio B – Via Ambrogio da Fossano Bergognone, 34 (Milano)

All’interno del Linecheck Music Meeting and Festival

Ingresso gratuito - Per accreditarsi: https://tinyurl.com/y6fq5rmg

Per effetto di una modifica apportata alla scorsa L. di Bilancio, a partire dal 1° luglio 2019, è stato introdotto il sistema del biglietto nominale per accedere ai concerti di musica popolare contemporanea. Questo strumento è davvero la risposta giusta al fenomeno illecito del bagarinaggio online? Concrete e recenti esperienze dimostrerebbero che la misura non risolverebbe il problema della bigliettazione secondaria e rischierebbe di compromettere la tenuta economica del settore e la sicurezza degli spettatori. Se ne parla con operatori e istituzioni.


RELATORI

  • Vincenzo Spera - Presidente Assomusica 
  • Lorenza Bonaccorsi - Sottosegretario di Stato MIBACT - PD
  • Sergio Battelli - Deputato, Presidente Commissione Politiche dell’Unione Europea – Camera dei Deputati - M5S 
  • Roberto Rampi - Senatore, Componente Commissione Industria – Senato – PD 
  • Guido Germano Pettarin – Deputato, Componente Commissione Politiche UE – Camera dei Deputati - FI 
  • Stefano Lionetti - CEO TicketOne 
  • Riccardo Grassi - Direttore di Ricerca presso SWG spa 

    Moderatore: Renato Tortarolo – Giornalista 

MILANO MUSIC WEEK: INVITO ASSOMUSICA AL PANEL "IL MICROCREDITO: STRUMENTO DI INCLUSIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO" - 22.11.2019, Milano

Venerdì 22 novembre 2019 - 11:00 - 12:30
IL MICROCREDITO: STRUMENTO DI INCLUSIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO
Terrazza Martini – Piazza Armando Diaz, 7 (Milano) 

INGRESSO GRATUITO - Per accreditarsi  https://bit.ly/2PNdxwq

La difficoltà di accesso al credito è una delle principali problematiche nel settore dello spettacolo dal vivo e si sostanzia come un elemento ostativo alla realizzazione di eventi che, potenzialmente, avrebbero un importante ritorno dal punto di vista culturale ed economico per i territori. Negli ultimi anni il settore della microfinanza ha assistito ad una forte accelerazione ponendosi come un efficace strumento di contrasto all’esclusione finanziaria e sociale; può essere questa la soluzione? Se ne parla con operatori e istituzioni.


RELATORI

  • Vincenzo Spera– Presidente Assomusica  
  • Nicoletta Rizzato -Presidente AGIS lombarda 
  • Mario Baccini– Presidente Ente Nazionale per il Microcredito 
  • Andrea Cancellato – Presidente Federculture 
  • Simona Nocerino - Senatrice, Componente Commissione Lavoro - Senato - M5S
  • Giulio CentemeroDeputato, Capogruppo Commissione Finanze - Camera dei Deputati – Lega
  • Leonardo Marseglia – Direttore Fidicomet
  • Camillo Odio -Ingegnere – MISE Direttore Divisione VI - incentivi fiscali e accesso al credito

    Moderatore: Andrea Biondi – Giornalista, Il Sole24ore 

A fine evento seguirà un light lunch

30/10/2019 - Convegno “UNA VISIONE EUROPEA DELLE COMPETENZE DEI PROFESSIONISTI DELLO SPETTACOLO - Technical and Soft Skills”

Si è svolto mercoledì 30 ottobre, presso l’acquario Civico di Milano, il convegno “UNA VISIONE EUROPEA DELLE COMPETENZE DEI PROFESSIONISTI DELLO SPETTACOLO - Technical and Soft Skills”  con il quale si è concluso, con successo, il progetto CCLEP! - Certified Competences for Live Events Professionals, sulle certificazioni dei professionisti dello spettacolo, realizzato da Assomusica nell’ambito del programma Erasmus+.

L'incontro, coordinato da Susanna Cantoni, Presidente CIIP, è stato introdotto dal Presidente Assomusica, Vincenzo Spera e da Roberto Canciani, Segretario di Associazione Ambiente e Lavoro, con gli interventi di Nicoletta Cornaggia, Dirigente Ambienti di vita e di lavoro di Regione Lombardia e Silva Zaltron, Ispettorato Nazionale del Lavoro. 

