Log in

 facebook 

A+ A A-

redazione

Spotify lancia un tour live

Spotify ha deciso di entrare nel mondo reale con un tour. Ha infatti lanciato il RapCaviar Live, dal nome di una playlist con 7 milioni di seguaci. Finora la parte live del servizio in streaming era stata limitata a concerti per un numero limitato di persone.

La prima tappa del tour sarà ad Atlanta ad agosto, con Gucci Mane e Mike WiLL Make it, e i successivi appuntamenti saranno annunciati più avanti.

Nel frattempo, anche Taylor Swift ha nuovamente inserito la sua musica sul servizio da cui si era allontanata in precedenza.

Download Madrid, 100 mila presenze per il primo anno

Il festival Download Madrid ha ottenuto più di 100 mila presenze nel suo weekend inaugurale. Era stato annunciato a ottobre insieme all’edizione francese del Lollapalooza.

All’evento hanno partecipato Linkin Park, System of a Down, Prophets of Rage, Mastodon, Five Finger Death Punch e molti altri, in una location chiamata Caja Mágica.

Il festival sta così prendendo piede come raduno rock e metal.

ILMC lancia un'agenzia per l'analisi di dati nella musica live

La International Live Music Conference ha annunciato il lancio di un’agenzia specializzata in dati sulla musica live.

La Live Data Agency si occuperà di analisi, ricerche fra i consumatori e modelli economici. È diretta da Chris Carey, ex dirigente alla Universal Music Group. “La quantità di informazioni disponibile nel mondo della musica live è enorme, la sfida è sapere da dove cominciare. Il nostro scopo è aiutare le aziende a usare i dati che hanno già o collaborare con loro per otenerne di nuovi”, ha detto.

Tutti i festival dagli anni Sessanta in una playlist

Expedia, sito di prenotazioni online, ha dato nuova linfa al suo strumento online Playlister per permettere agli utenti di Spotify di creare playlist molto particolari.

Il database infatti si riferisce a 27,914 eventi che risalgono fino agli anni Sessanta e, secondo quanto spiegato dall’azienda, “gli ascoltatori potranno rivivere i vecchi tempi”.

I festival sono anche accompagnati da un punteggio in popolarità, spiegando quanto sono cresciuti dal primo momento.

Ansa.it: Nasce il Piemonte Jazz Festival

Nasce il 'Piemonte Jazz Festival', mirato a diventare non solo un nuovo festival di jazz 'diffuso', per promuovere le tante eccellenze musicali della regione, ma una piattaforma per mettere in rete tutto il mondo del jazz, facilitarne la promozione e la comunicazione. "Per noi il modello, oggi irraggiungibile, è Umbria jazz - spiega Renato Bolla, presidente del Consorzio Piemonte Jazz, che promuove il progetto - una rete di musicisti, promotori e amministratori che ha portato il marchio nel mondo. Ma Umbria Jazz nacque negli anni '70, un periodo diversissimo, noi ora dobbiamo arrangiarci con quello che abbiamo". Un festival che la Regione Piemonte, attraverso l'assessorato alla Cultura e il suo ente Piemonte dal Vivo ha subito promosso.
    "Abbiamo lavorato per mettere a sistema teatro, danza e musica, ora completiamo il lavoro con il jazz, un settore in cui una volta il Piemonte aveva una posizione da leader". Il Pjf ha anche un nuovo logo regalato dall'artista e amante del jazz Ugo Nespolo.

Repubblica.it: Afghan Whigs, addio al chitarrista Dave Rosser

Addio al chitarrista Dave Rosser, 50 anni, da numerosi anni al fianco di Greg Dulli nella band degli Afghan Whigs. Il musicista da alcuni mesi combatteva una battaglia contro un cancro al colon. "È con grande tristezza che diamo l'ultimo saluto al nostro amico, fratello e fonte di ispirazione", scrive la band, molto amata in Italia anche per le collaborazioni con gli Afterhours, sul suo profilo Facebook, "grazie a tutti quelli che lo hanno tenuto nel cuore. Sarà per sempre nei nostri".
 Rosser era entrato in forma stabile negli Afghan Whigs nel 2014, quando il gruppo annunciò la reunion, ma era stato accanto al leader Greg Dulli per molti anni nelle varie avventure musicali dell'artista, come The gutter twins e i Twilight Singers.
 Lo scorso ottobre era stata proprio la band a dare la notizia della malattia di Rosser ed erano stati organizzati due eventi speciali per raccogliere fondi per pagare le spese mediche del chitarrista. Nonostante la malattia Rosser aveva partecipato alla registrazione dell'ultimo album degli Afghan Whigs, In spades, pubblicato lo scorso maggio, ma aveva dovuto rinunciare a seguire il gruppo nel tour mondiale. "Cercherò di raggiungere la band in qualche tappa del tour europeo", aveva detto un paio di mesi fa in un'intervista. Anche gli Afterhours hanno ricordato il chitarrista sui social network: "È con grande tristezza che riportiamo la notizia della morte di David Rosser", scrive la band di Manuel Agnelli su Facebook, "nostro grande amico e straordinario musicista con cui abbiamo avuto la fortuna di condividere molti palchi in giro per il mondo. Ci uniamo al dolore della famiglia e di tutti quelli che gli hanno voluto bene e ne piangono oggi la scomparsa. Ciao Dave!".

Ansa.it: Sony torna a produrre vinili dopo 30 anni

Dopo quasi 30 anni la Sony Music torna a produrre vinili in proprio, aprirà una fabbrica in Giappone nel marzo 2018. La multinazionale aveva smesso la produzione casalinga del supporto nel 1989 dopo l'avvento dei cd. La decisione è stata presa per tenere il passo alla crescente richiesta di vinili. Secondo i dati della Bpi, l'industria di settore inglese, nel 2016 le vendite di vinili hanno raggiunto i livelli di prima del 1991.

Solo in Gran Bretagna sono aumentate del 53% per un totale di 3,2 milioni di unità. All'inizio di quest'anno, scrive Billboard, la Sony Music ha installato un macchinario per tagliare i vinili nella sua filiale di Tokyo, possibile anticipo dei suoi piani futuri.

Secondo le indiscrezioni, la prima ondata di vinili 'fatti in casa' dovrebbe riguardare principalmente musica giapponese.

I piani di Sony si aggiungono ad una serie di iniziative crescenti. Nel 2017 diverse nuove aziende che producono vinili sono nate negli Stati Uniti, da Detroit a Miami. Stessa storia in Europa, dove la maggior parte delle aziende che stampano vinili per major ed etichette indipendenti sono nella Repubblica Ceca e in Olanda. Insieme, fa notare il Guardian, le fabbriche europee riescono a produrre 100mila pezzi al giorno, una cifra che non soddisfa più le richieste. 

Midem, perché contano ancora le vendite fisiche in un mercato digitale

Mentre sale la percentuale di introiti che vengono dal mondo digitale, continuano però a essere importanti le vendite fisiche. Per le etichette minori, infatti, queste sono ancora cruciali, come spiega il blog del festival Midem.

I prodotti fisici, inoltre, sono ancora importanti dal punto di vista di promozione e marketing. Il vinile sta riguadagnando popolarità, e permette di creare cofanetti speciali o di vendere copie firmate. Altrettanto importante, per gli indipendenti, è diventato il Record Store Day.

Anche una casa automobilistica avrà il suo servizio in streaming

Anche una casa automobilistica avrà presto il suo servizio di musica in streaming. Si tratta della Tesla, il marchio elettrico di lusso. Secondo la rivista Recode, la casa starebbe trattando con le principali etichette discografiche.

«Pensiamo che sia importante che i nostri clienti abbiano un’esperienza eccellente in auto, ascoltando qualsiasi musica vogliano», ha detto una fonte a Recode.

Ticketmaster, un servizio di messaggistica istantanea

Anche Ticketmaster ha il suo servizio di messaggistica istantanea. Il sistema serve per «scoprire» gli eventi e dà suggerimenti conversando con gli utenti, che possono usare come filtri data, location, genere o artista.

Basta chiedere «Quali eventi ci sono stasera?» per ricevere come risposta tutte le opzioni nell’area. Si può anche essere più specifici, chiedendo per esempio se Lady Gaga suonerà quest’anno a New York, come hanno spiegato gli stessi addetti di Ticketmaster.

Subscribe to this RSS feed