Tra i relatori Paolo De Biasi, Presidente Vicario Assomusica, Alberto Artese, Responsabile Assomusica Progetti e Tavoli di lavoro europei e Maria Teresa Settino, DIT INAIL Roma, i quali hanno illustrato le indicazioni operative per la Formazione e Addestramento di Scaffolder e Rigger, redatte con INAIL in attuazione del Protocollo d’intesa ASSOMUSICA/INAIL.

Nella seconda parte del convegno gli interventi tematici e le considerazioni di fine progetto dei referenti  internazionali, Deolinda Silva di Epralima (PT), e Mahamouda Salouhou, Patou International (FR).

La platea, composta da esponenti del comparto e della filiera, ha seguito con grande interesse i temi trattati intervenendo attivamente al dibattito.

CODE E RITARDI AL CONCERTO DI STING - ASSOMUSICA: “IL BIGLIETTO NOMINALE RAPPRESENTA UN DANNO PER SPETTATORI ED ORGANIZZATORI DEGLI EVENTI”

Comunicato stampa

CODE E RITARDI AL CONCERTO DI STING

ASSOMUSICA

IL BIGLIETTO NOMINALE RAPPRESENTA UN DANNO PER SPETTATORI ED ORGANIZZATORI DEGLI EVENTI 

L’ASSOCIAZIONE RIBADISCE I DISAGI PER IL PUBBLICO E PER IL SETTORE
DOPO L’ENTRATA IN VIGORE DELLA NUOVA NORMATIVA PER I CONCERTI 

Raddoppio dei tempi di attesa ai cancelli d’ingresso, lunghe code agli info point messi a disposizione del pubblico, numerose persone costrette a tornare a casa perché non in regola. Questi e molti altri i disagi riscontrati al concerto di Sting al Forum di Assago nella serata di martedì 29 ottobre, iniziato con un’ora di ritardo rispetto all’orario riportato sul biglietto. 

Una diretta conseguenza dell’introduzione, dall’1 luglio, del biglietto nominale obbligatorio per i concerti con affluenza superiore a 5000 persone, denunciata in più occasioni da ASSOMUSICA, l’Associazione di Organizzatori e Produttori Italiani di Spettacoli Musicali dal Vivo, che costituisce la realtà più rappresentativa del settore associando le più importanti imprese di musica dal vivo su tutto il territorio nazionale. Ancora lo scorso luglio, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato gli organizzatori dei più importanti spettacoli di musica dal vivo in Italia, l’Associazione ha illustrato i disagi per il pubblico e i promoter e le contraddizioni della nuova normativa. 

«Una delle preoccupazioni principali legate all’introduzione delle nuove norme che abbiamo posto da sempre all’attenzione dell’opinione pubblica riguarda proprio i disagi per il pubblico provocati dalla nuova normativa» spiega Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica. «Ad un evento di tale portata come il concerto di Sting, dove gli spettatori, trattandosi di un giorno feriale, sono arrivati direttamente dopo il lavoro perché in possesso di biglietto con posto numerato, si sono creati, com’era inevitabile, dei forti rallentamenti dovuti alla necessità di effettuare i controlli previsti per legge. Dall’altra parte numerose persone sono dovute tornare a casa perché non in regola con le nuove norme. 

Ci auguriamo che il Parlamento, che ha già approvato un ordine del giorno sul tema, riveda la legge entro la fine dell’anno, come l’ex ministro Bonisoli si era impegnato a fare, e che, allo stesso tempo, tenga conto dei numerosi disagi e dei disservizi che si sono verificati in questa occasione. Il fenomeno del secondary ticketing, del resto, è ben lontano dall’essere risolto e le autorità deputate a sanzionare i siti responsabili del fenomeno del bagarinaggio online non hanno ancora preso provvedimenti adeguati».

                                                    

Assomusica Associazione
info@assomusica.org - Tel. +39 06 99585235 / +39 010 5221441
www.assomusica.org

 

Comunicazione Assomusica: Daniele Mignardi Promopressagency
Tel. + 39 06 32651758 r.a.- info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

 

 

 

Subscribe to this RSS feed

Milano Music Week 2018

Da Paganini ai talent – Panel Assomusica al MMW2018

Da Paganini ai talent – Come si è evoluto il management dell’artista presented by Assomusica Associazione